keystone
SVIZZERA
27.09.20 - 17:560

«Impossibile combattere gli argomenti dell'invidia»

Il testo che voleva maggiori deduzioni fiscali per i figli è stato bocciato sonoramente.

La delusione dei promotori: «Le cifre parlano chiaro, ci rammarichiamo». Gioiscono invece i contrari: «Niente regali ai ricchi»

BERNA  - Sonora sconfitta alle urne per il testo volto a concedere maggiori deduzioni fiscali per i figli. La relativa modifica della legge sull'imposta federale diretta è stata bocciata con il 63,24% dei voti. La partecipazione si è attestata al 58,52%.

In alcuni luoghi, come a Ginevra, il risultato è stato comunque favorevole, con 50,05% di "sì". Stesso discorso per il Ticino, dove i fautori hanno avuto la meglio con il 52,1%, con un tasso di partecipazione del 60,18%. Nei Grigioni la bocciatura è arrivata con il 63,56% dei voti e una partecipazione del 60,37%.

Il testo, come noto, prevedeva di portare da 10'100 a 25'000 franchi la massima deduzione per la custodia dei figli da parte di terzi. Dovevano essere portate anche da 6'500 a 10'000 le deduzioni generali per i figli, indipendentemente dalla modalità con cui vengono accuditi.

Il risultato odierno è piuttosto sorprendente, poiché dai sondaggi la partita appariva decisamente più equilibrata. Una parte del testo era stata fatta passare dai partiti borghesi in Parlamento, contraddicendo l'opinione del Consiglio federale. Per il fronte borghese si tratta quindi di una sconfitta.

Il governo calcolava le perdite di entrate fiscali legate al disegno finale in circa 380 milioni di franchi, mentre il progetto iniziale si limitava a minori entrate per 10 milioni. Il referendum è stato lanciato dal PS, che stimava vantaggi soprattutto per i ceti più abbienti.

Questione d'invidia - I fautori del testo si sono mostrati delusi dal risultato scaturito dalle urne. Il consigliere nazionale Philipp Kutter (UDC/ZH) ha ad esempio affermato ai microfoni della SRF che non è stato possibile combattere quelli che ha definito gli «argomenti dell'invidia».

«Le cifre parlano chiaro e me ne rammarico», ha detto. I contrari hanno puntato in maniera decisa sulle argomentazioni dettate dall'invidia, nonostante il fatto che il 60% delle famiglie avrebbero approfittato degli sgravi.

Il deputato non escludere di riproporre il testo originale, senza l'aumento delle deduzioni generali per i figli, ma solo con quello relativo alla custodia da parte di terzi. Il PS potrebbe in effetti schierarsi a favore

Niente regali ai ricchi - Gioisce invece il comitato dei contrari, che vede il risultato come un chiaro rifiuto dei «regali per i ricchi». Il consigliere nazionale Beat Jans (PS/BS) ha affermato all'agenzia Keystone-ATS che il risultato è soddisfacente e un segno a favore di giuste politiche fiscali e per la famiglia.

Felice anche Pierre-Yves Maillard, presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS). A suo dire, il progetto bocciato oggi «era una vera e propria provocazione in un momento difficile» per la popolazione, che avrebbe portato vantaggi ai più ricchi.

«Siamo contenti del risultato odierno», ha detto a Keystone-ATS il consigliere nazionale vodese. «All'inizio non molti erano d'accordo con noi, ma col tempo hanno capito che il progetto era in realtà un aiuto ai salari elevati», analizza il socialista. Secondo Maillard, la destra ha mostrato di essere pronta ad accordare 370 milioni di franchi all'anno, ora bisogna «prendere meglio la mira» e non favorire solo i più agiati.

Un progetto utile concreto, sempre secondo Maillard, è quello dell'aiuto allo sviluppo degli asili. Oltre a questo, ci potrebbe essere un contributo federale per i Cantoni, in modo che possano abbassare le tariffe di queste strutture di accoglienza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
URI
7 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
8 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
9 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
11 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
11 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
12 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
14 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
16 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile