Tipress (archivio)
VAUD
06.10.20 - 18:480

Molestie sessuali sul lavoro, il Parlamento approva l'iniziativa

Il testo chiede d'includerle nell'elenco delle discriminazioni a cui si applica l'alleggerimento dell'onere probatorio.

LOSANNA - Il Gran Consiglio vodese ha adottato oggi, con 73 sì contro 52 no e otto astensioni, un'iniziativa cantonale volta a facilitare la lotta contro le molestie sessuali sul posto di lavoro. Concretamente il testo, originariamente promosso dall'estrema sinistra, chiede al parlamento federale d'includere questi atti nell'elenco delle discriminazioni a cui è applicabile il cosiddetto alleggerimento dell'onere probatorio.

Le molestie sessuali sono una forma di discriminazione contemplata dalla Legge federale sulla parità dei sessi (LPar) ma, a differenza di altre, attualmente non beneficia dell'alleggerimento dell'onere probatorio. Durante l'indagine, la persona che ha subito le molestie è quindi tenuta a fornire una testimonianza diretta, cosa assai difficile anche perché spesso concerne colleghi o superiori gerarchici, ha affermato il deputato Alexandre Démàtriadès (PS), che si è fatto portavoce di un ex granconsigliere comunista autore del testo.

Nell'82,8% dei casi, secondo uno studio del 2017, la parte che chiede il riconoscimento della discriminazione a opera del datore di lavoro viene sconfessata dai tribunali, ha detto il socialista. L'alleggerimento dell'onere della prova ha lo scopo di rendere il fatto plausibile con un alto grado di probabilità senza la necessità di una prova assoluta. L'iniziativa, ha assicurato Démàtriadès, non mira a ottenere più condanne d'imprese, ma a indurle ad adottare misure preventive.

A destra il testo è stato contestato. Un deputato dell'UDC ha messo in guardia dall'eccessivo onere amministrativo per le piccole e medie imprese. A suo avviso, inoltre, l'alleggerimento dell'onere della prova rischia d'incoraggiare la denuncia a scopo di lucro. Un suo collega ha fatto notare che nel giugno dell'anno scorso il Consiglio nazionale ha bocciato, con 133 no e 51 sì, una mozione identica del deputato Mathias Reynard (PS/VS).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
5 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
7 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
9 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
9 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
10 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
10 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
12 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
FOTO
GINEVRA
14 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVITTO
15 ore
Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso
La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile