Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
16.09.20 - 14:570

Tra maltempo e pandemia, un anno costoso per le assicurazioni

Secondo Swiss Re, a livello mondiale si parla di una cifra compresa tra i 50 e gli 80 miliardi di dollari

ZURIGO - Il 2020 sarà un anno costoso per le assicurazioni. Oltre a tempeste e incendi, la pandemia di coronavirus influisce con decisione sulle spese. Il Covid-19 non pesa quindi solo sugli affari di aziende attive nei settori dei viaggi o della gastronomia, ma anche sulle assicurazioni. Sono ad esempio chiamate a pagare per interruzioni di attività, viaggi cancellati o manifestazioni annullate, senza contare i decessi.

Il peso effettivo del coronavirus per il settore è difficile da calcolare. Secondo Swiss Re, a livello mondiale si parla di una cifra fra i 50 e gli 80 miliardi di dollari. Altri istituti parlano di oltre 100 miliardi.

Colpiti duramente sono in particolare i riassicuratori, come mostra una statistica redatta dall'azienda zurighese PeriStrat. Swiss Re, Munich Re, con 2,5 e 1,8 miliardi di dollari, si piazzano subito dietro la britannica Lloyd's (3,9 Mrd). Più distanti Axa, Allianz e Zurich.

Particolarmente rilevanti sono stati i rinvii dei Giochi olimpici di Tokyo e del Campionato europeo di calcio. Come se non bastassero le conseguenze del coronavirus, le autorità americane si aspettano un anno record per quel che riguarda gli uragani, provocato in particolare dalle elevate temperature dell'acqua.

Attualmente poi, gli Stati Uniti sono alle prese con devastanti incendi nell'Ovest del Paese. I danni per questa catastrofe ambientale sono ancora difficili da quantificare.

Fino ad ora il record di anno più costoso per le assicurazioni è quello del 2017, con 143 miliardi di dollari. Non è però escluso che il 2020 possa raggiungere o addirittura superare tale somma.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
3 min
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
12 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
15 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
17 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
19 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
19 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
20 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
22 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
1 gior
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile