Immobili
Veicoli
ARCHIVIO KEYSTONE
Luca Zaia contesta la decisione dell'Ufficio federale della sanità pubblica di mettere il Veneto nella lista delle destinazioni ad alto rischio di contagio.
ITALIA / SVIZZERA
10.10.20 - 18:210
Aggiornamento : 22:24

Luca Zaia contro l'inserimento del Veneto nella "lista nera" dell'Ufsp

Secondo il governatore è in atto una penalizzazione «senza nessun dato epidemiologico che vada in questa direzione»

VENEZIA - Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia non ha nascosto il suo disappunto per la decisione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) d'inserire la sua regione (insieme a Campania e Sardegna) all'elenco delle aree ad alto rischio di contagio da coronavirus.

«Qui si stanno penalizzando quattro regioni italiane senza nessun dato epidemiologico che vada in questa direzione» ha dichiarato. «Mi spiace che accada questo, ne prendiamo atto, ma è altrettanto vero che se il Governo c'è deve battere un colpo».

Secondo Zaia è sbagliato il criterio che sta alla base del provvedimento: «Non si può selezionare per Regioni, tu si, tu invece no: l'Italia non l'ha mai fatto nei confronti di altri Paesi». Il governatore veneto aggiunge: «Per noi la Svizzera è un punto di riferimento, non solo dal punto di vista economico, ma in generale: abbiamo sempre tenuto un rapporto da cugini e da vicini di casa. Sul fronte del turismo, gli svizzeri ci hanno sempre scelto come meta privilegiata per le vacanze».

«Ci spiace venire a conoscenza di questo provvedimento, perché non si capisce da dove nasca. Di certo, sappiamo che ormai la storia del Covid-19 è fatta da tanti provvedimenti adottati a macchia di leopardo, sia a livello europeo che internazionale, senza una regia dell'Oms. Di questo dobbiamo esserne consapevoli; se l'Oms avesse fatto una lista e desse una indicazione scientifica certa potremmo avere anche unità di misura di graduazione e intensità degli interventi. A questo punto» conclude Zaia «sarebbe utile avere i dati epidemiologici della Svizzera, quanti tamponi fa ogni giorno, su quale percentuale di cittadini e quanti sono i positivi. Magari veniamo anche a conoscenza di una situazione che oggi non si conosce».

Dati che, peraltro, sono disponibili alla popolazione e comunicati ogni giorno tranne che nei fine settimana (anche su queste pagine).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
48 min
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
4 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
5 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
14 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
19 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
21 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
21 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
22 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
22 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
1 gior
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile