Deposit - foto d'archivio
SVIZZERA / ITALIA
26.09.20 - 12:020
Aggiornamento : 13:16

Toti non ci sta, ma tutta la Liguria resta sulla "lista nera"

La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio

«Gli Stati confinanti vengono analizzati a livello regionale - risponde l'UFSP -. Farlo per località sarebbe impossibile».

BERNA - L’UFSP ha aggiornato ieri la lista dei Paesi "a rischio" di contagio da coronavirus, aggiungendo (tra le altre) la Liguria. Una decisione che non è piaciuta all'Italia. Il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha definito «squilibrata» la scelta svizzera di «considerare l'intera Liguria una situazione omogenea» e inserirla nella "lista nera", visto che la circolazione del virus è alta solo in alcune zone. Ma l'Ufficio federale della sanità pubblica non ha intenzione di fare un passo indietro.

L'UFSP lo ha confermato questa mattina su richiesta all'agenzia di stampa Keystone-ATS. La situazione epidemiologica degli Stati confinanti viene infatti valutata a livello regionale. Sarebbe impossibile analizzare ogni singola località. Un Paese entra a far parte della "lista nera" se registra più di 60 nuove infezioni ogni 100'000 abitanti negli ultimi 14 giorni. E in Liguria questo dato si attesta attualmente a 80. 

La regione Liguria ha scritto ieri sera al console generale di Svizzera in Italia (e per conoscenza al ministro degli Esteri Di Maio) affinché «le autorità svizzere tornino su una decisione che risulta falsata da dati disomogenei sul territorio regionale» oppure, in subordine, «limitino le proprie prescrizioni alle sole aree regionali maggiormente colpite dal contagio». Ma la risposta da oltre Gottardo sembra essere (almeno per il momento) "no". Da lunedì 28 settembre, dunque, chiunque rientrerà da una località ligure dovrà rimanere in quarantena per dieci giorni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
11 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
13 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
15 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
16 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
18 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
20 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
22 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile