Keystone
SVIZZERA
11.10.20 - 13:170
Aggiornamento : 16:05

Sciare in tempi di covid, nei grandi comprensori sarà possibile

Nonostante le regole più severe, a St.Moritz, Zermatt e nella regione della Jungfrau regna l'ottimismo.

BERNA - Le grandi località sciistiche elvetiche sono ottimiste: nonostante l'aumento di casi di coronavirus, molti appassionati aspettano l'arrivo dell'inverno per tornare sugli sci. Sulle piste e nei dintorni ci saranno però regole più severe rispetto alle scorse stagioni.

L'obbligo d'indossare mascherine protettive, il mantenimento della distanza e la disinfezione saranno misure precauzionali che verranno introdotte quasi ovunque.

«Stiamo pianificando un inverno con alcune novità», afferma Markus Meili, direttore degli impianti di risalita grigionesi di St. Moritz/Engadina. Per quanto riguarda gli impianti non ci sono cambiamenti rispetto alle scorse stagioni, precisa Meili, aggiungendo tuttavia che sugli impianti di risalita al chiuso - ad esempio funivie, ovovie e ferrovie di montagna - sarà in vigore l'obbligo d'indossare la mascherina, mentre in coda bisognerà mantenere le distanze.

A Zermatt (VS), ai piedi del Cervino, saranno aperte tutte le funivie e l'ufficio del turismo ha sviluppato una speciale sciarpa tubolare che permette una protezione simile alla mascherina. «Sulle piste non cambia nulla, perché si è all'aria aperta e la distanza minima quando si scia viene comunque mantenuta», rileva Simona Altwegg di Zermatt Tourismus.

Anche nella regione della Jungfrau, nell'Oberland bernese, non si vedono problemi. Nei comprensori sciistici di Grindelwald, Wengen e Mürren le mascherine saranno obbligatorie sui treni e sulle gondole. Inoltre, per garantire un ricambio di aria, le finestre degli impianti di risalita potranno essere aperte quasi ovunque.

«Per gli sci-lift e le seggiovie non ci sarà l'obbligo d'indossare la mascherina», spiega Kathrin Naegeli, portavoce delle Jungfraubahnen, sottolineando che le persone in questi casi si trovano all'aria aperta e il tempo di percorrenza è solitamente inferiore ai 15 minuti. Saranno invece i cantoni a determinare se in fila a tali impianti di risalita sarà necessario proteggersi bocca e naso.

E per l'après-ski? Secondo Altwegg, in Svizzera - o almeno a Zermatt - questa attività non gioca un ruolo importante. Per la maggior parte degli ospiti, l'attenzione è rivolta allo sci e alla gastronomia, aggiunge la portavoce di Zermatt Turismo. Anche per Meili l'Alta Engadina non è una località nota per l'eccessivo après-ski. È in ogni caso chiaro per tutti che non ci saranno da attendersi grandi festeggiamenti dopo le giornate di sci. Martina Bieler, portavoce di Svizzera Turismo, si attende dal canto suo un calo del numero di ospiti stranieri.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Abuso di crediti Covid: oltre un miliardo sotto la lente
Il Controllo federale delle finanze ha trasmesso alla SECO 4'646 garanzie per ulteriori approfondimenti
ZURIGO
5 ore
Super ricchi: immutata la classifica dei top 3 svizzeri
In testa sempre la famiglia erede del gruppo Roche.
SVIZZERA
6 ore
Il vaccino? «Dapprima alle coppie “internazionali”»
La proposta: le persone non sposate con una relazione a distanza dovrebbero avere un accesso prioritario al vaccino
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera è sempre più l'Eldorado ferroviario d'Europa
In media, ogni anno, prendiamo 74 volte il treno percorrendo 2'505 chilometri.
SVIZZERA
9 ore
«In Svizzera si potrà andare a sciare»
Lo assicura il consigliere federale Alain Berset durante un odierno incontro coi media
FOTO
ZURIGO
9 ore
Zurigo ricorda il suo Köbi con una targa
Nel primo anniversario della sua morte, la Città ha posto la placca commemorativa sulla casa in cui è cresciuto.
SVIZZERA
9 ore
Un'app impedisce ai minori di acquistare alcol
Si chiama Jack ID-Scan e permette di determinare velocemente l'età dell'acquirente
SVIZZERA
10 ore
Che batosta per la Posta
Il Covid ha affossato i ricavi nei primi tre trimestri. Ma si vede una luce in fondo al tunnel
BERNA
10 ore
Polemiche su come la Procura federale ha gestito il dossier della 28enne
Fra chi pensa che ci siano stati errori e leggerezza e chi è convinto che abbia agito correttamente, la politica divisa
SVIZZERA
12 ore
Covid, in Svizzera altri 4'509 casi e 79 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 28'740 test, con un tasso di positività del 15,7%
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile