Immobili
Veicoli
«Un secondo lockdown sarebbe veleno»
Archivio Keystone
SVIZZERA
14.10.20 - 09:530
Aggiornamento : 12:11

«Un secondo lockdown sarebbe veleno»

È il grido d'allarme lanciato da Swissmechanic di fronte all'attuale andamento della pandemia

ZURIGO - L'evoluzione sul fronte della pandemia spinge a un grido d'allarme Swissmechanic, l'associazione delle piccole e medie imprese (PMI) attive nell'industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica (MEM): va assolutamente evitato un altro confinamento e per raggiungere questo obiettivo devono impegnarsi le imprese, ma anche la società.

Molte aziende si trovano in una situazione difficile, non poche faticano a sopravvivere, afferma l'organizzazione in comunicato odierno. «In questa situazione critica un secondo lockdown sarebbe veleno», sostiene il presidente Roland Goethe, citato nella nota.

La piazza industriale elvetica sarebbe messa in ginocchio e andrebbero persi posti di lavoro e di formazione di elevato valore. «Ciò deve essere impedito con tutti i mezzi: per questo è necessario il contributo dell'intera società, anche se molti non hanno più voglia di sentirlo».

Swissmechanic esorta l'industria MEM a fare tutto il necessario per garantire il rispetto delle norme sulla distanza e d'igiene. «Le PMI del settore hanno già dimostrato di sapersi conformare a queste norme: solo in tal modo è stato possibile mantenere la produzione anche durante il confinamento». Fortunatamente, argomenta l'associazione, le industrie MEM sono state risparmiate dalle chiusure temporanee, con l'eccezione del canton Ticino, particolarmente colpito nella prima ondata.

Negli ultimi giorni i contagi stanno di nuovo aumentano fortemente: la situazione è preoccupante. Per questo motivo si deve continuare a fare tutto il necessario per proteggere i dipendenti dalle infezioni, esorta l'organizzazione. Ci sono ditte che hanno volontariamente introdotto mascherine obbligatorie nei loro stabilimenti. Anche un'ulteriore espansione del telelavoro è in discussione. Tutto quanto aiuta a fermare l'aumento del numero d'infezioni è utile, perché un secondo lockdown deve essere evitato a tutti i costi, conclude Swissmechanic.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
8 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
9 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
10 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
11 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
14 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
15 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
17 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
19 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
20 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile