Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
06.10.20 - 16:540
Aggiornamento : 20:08

Berset sull'aumento dei casi: «Stiamo lavorando ai test rapidi»

Il consigliere federale non usa parole allarmanti. «I contagi stanno salendo, ma sono sotto controllo»

La quarantena deve restare di dieci giorni, ma «molto presto» i risultati del tampone potrebbero arrivare in pochissimo tempo.

ZUGO - Settecento nuovi casi e 12 ospedalizzazioni in 24 ore. Dei 7’217 tamponi effettuati, ben il 9,7% è risultato positivo. Sono i numeri sul coronavirus forniti oggi dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Cifre che a primo impatto “odorano” di seconda ondata, ma che vanno circoscritte localmente. È quanto affermato, poco fa, da Alain Berset in conferenza stampa da Zugo in occasione di una visita al Cantone. «Bisogna riconoscere che l’aumento dei casi è correlato ai cluster (la presenza di due o più casi correlati per spazio e tempo, ndr.). Rispetto alla scorsa primavera, la situazione è ancora sotto controllo».

La stagione fredda potrebbe favorire la circolazione del virus, «ma non è chiaro fino a che punto», ha spiegato il consigliere federale, e l'incremento attuale «non è certamente dovuto solo a questo», rivelando che «molte infezioni si registrano in eventi privati». E ha aggiunto: «In alcuni cantoni il numero di contagi sta aumentando più rapidamente che in altri. Ma i numeri vanno su, questo è chiaro». Una situazione che si ripercuote sui team responsabili del contact tracing, il cui lavoro è sempre più richiesto. Ma «questo compito deve restare in mano ai Cantoni, non è previsto il coinvolgimento della Confederazione».

Se oggi ci sono stati “tanti casi con pochi test”, la Svizzera sta lavorando all’introduzione di test rapidi, che permetteranno di isolare subito i nuovi contagiati. La domanda da porsi ora è quando sarà possibile mettere in atto la strategia con i test rapidi. La risposta di Berset non lascia spazio a dubbi: «Molto presto».

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), interpellata oggi da 20 Minuten, si è detta perplessa per la decisione di permettere nuovamente - dal primo ottobre - l'organizzazione di grandi eventi con più di mille persone. Ricordando, però, la possibilità che «in determinate circostanze, le autorità cantonali revochino o limitino un'autorizzazione già concessa» se la situazione epidemiologica peggiora. Per Berset, è ancora presto per valutare le conseguenze di questa apertura ai grandi eventi. Ma «i piani di protezione funzionano e sono un buon modo per trovare un equilibrio tra un ritorno alla “normalità” e la necessaria cautela». 

Interpellato dai giornalisti, il consigliere federale ha inoltre difeso la quarantena prevista di 10 giorni, anche se è in discussione la possibilità di ridurla a sette. «Ricordo che siamo già passati da 14 a 10 - ha sottolineato -. E si tratta di un provvedimento fondamentale per limitare i contagi». Per quanto riguarda invece i vaccini, «non sono ancora pronti per il mercato». Ma «prosegue la fase di preparazione, affinché quando saranno pronti possano essere rapidamente distribuiti alla popolazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SVIZZERA / UNIVERSO
4 ore
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
ZURIGO
6 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
8 ore
«Non vogliamo vaccinare i bambini per ora»
Il punto da Berna con la responsabile delle malattie infettive Virginie Masserey e il capo-farmacista dell'Esercito
GRIGIONI
8 ore
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
9 ore
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
9 ore
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
10 ore
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
SVIZZERA
10 ore
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile