Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA / EUROPA
07.10.20 - 12:160

Il 95% dei giovani svizzeri non si ferma alla scuola obbligatoria

In Ticino, con un 6,3%, la quota è la più alta delle sette regioni in cui Eurostat ha suddiviso il Paese

BRUXELLES - La Svizzera è uno dei paesi europei in cui il numero di giovani che rinunciano a sedere sui banchi scolastici dopo l'insegnamento obbligatorio è il più basso. Lo indica oggi l'Ufficio statistico dell'Unione europea (Eurostat).

Per l'insieme dei 27 paesi dell'Ue, la statistica dice che per un giovane su dieci (10,2%) la formazione scolastica termina con l'obbligatorietà. Per la Confederazione il dato è del 4,4%. Ancora meno adolescenti disertano la scuola nella Svizzera orientale (che comprende tra gli altri il canton Grigioni, 3,3%) e in quella centrale (3,5%). In Ticino, con un 6,3%, la quota è la più alta delle sette regioni in cui Eurostat ha suddiviso il Paese.

Propriamente l'Ufficio europeo, che ha analizzato la situazione anche in Paesi fuori dall'Ue come la Svizzera, la Gran Bretagna e la Turchia, ha considerato la popolazione di età compresa tra 18 e 24 anni e ha computato il numero di persone che non frequentavano una scuola nelle quattro settimane che hanno preceduto il rilevamento. I dati riguardano il 2019.

Nell'Ue la rinuncia alla scuola postobligatoria è più elevata nella regione di Yugoiztochen (Bulgaria sudorientale), dove il 27,2% dei giovani ha terminato il percorso scolastico dopo le elementari e le medie. Seguono le regioni spagnole di Ceuta e Melilla (enclavi in Marocco) nonché delle Baleari (circa un quarto degli adolescenti e giovani adulti). Seguono la Sicilia (Italia, 22,4%), l'insieme dell'Islanda (17,9%), la Scozia meridionale (Gran Bretagna, 16,9%) e l'insieme della Romania (15,3%).

All'altro capo della graduatoria vi è invece la regione di Jadranska Hrvatska (sulla costa adriatica della Croazia, 1,7%). Seguono appaiate le regioni dove sorgono Praga e Vilnius (capitali della Repubblica Ceca e della Lituania, 1,9%) e la regione greca della Macedonia centrale (2%).

Stando a Eurostat, la maggiore diserzione dei banchi scolastici avviene in regioni periferiche poiché i giovani sarebbero costretti ad abbandonare i luoghi in cui sono cresciuti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SVIZZERA / UNIVERSO
5 ore
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
ZURIGO
6 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
8 ore
«Non vogliamo vaccinare i bambini per ora»
Il punto da Berna con la responsabile delle malattie infettive Virginie Masserey e il capo-farmacista dell'Esercito
GRIGIONI
9 ore
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
9 ore
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
10 ore
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
10 ore
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
SVIZZERA
10 ore
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile