Archivio Keystone
SVIZZERA
05.10.20 - 23:550
Aggiornamento : 06.10.20 - 10:30

L'obbligo di vaccinazione non s'ha da fare

Un ex politico UDC lucernese promuove un'iniziativa in tal senso per evitare discriminazioni

I promotori immaginano un futuro in cui le persone non vaccinate vengano escluse e sanzionate

Fonte 20 Minuten/Daniel Waldmeier
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Una Svizzera nella morsa del coronavirus, in cui le persone non vaccinate subiscono discriminazioni. È lo scenario che si immaginano i promotori di un'iniziativa contro l'obbligo di vaccinazione.

Il Movimento per la libertà Svizzera vuole infatti sancire nella Costituzione elvetica il divieto di discriminazione nei confronti di coloro che non intendono vaccinarsi, affinché non siano vittima di «svantaggi sociali o professionali». La mente dell'iniziativa è Richard Koller, sessantenne ex politico UDC del Canton Lucerna. In un video pubblicato su Youtube promuove la proposta e mette in guardia su un possibile obbligo di vaccinazione a causa della pandemia di coronavirus.

Koller immagina quindi una società in cui vengono escluse e sanzionate le persone che si rifiutano di farsi vaccinare contro il coronavirus. E ritiene che il certificato di vaccinazione possa divenire il nuovo documento d'identità. «Chi non è vaccinato non potrà poi entrare più in discoteca» o non avrà più la possibilità di acquistare un biglietto per i mezzi pubblici. «Non sappiamo cosa ci riserva il futuro» afferma Koller, interpellato da 20 Minuten. «Un anno fa non avremmo mai immaginato il mondo di oggi». Secondo il promotore, chi ritiene che non ci sarà mai un obbligo di vaccinazione può sottoscrivere l'iniziativa.

Perché l'iniziativa vada in porto, sono necessarie 100'000 firme. Per Ruth Humbel, consigliera nazionale PPD e presidente della Commissione per la sanità, è ben possibile che il gruppo di corona-scettici e contrari al vaccino riesca a raggiungere tale obiettivo. Ma in Svizzera - sottolinea - il vaccino non sarà somministrato contro la propria volontà. «Stanno incutendo paura» afferma, spiegando che un obbligo potrebbe essere introdotto solo per determinate fasce della popolazione e per il personale sanitario. Durante la pandemia, la protezione massima si ottiene - conclude - con le vaccinazioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 6 mesi fa su tio
Assolutamente no
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
4 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
5 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
6 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
7 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
10 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
10 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
SVIZZERA
10 ore
Economiesuisse corregge il tiro: «Nessuno vuole 30mila casi al giorno»
Avevano fatto discutere, venerdì, le dichiarazioni di Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori.
SVIZZERA
13 ore
Prospettive cupe per il settore degli eventi
Secondo Christoph Kamber non si tornerà alla normalità prima del 2022-2023.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile