Keystone
BERNA
09.10.20 - 14:030
Aggiornamento : 18:58

«La situazione attuale è preoccupante. Siamo in una seconda ondata»

Parla per la prima volta pubblicamente la nuova direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica

Non ci sarà nessuna vaccinazione obbligatoria

BERNA - La nuova direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica (BAG), Anne Lévy, ha fatto il suo primo incontro pubblico a dieci giorni dalla sua elezione. Di fronte ai giornalisti ha presentato l'attuale scenario sanitario legato alla pandemia da coronavirus, e si è detta preoccupata per la situazione. "I numeri stanno aumentando rapidamente e in tutta la Svizzera", ha detto. Il Governo federale ha avviato quindi una nuova campagna per sensibilizzare la popolazione di fronte alla gravità.

"Ora è importante rispettare le misure", ha sottolineato Lévy spiegando che è compito di tutti fermare l'ascesa. Le regole precedenti come mantenere le distanze, lavarsi le mani e stare attenti ai sintomi restano dunque invariate.

Anne Lévy ha ulteriormente sottolineato di fronte ai giornalisti che la situazione particolare continua a sussistere, e che i cantoni devono essere in prima linea nella lotta alla pandemia. "Stiamo andando bene finora. Ma è compito di tutti contribuire a fermare l'avanzare della pandemia".

Il vaccino - Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo infettivo dell'UFSP, rispondendo ai giornalisti ha ammesso che con ogni probabilità ci troviamo di fronte a una seconda ondata. «Il tracciamento dei contatti non è un sistema perfetto. Stiamo certamente assistendo a un aumento costante. Ci sono sempre persone che sfuggono perché non si trovano o perché non sono in quarantena. Solo retrospettivamente si puo' dire se c'è una seconda ondata. Tuttavia dobbiamo ammettere che siamo effettivamente di fronte a una seconda ondata». Per quanto riguarda il vaccino Virginie Masserey ha dichiarato che sulla quantità delle persone che verranno vaccinate, molto dipenderà dal quantitativo di vaccini che avremo a disposizione. Si inizierà con gli operatori sanitari, e non è previsto alcun obbligo di vaccinazione.  "Ognuno dovrebbe decidere da solo se vuole essere vaccinato" ha sottolineato Masserey. Nei prossimi mesi verrà elaborato uno scenario di vaccinazione con i Cantoni. I cantoni sono responsabili della messa in atto di strutture per le vaccinazioni. Nei prossimi mesi verrà elaborato uno scenario nazionale riguardante i vaccini assieme alle autorità cantonali.

"Stiamo lavorando per ottenere un vaccino", ha dichiarato Nora Kronig, capo del dipartimento internazionale presso l'Ufficio federale della sanità pubblica. «Il nostro obiettivo è garantire che venga sviluppato rapidamente un vaccino a cui la Svizzera abbia accesso e che sia distribuito a livello globale. Attualmente sono in fase di sviluppo dieci vaccini per la Svizzera. Ad esempio, la Confederazione ha firmato un contratto con la società di biotecnologie Moderna. Secondo l'iniziativa internazionale Covax, azienda biotecnologica, i vaccini sono stati preordinati per il 20% della popolazione, ha fatto notare Kronig.

Misure drastiche - Di fronte alla domanda dei giornalisti se dobbiamo attenderci un altro Lockdown, Masserey  ha dichiarato che una decisione simile non dipende per forza dall'aumento del numero di nuovo casi. «Non esistono criteri fissi per prendere misure drastiche».

Test rapidi - Esistono abbastanza test per diagnosticare il Covid? Risponde Anne Lévy: «Il laboratorio di riferimento è quello di Ginevra che sta valutando i test rapidi. Non appena sapremo se i test sono utili, vedremo dove e come li utilizzarli». Lévy ha anche dichiarato che ci sono trattative con il settore industriale per quanto riguarda la produzione di test fatti in casa. E ha voluto rassicurare che esistono abbastanza tamponi. 

Nuova campagna arancione - a Confederazione lancia una nuova campagna di prevenzione per contrastare la propagazione dell'epidemia di Covid-19. Le raccomandazioni non cambiano, ma il colore arancione utilizzato deve mettere in guardia la popolazione sulla pericolosa tendenza al rialzo delle nuove contaminazioni. La nuova campagna, che incomincerà sotto forma di manifesti nello spazio pubblico e messaggi sui social network, ribadisce i consigli finora impartiti: distanza sociale di 1,5 metri, igiene delle mani, mascherina quando la distanza non può essere mantenuta e scaricamento della app Swiss Covid.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
43 min
«Vanno promosse le maschere in tessuto certificate»
È quanto chiede Greenpeace con una petizione indirizzata al Governo federale
GRIGIONI
1 ora
Investe e uccide un lupo in Val Surselva
Il conducente dell'auto ha immediatamente segnalato al guardiacaccia quanto accaduto tra Disentis e Sedrun.
ZURIGO
1 ora
Prima colpisce l'auto con una bottiglia, poi l'agente con un pugno
Il 31enne è stato infine fermato (non senza difficoltà). Ha motivato le sue azioni con l'odio verso la polizia.
SVIZZERA
1 ora
TX Group obiettivo di attacchi hacker
Il gruppo mediatico, che pubblica tra gli altri 20 Minuten, ha respinto l'aggressione.
SVIZZERA
1 ora
EasyRide conquista il trasporto locale
In un anno la funzione di ticketing automatico è stata utilizzata per circa 4,5 milioni di viaggi
SVIZZERA
2 ore
Più donne ai vertici di aziende e istituti parastatali
Il Consiglio federale ha deciso di portare la quota di rappresentanza di entrambi i sessi dal 30 al 40%.
SVIZZERA
3 ore
Il vaccino suscita ottimismo tra gli analisti
Le prospettive riguardanti congiuntura e Borsa sono favorevoli, meno quelle sull'impiego
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 4'876 casi e 100 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore è risultato positivo il 16% dei test Covid-19
VAUD
4 ore
Il monossido di carbonio uccide due persone
Tragico incidente sul lavoro a Goillon: le vittime sono due dipendenti del Servizio della sicurezza civile e militare.
SVIZZERA
4 ore
Nestlé cede importanti attività in Cina
Venduto un marchio noto per prodotti a base di riso e per il latte di arachidi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile