Keystone
BERNA
17.09.20 - 17:380

Presenza di sostanze tossiche vicino al Blausee

L'importo dei danni legati alla perdita di decine di migliaia di pesci, iniziata nel 2018, è di due milioni di franchi

BERNA - I gestori dell'allevamento ittico del Blausee, nell'Oberland bernese, oggi hanno mosso gravi accuse alle aziende coinvolte nei lavori di risanamento della galleria del Löstchberg, situata pochi chilometri più a monte. Essi ritengono che sostanze cancerogene si siano infiltrate nelle acque sotterranee a seguito di attività di smaltimento illegali.

In una conferenza stampa tenutasi oggi a Berna, Stefan Linder, uno dei tre proprietari del Blausee (lago blu), ha dichiarato che le misurazioni effettuate nella cava di ghiaia poco a monte di questo sito turistico hanno rivelato che il valore limite per gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA, alcuni cancerogeni) è stato superato di 424'000 volte. Queste sostanze si trovano in materiali costituiti da catrame o bitume. E anche la concentrazione di metalli pesanti come piombo e zinco era superiore alla soglia consentita.

Stefan Linder, co-fondatore dello Swiss Economic Forum e presidente del Consiglio d'amministrazione di Blausee SA, ha stimato che l'importo dei danni legati alla perdita di decine di migliaia di pesci, iniziata nel 2018, è di due milioni di franchi. Ma ha sottolineato che prima di presentare una richiesta di risarcimento bisogna identificare l'autore dell'inquinamento.

Attività illegali - I proprietari della pescicoltura hanno inoltrato denuncia contro ignoti alla procura dell'Oberland bernese. Ieri la Blausee SA aveva detto di sospettare fortemente che le acque sotterranee che alimentano il laghetto e uno dei bacini di allevamento ittici fossero state inquinate da attività illegali legate alla ristrutturazione del tunnel, iniziati nell'agosto del 2018 e commissionati dalla compagnia ferroviaria BLS. Più precisamente, materiale di scavo della galleria, a volte contaminato, sarebbe stato immagazzinato in una cava di ghiaia vicino al laghetto, in violazione alle prescrizioni di legge.

La vecchia massicciata e le traversine ferroviarie vengono scaricate alla cava di Mitholz, situata diverse centinaia di metri a monte, dove sono poi separate e in seguito trasportate da un'altra parte. Vi sono però anche state scaricate circa 1000 tonnellate di materiale fine fino alla scorsa metà di giugno, quando il Cantone di Berna è intervenuto dopo i sospetti segnalati dai gestori del Blausee. Il programma dei lavori avrebbe invece previsto che tutto il materiale venisse portato a Wimmis, in un impianto specializzato.

Ieri sera alla trasmissione "Rundschau" della TV SRF, il capo dell'Ufficio bernese per l'acqua e i rifiuti (AWA), Jacques Ganguin, ha affermato che lo scarico è avvenuto illegalmente.

Carenze delle autorità - I gestori del laghetto oggi hanno denunciato anche le carenze delle autorità cantonali, che non sono intervenute adeguatamente presso le imprese responsabili dei lavori, e comunque dopo parecchi indugi. Da quando è stato vietato lo scarico di materiale di scavo, la mortalità dei pesci è diminuita drasticamente, sottolineano.

Linder ha precisato che solo nel bacino di allevamento alimentato da acque sotterranee i pesci morivano, ma non negli altri, che erano alimentati da sorgenti proprie. Il collegamento temporale, locale e fattuale con il rinnovo della galleria è quindi "evidente".

La società ferroviaria bernese BLS ha detto che i campioni prelevati dalla galleria nel 2013 e nel 2020 hanno rivelato solo piccole quantità di materiale fortemente contaminato. E finora è stato portato fuori dal tunnel solo materiale non inquinato o solo leggermente contaminato.

Secondo Jacques Ganguin i risultati delle misurazioni effettuate dalla direzione di Blausee potrebbero non essere rappresentativi poiché effettuate in una pozzanghera della cava di ghiaia.

Responsabilità - Christoph Neuhaus, direttore bernese del settore costruzioni e trasporti, ha dichiarato ieri sera a "Rundschau" che la BLS appartiene al Cantone di Berna, ma non alla BLS Netz SA, responsabile dell'infrastruttura della BLS, che è al 50,05% della Confederazione.

A una domanda dell'agenzia Keystone-ATS, l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) oggi ha dichiarato di non aver approvato il concetto di smaltimento dei rifiuti delle imprese incaricate del risanamento della galleria. Ha invece dichiarato - dopo aver consultato gli uffici specializzati del Cantone e della Confederazione - che era stata soddisfatta una condizione dell'ordinanza di approvazione del piano di risanamento.

Per tali decisioni, l'UFT si è quindi affidato alle autorità competenti. È al committente BLS che spetta verificare se i requisiti del concetto di gestione dei rifiuti sono soddisfatti.

Un procedimento penale aperto dalla procura dell'Oberland bernese dovrebbe ora fare chiarezza. Il sospetto è di violazioni della legge sulla protezione delle acque e dell'ambiente nonché di quella cantonale sui rifiuti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
LIVE
Segui in diretta la conferenza stampa da Berna
Inattesa, è quasi certamente connessa al contesto sanitario che sta emergendo in questi giorni.
SVIZZERA
1 ora
Numeri raddoppiati in una settimana
Tra il 12 e il 18 ottobre sono state annunciate 19'478 nuove infezioni. La settimana prima erano 8749.
SVIZZERA
2 ore
Un bollettino giornaliero simile a quello di ieri
Nel nostro Paese sono stati effettuati 26'537 tamponi in un giorno. Il 19,8% ha dato esito positivo.
SVIZZERA
2 ore
Qual è l'impatto del virus sul personale sanitario?
Amnesty International chieda che venga effettuata un indagine. Nel mondo 7'000 professionisti hanno pagato con la salute
SVIZZERA
3 ore
Quasi il 20% degli occupati lascia il proprio impiego
I dati raccolti tra il 2018 e il 2019 mostrano che sono soprattutto i giovani a cambiare lavoro
GERMANIA / SVIZZERA
3 ore
La Germania mette l'intera Svizzera sulla "lista nera"
Anche l'Austria, la Polonia e l'Irlanda sono diventate zone a rischio, secondo il Robert Koch Institut
SVIZZERA / STATI UNITI
4 ore
Una terapia orale per curare (e prevenire) il Covid
La cura (AT-527) è attualmente in fase 2 di sviluppo. La fase 3 dei trial inizierà nel primo trimestre 2021
SVIZZERA
5 ore
Sika: in calo le vendite e la redditività
L'utile netto ha però superato le previsioni degli analisti
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: prolungato l'obbligo di servizio in protezione civile
I militi dovranno prestare servizio per 14 anni, invece che 12, per avere personale sufficiente a combattere la pandemia
SVIZZERA
6 ore
«Attraversare l'inverno senza perdere il controllo sul virus»
Per il virologo della task force Volker Thiel, i Cantoni dovrebbero ridurre al massimo le opportunità di contatto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile