Tipress (archivio)
VAUD
06.10.20 - 18:480

Molestie sessuali sul lavoro, il Parlamento approva l'iniziativa

Il testo chiede d'includerle nell'elenco delle discriminazioni a cui si applica l'alleggerimento dell'onere probatorio.

LOSANNA - Il Gran Consiglio vodese ha adottato oggi, con 73 sì contro 52 no e otto astensioni, un'iniziativa cantonale volta a facilitare la lotta contro le molestie sessuali sul posto di lavoro. Concretamente il testo, originariamente promosso dall'estrema sinistra, chiede al parlamento federale d'includere questi atti nell'elenco delle discriminazioni a cui è applicabile il cosiddetto alleggerimento dell'onere probatorio.

Le molestie sessuali sono una forma di discriminazione contemplata dalla Legge federale sulla parità dei sessi (LPar) ma, a differenza di altre, attualmente non beneficia dell'alleggerimento dell'onere probatorio. Durante l'indagine, la persona che ha subito le molestie è quindi tenuta a fornire una testimonianza diretta, cosa assai difficile anche perché spesso concerne colleghi o superiori gerarchici, ha affermato il deputato Alexandre Démàtriadès (PS), che si è fatto portavoce di un ex granconsigliere comunista autore del testo.

Nell'82,8% dei casi, secondo uno studio del 2017, la parte che chiede il riconoscimento della discriminazione a opera del datore di lavoro viene sconfessata dai tribunali, ha detto il socialista. L'alleggerimento dell'onere della prova ha lo scopo di rendere il fatto plausibile con un alto grado di probabilità senza la necessità di una prova assoluta. L'iniziativa, ha assicurato Démàtriadès, non mira a ottenere più condanne d'imprese, ma a indurle ad adottare misure preventive.

A destra il testo è stato contestato. Un deputato dell'UDC ha messo in guardia dall'eccessivo onere amministrativo per le piccole e medie imprese. A suo avviso, inoltre, l'alleggerimento dell'onere della prova rischia d'incoraggiare la denuncia a scopo di lucro. Un suo collega ha fatto notare che nel giugno dell'anno scorso il Consiglio nazionale ha bocciato, con 133 no e 51 sì, una mozione identica del deputato Mathias Reynard (PS/VS).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
2 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
3 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
4 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
5 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
5 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
6 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
7 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
9 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
10 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile