Archivio Keystone
SVIZZERA
05.10.20 - 23:550
Aggiornamento : 06.10.20 - 10:30

L'obbligo di vaccinazione non s'ha da fare

Un ex politico UDC lucernese promuove un'iniziativa in tal senso per evitare discriminazioni

I promotori immaginano un futuro in cui le persone non vaccinate vengano escluse e sanzionate

Fonte 20 Minuten/Daniel Waldmeier
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Una Svizzera nella morsa del coronavirus, in cui le persone non vaccinate subiscono discriminazioni. È lo scenario che si immaginano i promotori di un'iniziativa contro l'obbligo di vaccinazione.

Il Movimento per la libertà Svizzera vuole infatti sancire nella Costituzione elvetica il divieto di discriminazione nei confronti di coloro che non intendono vaccinarsi, affinché non siano vittima di «svantaggi sociali o professionali». La mente dell'iniziativa è Richard Koller, sessantenne ex politico UDC del Canton Lucerna. In un video pubblicato su Youtube promuove la proposta e mette in guardia su un possibile obbligo di vaccinazione a causa della pandemia di coronavirus.

Koller immagina quindi una società in cui vengono escluse e sanzionate le persone che si rifiutano di farsi vaccinare contro il coronavirus. E ritiene che il certificato di vaccinazione possa divenire il nuovo documento d'identità. «Chi non è vaccinato non potrà poi entrare più in discoteca» o non avrà più la possibilità di acquistare un biglietto per i mezzi pubblici. «Non sappiamo cosa ci riserva il futuro» afferma Koller, interpellato da 20 Minuten. «Un anno fa non avremmo mai immaginato il mondo di oggi». Secondo il promotore, chi ritiene che non ci sarà mai un obbligo di vaccinazione può sottoscrivere l'iniziativa.

Perché l'iniziativa vada in porto, sono necessarie 100'000 firme. Per Ruth Humbel, consigliera nazionale PPD e presidente della Commissione per la sanità, è ben possibile che il gruppo di corona-scettici e contrari al vaccino riesca a raggiungere tale obiettivo. Ma in Svizzera - sottolinea - il vaccino non sarà somministrato contro la propria volontà. «Stanno incutendo paura» afferma, spiegando che un obbligo potrebbe essere introdotto solo per determinate fasce della popolazione e per il personale sanitario. Durante la pandemia, la protezione massima si ottiene - conclude - con le vaccinazioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 7 mesi fa su tio
Assolutamente no
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
TURGOVIA
26 min
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
1 ora
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
1 ora
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
2 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
ARGOVIA
2 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
GINEVRA
14 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
19 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
BERNA
21 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
BASILEA CAMPAGNA
1 gior
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
1 gior
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile