Keystone (archivio)
SVIZZERA
27.09.20 - 12:150

Maurer voleva abolire le soglie di rappresentanza per minoranze linguistiche e donne

Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.

Questi valori erano stati introdotti nel 2016, dopo aver costatato che le lingue minoritarie e le donne erano sottorappresentate fra il personale federale.

BERNA - Il ministro delle Finanze Ueli Maurer, che è anche responsabile dei 38'765 dipendenti della Confederazione, avrebbe voluto abolire i criteri per garantire una rappresentanza equa della minoranze linguistiche e delle donne nell'Amministrazione federale. Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.

Questi valori erano stati introdotti nel 2016, dopo aver costatato che le lingue minoritarie e le donne erano sottorappresentate fra il personale federale. Da allora, un rapporto annuale misura i progressi compiuti nei singoli dipartimenti.

Quattro anni dopo, visto il bilancio positivo, Ueli Maurer ha proposto di abbandonare queste soglie e di sostituirle con "raccomandazioni generali". A suo avviso, questo avrebbe permesso di "ridurre la burocrazia" generata dalla redazione del rapporto annuale e di concentrarsi sulla trasformazione digitale dell'amministrazione.

La proposta, presentata al governo il 18 settembre, ha incontrato forti resistenze, scrive il domenicale. Secondo i documenti di cui è in possesso il giornale, tre ministri si sono opposti: Ignazio Cassis, Alain Berset e Viola Amherd. Venerdì scorso quindi il Consiglio federale ha confermato questi valori e li ha addirittura innalzati per le donne, i tirocinanti e i disabili.

Per quanto riguarda le lingue, la quota media di funzionari che parlano francese (21,9%), italiano (6,6%) e romancio (0,5%) corrisponde agli obbiettivi prefissati. Per il consigliere nazionale Laurent Wehrli (PLR/VD), presidente di Helvetia Latina - associazione che si batte per la promozione delle lingue minoritarie della Confederazione -, vanno comunque mantenuti perché «senza statistiche, il problema rischia di peggiorare senza essere immediatamente evidente. Dovremmo poi reagire più tardi con un rimedio da cavallo. Non è una cosa intelligente», ha detto a Le Matin Dimanche.

La vicepresidente Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) è più drastica: «È in gioco la coesione nazionale", ha detto. "Ci sono dipartimenti che si impegnano più degli altri. Quando si tratta di donne, è la stessa cosa». I dipartimenti "tradizionalmente di lingua tedesca" - DFGP (giustizia, polizia), DDPS (difesa, protezione civile e sport), DATEC (ambiente, trasporti, energia e comunicazione) e DEFR (economia, formazione e ricerca) - hanno una sovrarappresentanza di dipendenti germanofoni e più si sale nella scala degli stipendi, più questa disparità diventa marcata.

Le donne rappresentano attualmente il 43,9% del personale della Confederazione. Ueli Maurer si è rallegrato del fatto che l'obbiettivo è stato quasi raggiunto, i suoi colleghi di governo invece hanno deciso di alzare la soglia tra il 46% e il 50% in generale e hanno aumentato la percentuale minima di fra i quadri di alto livello dal 20% al 27%.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
11 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
11 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
14 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
16 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
16 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
19 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
21 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
22 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile