Deposit
SVIZZERA
09.10.20 - 08:180
Aggiornamento : 09:13

Oltre il 40% dei medici è confrontato con questo fenomeno

Lo chiamano digiuno terminale. In un anno lo hanno fatto 458 persone. "Non ci aspettavamo una cifra così elevata"

ZURIGO - Lasciarsi morire di fame e di sete: è un tema ancora tabù, ma da un sondaggio svolto dalla Federazione dei medici svizzeri (FMH), assieme all'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), risulta che oltre il 40% dei medici di famiglia siano già stati confrontati con casi di "digiuno terminale" o "digiuno ante mortem".

Pur mancando a livello svizzero un approccio unitario a questo fenomeno, la maggior parte dei dottori ha un atteggiamento positivo nei confronti di queste persone.

Le ricerche sulla rinuncia volontaria a ogni tipo di alimentazione solida o liquida sono scarsi. Da qui l'idea dei ricercatori di saperne di più mediante un sondaggio rappresentativo condotto tra 750 medici in tutta la Svizzera.

Il risultato ha sorpreso gli stessi ricercatori: oltre il 40% dei medici è stato confrontato almeno una volta con questo problema. In media, i medici hanno avuto a che fare con 11 casi del genere. "Non ci aspettavano una cifra così elevata", ha ammesso Sabrina Stängle, co-autrice dello studio citata in una nota odierna della ZHAW.

Manca un approccio omogeneo - Stängle lamenta il fatto che in Svizzera manchi un approccio omogeneo al fenomeno: a suo parere andrebbe cercato un consenso per una presa a carico professionale e standardizzata di queste persone. In ogni caso, il 60% dei medici contattati credono che un simile fenomeno sia un processo naturale associato alla morte e che andrebbe accompagnato da personale sanitario; il 32% ha associato il problema a una forma di aiuto passivo al suicidio e il 6% al suicidio assistito tout-court. A tale riguardo, sono in effetti necessarie cure palliative, come l'umidificazione regolare delle mucose buccali.

Visione del mondo, religione ed etica professionale - Il 73% dei professionisti ritiene che questo tipo di assistenza sia compatibile con la propria visione del mondo o religiosa e il 58% con la loro etica professionale. Coloro che hanno già avuto a che fare con casi simili sono in genere più favorevoli. Oltre la metà dei dottori sottolinea tuttavia lo stress generato da un simile accompagnamento.

Il progetto di ricerca si poneva come obiettivo anche di quantificare il numero di decessi nelle case per anziani o a domicilio attribuibili al "digiuno terminale". Per l'anno preso in considerazione, il 2017, si è giunti a 458 persone, pari all'1%. A parere degli estensori della pubblicazione, tale somma andrebbe moltiplicata per tre, se non di più: molte persone infatti non dichiarano apertamente di rinunciare a nutrirsi.

Daniel Büche, medico all'ospedale cantonale di San Gallo e coautore, afferma di ricevere un media una volta al mese una domanda del genere da parte di pazienti, parenti o medici di famiglia. In questi casi, ha sostenuto, è importante informare bene le persone coinvolte, perché l'intero processo può essere difficile e durare a lungo, con manifestazioni quali deliri o dolori.

A suo avviso, si tratta ancora di un problema tabù che andrebbe finalmente affrontato, anche per trovare risposte a determinati interrogativi etici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
36 min
Gli impianti sciistici tremano: «Ulteriori strette non saranno sostenibili»
Critiche alla possibili misure anti covid: «Completamente sbagliate»
SVIZZERA
3 ore
«Dentifricio e collutorio neutralizzano il virus che causa il Covid»
Un test di laboratorio parla di efficacia al 99,9%.
SVIZZERA
5 ore
Il Nazionale affossa la Legge sulle pigioni commerciali
Bocciato il progetto pensato dal Governo per alleggerire gli affitti delle attività chiuse durante il lockdown.
BERNA
6 ore
Vitamina D: in Svizzera troppi test «inutili e costosi»
È la conclusione tratta da uno studio pubblicato sulla rivista specializzata "BMC Health Services Research".
VALLESE
7 ore
Trail-running: caduta letale per una 46enne
La donna è morta sulle montagne di Saas-Fee. Il suo corpo è stato trovato domenica
FOTO
ZURIGO
8 ore
Cocaina e qat sequestrati all'aeroporto di Zurigo
I due corrieri - uno spagnolo 66enne e un olandese di 59 anni - sono finiti in manette
SVIZZERA
9 ore
I pazienti Covid da girare «come i tacos»
All'ETH hanno trovato un metodo per girare su sé stessi i malati in cure intense. E ricorda il famoso piatto messicano
GRIGIONI
11 ore
Col tunnel di base, Grigioni più vicini a Milano
Ecco il potenziamento del trasporto pubblico nel cantone retico
SVIZZERA
12 ore
Axpo e CKW realizzano una mega-batteria da 50 tonnellate
Due di queste batterie giganti verrano utilizzate per aumentare la stabilità della rete elettrica svizzera
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera 8'782 casi nelle ultime 72 ore
Da venerdì si registrano anche 399 nuovi ricoveri e 195 decessi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile