Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
05.10.20 - 08:080

Giù gli annunci di lavoro

Il crollo rispetto allo stesso periodo del 2019 è del -15%, ma è «meno grave di quanto si temesse»

ZURIGO - Il numero di annunci di lavoro è tornato a crescere nell'ultimo trimestre in Svizzera, registrando una progressione del 10%, rispetto al drammatico crollo dei tre mesi precedenti (-27%). Tuttavia, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno il calo è del 15%.

A livello regionale, in Ticino e in Romandia si registra un -14% rispetto al terzo trimestre del 2019, mentre nella Svizzera tedesca la diminuzione si attesta al 15%. È quanto emerge dal "Job Market Monitor", pubblicato oggi dal numero uno nell'intermediazione di lavoro interinale Adecco in collaborazione con l'Università di Zurigo.

«L'attuale crollo degli annunci di lavoro a -15% rispetto all'anno precedente è stato un po' meno grave di quanto si temeva a giugno 2020 in considerazione della pandemia del coronavirus», indica Anna von Ow, di Job Market Monitor Svizzera, citata nel comunicato. Secondo l'analista «il job index si sta riprendendo a un ritmo relativamente rapido».

Le stime della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) «mostrano che la disoccupazione sembra stabilizzarsi a un livello più elevato. Questo ci fa guardare con ottimismo al futuro andamento del mercato del lavoro», afferma dal canto suo Monica Dell'Anna, CEO del Gruppo Adecco Svizzera.

Boom delle professioni sanitarie - L'indice pubblicato oggi si è concentrato sulle professioni sanitarie, in particolare medici, infermieri e assistenti di studio medico. L'obiettivo del focus sulle professioni è quello di osservare gli sviluppi a medio termine - un periodo di cinque anni - delle professioni nel settore delle cure mediche di base, indica il comunicato.

Nel settore delle professioni sanitarie la domanda di professionisti è aumentata del 35% negli ultimi cinque anni. Rispetto all'anno precedente, nel 2020 la crescita è pari al 13%. Considerate le circostanze legate alla situazione del coronavirus, nota Adecco, «si tratta di un aumento elevato». Nel secondo trimestre si era infatti assistito a un crollo degli annunci di lavoro in seguito all'introduzione delle misure di protezione Covid, poiché tra esse era in vigore l'obbligo di astenersi da interventi e terapie mediche non urgenti.

Dal 2015 le professioni di infermieri e assistenti di studio medico sono aumentate del 36%. Rispetto allo scorso anno l'aumento è del 12%. È invece cresciuto a dismisura, negli ultimi cinque anni, il fabbisogno di collaboratori sanitari (120%), ma anche il valore dell'indice del numero di annunci per gli operatori sociosanitari è raddoppiato dal 2015. Per quanto riguarda gli infermieri, l'incremento maggiore rispetto al 2019 riguarda gli ausiliari (+39%) e i professionisti (+16%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / MONDO
13 min
L'1% dei più ricchi: quanto serve per entrarci?
Entrare nel "club" dei più ricchi del proprio paese non è mai facile, ma è particolarmente complicato a Monaco
SVIZZERA
31 min
In Svizzera i single fanno il 36% delle economie domestiche
È quanto si evince dai dati dell'Ufficio federale di statistica. Dal 1970, il numero è triplicato
SVIZZERA
1 ora
Il sangue c'è, nonostante la pandemia
Positivo il bilancio 2020 di Trasfusione CRS Svizzera. Ma i donatori erano limitati nella loro mobilità
ZUGO
1 ora
Test salivari obbligatori nelle scuole secondarie
Allievi e docenti di medie e licei dovranno sottoporsi al test due volte alla settimana.
BERNA 
3 ore
Nominata la nuova segretaria di Stato della migrazione
Si tratta di Christine Schraner Burgener, attuale inviata speciale dell'Onu per il Myanmar.
BERNA
16 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
18 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
18 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
18 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
19 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile