Archivio Keystone
SVIZZERA
16.09.20 - 14:570

Tra maltempo e pandemia, un anno costoso per le assicurazioni

Secondo Swiss Re, a livello mondiale si parla di una cifra compresa tra i 50 e gli 80 miliardi di dollari

ZURIGO - Il 2020 sarà un anno costoso per le assicurazioni. Oltre a tempeste e incendi, la pandemia di coronavirus influisce con decisione sulle spese. Il Covid-19 non pesa quindi solo sugli affari di aziende attive nei settori dei viaggi o della gastronomia, ma anche sulle assicurazioni. Sono ad esempio chiamate a pagare per interruzioni di attività, viaggi cancellati o manifestazioni annullate, senza contare i decessi.

Il peso effettivo del coronavirus per il settore è difficile da calcolare. Secondo Swiss Re, a livello mondiale si parla di una cifra fra i 50 e gli 80 miliardi di dollari. Altri istituti parlano di oltre 100 miliardi.

Colpiti duramente sono in particolare i riassicuratori, come mostra una statistica redatta dall'azienda zurighese PeriStrat. Swiss Re, Munich Re, con 2,5 e 1,8 miliardi di dollari, si piazzano subito dietro la britannica Lloyd's (3,9 Mrd). Più distanti Axa, Allianz e Zurich.

Particolarmente rilevanti sono stati i rinvii dei Giochi olimpici di Tokyo e del Campionato europeo di calcio. Come se non bastassero le conseguenze del coronavirus, le autorità americane si aspettano un anno record per quel che riguarda gli uragani, provocato in particolare dalle elevate temperature dell'acqua.

Attualmente poi, gli Stati Uniti sono alle prese con devastanti incendi nell'Ovest del Paese. I danni per questa catastrofe ambientale sono ancora difficili da quantificare.

Fino ad ora il record di anno più costoso per le assicurazioni è quello del 2017, con 143 miliardi di dollari. Non è però escluso che il 2020 possa raggiungere o addirittura superare tale somma.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
4 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
6 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
7 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
8 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
8 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
13 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
14 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
14 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile