Keystone
SVIZZERA
01.10.20 - 09:100

Garzoni: «I numeri riflettono il comportamento della popolazione»

«La situazione è sotto controllo. Ma non dobbiamo mollare» afferma l'infettivologo ticinese.

Ma l'UFSP frena: «Dobbiamo aspettare e vedere cosa succede nelle prossime settimane».

BERNA - A metà settembre la paura di una nuova ondata era forte, considerando il numero crescente di casi nel Paese. Ma negli ultimi sette giorni si è assistito ad un calo del 24% dei positivi rispetto alla settimana precedente (da mercoledì a mercoledì). Anche il numero dei ricoverati è sceso leggermente. Tuttavia l'UFSP fa notare che sono stati effettuati anche meno test. 

«La Svizzera non è ancora incappata nella seconda ondata» ha dichiarato l'epidemiologo Marcel Tanner a 20 Minuten. «Si parla di ondata solo quando non si riesce più a identificare la catena dell'infezione». E non è questo il caso: «I cantoni stanno facendo un ottimo lavoro, e al momento i casi potrebbero anche aumentare leggermente senza che il lavoro delle squadre di ricerca risulti sovraccarico. Grazie alle misure intraprese abbiamo temporaneamente scongiurato la seconda ondata». 

Tracciamento dei contatti - Tanner vede nella ricerca dei contatti il momentaneo successo: «I cantoni sono migliorati molto negli ultimi mesi. Oggi riusciamo ad identificare le fonti delle infezioni e a prevenire la trasmissione attraverso delle misure mirate». Ed è ciò che consente alla Svizzera, ad esempio, di autorizzare nuovamente i grandi eventi, a condizione che vi siano misure di protezione adeguate. 

Mascherine - Anche l'epidemiologa di Basilea Emma Hodcroft si dice soddisfatta dell'abbassamento dei casi: «L'aumento dell'utilizzo della mascherina e le misure più severe adottate nel Canton Vaud hanno contribuito a questo risultato». Un esempio di come possiamo riuscire a contenere il virus senza applicare strette misure in tutto il Paese. 

Meno viaggi - L'infettivologo ticinese Christian Garzoni aggiunge un ulteriore motivo che spiega la diminuzione dei casi: «Dalla fine delle vacanze estive i viaggi sono diminuiti notevolmente. Di conseguenza è calato il numero di casi importati in Svizzera». Anche Garzoni crede che una situazione come quella vissuta in primavera non si ripresenterà con la stessa intensità: «La situazione è sotto controllo. Ma non dobbiamo mollare. I numeri riflettono il comportamento della popolazione».  

Europa in crisi - In molti paesi europei tuttavia il numero di casi sta rapidamente aumentando. Secondo Tanner uno dei motivi del successo svizzero è l'approccio federalista: «Stati più centralizzati come la Francia sono in grado di reagire meno rapidamente ed efficacemente a livello locale».

Estate all'aperto - Inoltre, secondo Hodcroft, in Svizzera quest'estate abbiamo potuto passare molto tempo all'aperto: «In altri paesi europei questo è accaduto in misura minore a causa della densità della popolazione in alcune città, il che rende più difficile contenere la diffusione del virus».   

Non è finita - Nonostante le cifre attualmente buone, gli scienziati sottolineano quanto sia importante che tutti continuino a seguire le misure in vigore. «Se non molliamo, vinciamo» afferma Tanner. «Dobbiamo adattarci alla danza del virus: se si muove, dobbiamo muoverci di conseguenza per fermarlo» aggiunge Hodcroft. 

Aspettare le prossime settimane - Anche Daniel Dauwalder, portavoce dell'UFSP, afferma che il numero di casi è per ora stabile, ma aggiunge che è ancora troppo presto per parlare di una tendenza reale: «Dobbiamo aspettare e vedere cosa succede nelle prossime settimane». Va inoltre tenuto in considerazione che il numero di test effettuati negli scorsi giorni era inferiore del 20% rispetto a quelli della settimana precedente. «Ma anche tenendo conto della quantità dei test, il numero dei casi è relativamente stabile. Questo è il fatto decisivo» afferma Tanner. Positivo anche il lieve calo dei ricoveri: «In percentuale nelle ultime settimane è aumentata la percentuale degli anziani contagiati, ma il numero dei ricoveri è calato leggermente».  

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CITTÀ DEL VATICANO
2 ore
Vent'anni al servizio del Papa tra disciplina, turni e rinunce
Vent'anni a proteggere il Santo Padre nel periodo più tragico della Chiesa. Ritratto di una professione fuori dal comune
SVIZZERA
9 ore
«Ci prepariamo a dover trasferire i pazienti»
Da domani l'Hôpital du Valais alza l'allerta al livello più alto, che implica il bisogno di aiuto esterno
FRIBURGO
10 ore
Si schianta sulla chiesa con il parapendio
La Rega ha trasportato il 27enne, vittima dell'incidente, in ospedale
SVIZZERA
11 ore
Terremoto di magnitudo 4,4 in Svizzera
L'epicentro è stato localizzato nel Canton Glarona
ARGOVIA
12 ore
L'assembramento per l'anniversario del centro commerciale fa discutere
In rete circolano le immagini di un evento tenuto sabato allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach: «Irresponsabili».
URI
17 ore
Frana sul Susten, il passo è bloccato fino a nuovo avviso
C'è ancora rischio di nuovi smottamenti. Al momento del crollo in loco c'era una comitiva di escursionisti
NIDVALDO
20 ore
Abbandona l'auto (distrutta) in mezzo all'autostrada e fugge
Aveva avuto un incidente e ha deciso di allontanarsi. Diverse ore dopo si è però presentato in polizia.
SVIZZERA
21 ore
Affitti commerciali: non tutti hanno sofferto
Un terzo dei commerci in locazione ha conosciuto difficoltà a causa del semiconfinamento.
SVITTO
22 ore
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
22 ore
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile