Archivio Keystone
SVIZZERA
16.09.20 - 06:000

Iniziativa per la limitazione: il “no” prevale anche in Ticino

È quanto emerge dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia in vista delle prossime votazioni federali

Gli aerei da combattimento e il congedo di paternità guadagnano ancora terreno. In bilico la legge sulla caccia e le deduzioni fiscali per i figli

BERNA - Sì all'acquisto di nuovi aerei da combattimento e all'introduzione del congedo di paternità di due settimane. No all'Iniziativa per la limitazione. Ma gli svizzeri sono spaccati in due sulla modifica della legge sulla caccia e sulle deduzioni fiscali per i figli. Sono queste le tendenze che emergono dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulle votazioni del prossimo 27 settembre a cui hanno preso parte oltre 20'000 persone da tutta la Svizzera.

Un sondaggio che, anche in occasione di questo terzo rilevamento, registra un calo di consensi per l'Iniziativa per la limitazione: attualmente i favorevoli alla proposta UDC risultano infatti essere il 33% dei cittadini (nel secondo sondaggio erano il 37%, mentre nel primo erano il 41%). I contrari sono invece a quota 65%, mentre un 2% si dice ancora indeciso.

Bocciatura ticinese - E - sempre secondo il sondaggio - con una percentuale del 52%, i contrari risultano ora in leggera maggioranza anche in Ticino, dopo che negli scorsi rilevamenti il nostro cantone era sempre l'unico a favore della proposta UDC (55% nel primo, poi una maggioranza relativa del 50% nel secondo). I favorevoli sono invece scesi al 45%, mentre il 3% non ha ancora deciso come votare.

Sempre più favorevoli per gli aerei da combattimento - Nel frattempo è sempre più netto il “sì” all'acquisto di nuovi jet da combattimento: il 65% si dichiara favorevole, mentre il 34% è contrario (sono all'1% gli indecisi). L'oggetto aveva guadagnato terreno già nel precedente rilevamento del 27-28 agosto, quando i consensi erano saliti al 58%. Nelle ultime settimane, è cresciuto in particolare (si parla di 10 punti percentuali) il sostegno da parte degli uomini, che è arrivato al 68%. Quasi la metà delle donne (49%) è invece contraria.

Un chiaro “sì” per il congedo - Alle votazioni federali del prossimo 27 settembre, l'oggetto con il più ampio consenso resta quello relativo all'introduzione del congedo di paternità di due settimane. I favorevoli sono nel frattempo passati dal 66% al 70%. Un sostegno che si registra tra le fila di quasi tutti i partiti: soltanto tra gli elettori UDC i contrari sono in maggioranza (56%). A livello regionale, la proposta conquista soprattutto i romandi (80% a favore), seguiti da ticinesi (76%) e svizzero-tedeschi (68%).

Svizzera spaccata in due su caccia e deduzioni - Resta incerto il destino della modifica della legge sulla caccia: attualmente il 48% dei cittadini si dice favorevole, il 49% contrario e il 3% è ancora indeciso. Come già emerso nei precedenti rilevamenti, i sostenitori sono attualmente in maggioranza nelle fila del PPD (68%), del PLR (62%) e dell'UDC (65%%). Nelle aree rurali vincono inoltre i “sì” (55%).

Per quanto riguarda infine le deduzioni fiscali per i figli (modifica della legge sull'imposta federale diretta), anche il terzo rilevamento di 20 minuti e Tamedia constata una leggera avanzata dei contrari, che ora sono al 46%). I favorevoli sono invece al 51%, e restano stabili rispetto al precedente sondaggio. Sembra quindi che tra gli indecisi ci sia chi ha deciso di votare “no”.

Il sondaggio

Sono 20'310 le persone da tutta la Svizzera che dal 10 all'11 settembre hanno preso parte al secondo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 27 settembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,2%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
8 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
13 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
13 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
14 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
15 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
15 ore
È ufficiale: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
16 ore
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
16 ore
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
17 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile