Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
17.09.20 - 19:020
Aggiornamento : 21:12

Risultati del tampone in 15 minuti, ma non c’è l’ok di Berna

Roche dovrebbe lanciare il test rapido entro la fine di settembre.

Il Governo federale, però, non lo approverà comunque prima della primavera 2021

Fonte 20 Minuten / Bianca Lüthy
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BASILEA - I tamponi effettuati ogni giorno per la diagnosi di Covid-19 sono moltissimi. L’obiettivo è bloccare subito la catena di contagi. Martedì in Svizzera si sono sottoposte al test 15'763 persone (il 3,4% è risultato positivo); da inizio pandemia sono 1'237'621. Dal momento in cui viene effettuato, passano dalle 12 alle 48 ore per avere un risultato. Una situazione che Roche potrebbe ribaltare con il test rapido.

Secondo quanto riferisce oggi il Blick, il colosso della farmaceutica svizzero potrebbe consegnare il prodotto ai laboratori svizzeri entro la fine di settembre. Questi test reagirebbero subito, dando un risultato sulla positività o negatività al Covid-19 in un quarto d’ora. Pare - scrive ancora il giornale - che possano essere paragonati a un test di gravidanza, con una precisione tra il 96,5 e il 99,7%.

Ma c’è un “ma”. Il Governo federale non ha ancora emesso alcuna raccomandazione per questi test rapidi, non ancora ufficialmente approvati. L'attuale legge sulle epidemie stabilisce che i laboratori che desiderano effettuare esami microbiologici per diagnosticare o escludere la presenza di malattie trasmissibili devono essere in possesso di un'autorizzazione d'esercizio di Swissmedic. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nelle sue ultime raccomandazioni (stato al 31 agosto 2020) sui test rapidi scrive: «Sono semplici e intuitivi da utilizzare e hanno il vantaggio che la lettura del risultato può essere fatta in poco tempo. Gli svantaggi sono una minore sensibilità analitica (capacità di svelare la presenza di piccole quantità del componente che si propone di ricercare) e specificità analitica (capacità di identificare correttamente solo il componente che si propone di ricercare)». Una presa di posizione della Confederazione sul nuovo prodotto di Roche non è attesa prima della primavera 2021.

Secondo Roche, i test rapidi non sono stati pensati per sostituire quelli “convenzionali”. Ma potrebbero essere utili nelle aree più remote con accesso limitato ai tamponi e ad apparecchiature più sofisticate. Però, la loro applicazione potrebbero perfino permettere di ripensare la durata della quarantena al rientro da Paesi a rischio (ora è di 10 giorni).

In previsione della stagione dell'influenza, Roche anticipa l'arrivo di un ulteriore prodotto: un test combinato influenza-coronavirus. Affaire à suivre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
3 ore
«I treni non sono luoghi dove fare i picnic»
La Ferrovia retica ha recentemente vietato le consumazioni su una delle sue linee
SAN GALLO
7 ore
«Era impulsivo e si infiammava facilmente»
La testimonianza di un ex dipendente dell'uomo accusato di aver ucciso la fidanzata a Buchs.
GRIGIONI
8 ore
In 4000 contro le misure restrittive
La dimostrazione è stata promossa dall'associazione "Stiller Protest" e si è tenuta in diverse città.
FOTO E VIDEO
ZURIGO
9 ore
Violenti scontri alla manifestazione per le donne
Disordini in occasione di un evento non autorizzato.
SVIZZERA
11 ore
Nelle ultime settimane c'è una certa sottomortalità, nonostante il Covid
Secondo gli esperti, le misure anti-coronavirus hanno ridotto il numero di morti per influenza
FRANCIA / SVIZZERA
11 ore
Donna uccisa a Lione, il marito arrestato in Svizzera
La 30enne era stata trovata senza vita giovedì sera in casa. Sarebbe stata colpita con un martello
BASILEA CAMPAGNA
13 ore
Muttenz, aggredisce una guardia e tenta l'evasione
L'uomo ha liberato altri tre detenuti ma il loro tentativo di fuga ha avuto vita breve
FRIBURGO
13 ore
Mobbing nell'ente per la salute mentale, scatta l'indagine
L'indagine riguarda il settore della psichiatria e della psicoterapia per gli anziani
SVIZZERA
17 ore
Tre giorni nella black list: l'Ufsp ha sbagliato?
La Colombia è finita per 72 ore nella lista dei paesi a rischio, a causa di dati "vecchi". Una famiglia ne fa le spese
ZURIGO
1 gior
I genitori chiedono test di massa settimanali nelle scuole
Un'associazione vuole introdurre i test nelle scuole di tutta la Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile