keystone-sda.ch / STF (ANTHONY ANEX)
Dopo oltre 44 ore in Piazza federale, questa mattina presto la polizia ha iniziato lo sfratto degli attivisti per il clima.
+10
BERNA
23.09.20 - 07:230
Aggiornamento : 10:05

Infine, gli attivisti per il clima sono stati sgomberati

La polizia ha invitato i manifestanti a lasciare Piazza federale e attorno alle 4 è passata all'azione

Con la resistenza passiva, è stata mantenuta la calma. «Un altro mondo è possibile e non ci arrenderemo mai. Restiamo qui. Vogliamo giustizia climatica»

BERNA - Dopo oltre 44 ore in Piazza federale, questa mattina presto la polizia ha iniziato lo sfratto degli attivisti per il clima. Così, attorno alle 4, la disobbedienza civile ha lasciato il posto alla resistenza passiva. 

Gli agenti hanno invitato i manifestanti a lasciare la piazza. Diverse persone se ne sono andate volontariamente - riferisce un giornalista di Keystone-Ats presente sul posto -, mentre altre sono rimaste sedute a terra e si sono fatte portare via. I loro dati personali sono stati raccolti, ma non sono stati trattenuti.

Tutto si è svolto in maniera tranquilla, secondo le prime informazioni. Finora non ci sono stati scontri tra polizia e manifestanti. Anzi, durante lo sfratto - alcune tende sono state smantellate dagli agenti - gli attivisti hanno cantato canzoni e ripetuto slogan: “la protezione del clima non è un crimine”, “non ci arrenderemo”, “noi restiamo qui”, “vogliamo giustizia climatica”. 

«Un altro mondo è possibile e non ci arrenderemo mai. Restiamo qui - scrive Frida Kohlmann, di Climate Justice -. Chiediamo giustizia climatica e un'immediata riduzione delle emissioni di gas serra a zero entro il 2030». 

Ieri il Consiglio nazionale era tornato a discutere dell'occupazione di Piazza federale da parte di attivisti per il clima. Con una mozione d'ordine l'UDC voleva aumentare la pressione sulle autorità della città di Berna, ma era stata bocciata. La Città aveva comunque posto il mezzogiorno di ieri come ultimatum ai manifestanti (poi prorogato alla serata), proponendo loro di stabilirsi a 200 metri da lì, in Waisenhausplatz. Una proposta non accolta dai presenti. Questa mattina, quindi, lo sgombero. Che procede pacificamente. 

«Con lo sfratto, il Consiglio comunale di Berna accantona la lotta alla crisi climatica - afferma Hanna Fischer, di Sciopero per il clima -. La politica ragiona in questo modo da decenni». 

L’occupazione di Piazza federale a Berna è stata il calcio d'inizio alla settimana "Rise Up for Change" (insorgi per il cambiamento), che invita tutta la popolazione a unirsi per il pianeta. «Se da un lato le autorità cittadine ne hanno ordinato l'evacuazione, Piazza federale è stata raggiunta da persone da tutto il mondo che si sono unite al “campo climatico” - concludono in un comunicato congiunto Sciopero per il clima, Collective Climate Justice ed Extinction Rebellion -. Oltre 17’000 persone hanno firmato la petizione (su act.campax.org) “Il campo climatico deve restare! #RiseUpForChange”».

Ieri pomeriggio - lo ricordiamo - la polizia era intervenuta in Piazza federale non contro gli attivisti per il clima ma per bloccare un'altra manifestazione contro il trattamento dei richiedenti asilo respinti. Dopo alcuni scontri - sono stati utilizzati gas lacrimogeni, idranti e proiettili di gomma - la polizia si è ritirata, permettendo alla manifestazione di raggiungere la piazza.

keystone-sda.ch / STF (ANTHONY ANEX)
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
«La seconda ondata è arrivata più veloce e più forte»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione epidemiologica in Svizzera.
BASILEA CAMPAGNA
8 min
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
1 ora
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
1 ora
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
2 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
2 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
SVIZZERA
3 ore
Tossisci e ti dico se hai il coronavirus
Una startup dell'EPFL sta studiando la possibilità d'identificare una persona infetta attraverso un'analisi vocale.
SVIZZERA
3 ore
Cento franchi in più nella busta paga Coop
Si tratta di una misura voluta per ringraziare l'impegno dimostrato durante il periodo del coronavirus
SVIZZERA
3 ore
Gli effetti del Covid: non si usa più il corrimano delle scale
A sostenerlo è l'Ufficio prevenzione infortuni alla luce del sondaggio che svolge annualmente.
SVIZZERA
4 ore
L'allarme del TCS su un seggiolino che contiene sostanze nocive
Si tratta dello Oyster Capsule di Babystyle che supera i livelli di guardia e risulta quindi «non consigliato»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile