Archivio Keystone
SVIZZERA
16.09.20 - 06:000

Iniziativa per la limitazione: il “no” prevale anche in Ticino

È quanto emerge dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia in vista delle prossime votazioni federali

Gli aerei da combattimento e il congedo di paternità guadagnano ancora terreno. In bilico la legge sulla caccia e le deduzioni fiscali per i figli

BERNA - Sì all'acquisto di nuovi aerei da combattimento e all'introduzione del congedo di paternità di due settimane. No all'Iniziativa per la limitazione. Ma gli svizzeri sono spaccati in due sulla modifica della legge sulla caccia e sulle deduzioni fiscali per i figli. Sono queste le tendenze che emergono dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulle votazioni del prossimo 27 settembre a cui hanno preso parte oltre 20'000 persone da tutta la Svizzera.

Un sondaggio che, anche in occasione di questo terzo rilevamento, registra un calo di consensi per l'Iniziativa per la limitazione: attualmente i favorevoli alla proposta UDC risultano infatti essere il 33% dei cittadini (nel secondo sondaggio erano il 37%, mentre nel primo erano il 41%). I contrari sono invece a quota 65%, mentre un 2% si dice ancora indeciso.

Bocciatura ticinese - E - sempre secondo il sondaggio - con una percentuale del 52%, i contrari risultano ora in leggera maggioranza anche in Ticino, dopo che negli scorsi rilevamenti il nostro cantone era sempre l'unico a favore della proposta UDC (55% nel primo, poi una maggioranza relativa del 50% nel secondo). I favorevoli sono invece scesi al 45%, mentre il 3% non ha ancora deciso come votare.

Sempre più favorevoli per gli aerei da combattimento - Nel frattempo è sempre più netto il “sì” all'acquisto di nuovi jet da combattimento: il 65% si dichiara favorevole, mentre il 34% è contrario (sono all'1% gli indecisi). L'oggetto aveva guadagnato terreno già nel precedente rilevamento del 27-28 agosto, quando i consensi erano saliti al 58%. Nelle ultime settimane, è cresciuto in particolare (si parla di 10 punti percentuali) il sostegno da parte degli uomini, che è arrivato al 68%. Quasi la metà delle donne (49%) è invece contraria.

Un chiaro “sì” per il congedo - Alle votazioni federali del prossimo 27 settembre, l'oggetto con il più ampio consenso resta quello relativo all'introduzione del congedo di paternità di due settimane. I favorevoli sono nel frattempo passati dal 66% al 70%. Un sostegno che si registra tra le fila di quasi tutti i partiti: soltanto tra gli elettori UDC i contrari sono in maggioranza (56%). A livello regionale, la proposta conquista soprattutto i romandi (80% a favore), seguiti da ticinesi (76%) e svizzero-tedeschi (68%).

Svizzera spaccata in due su caccia e deduzioni - Resta incerto il destino della modifica della legge sulla caccia: attualmente il 48% dei cittadini si dice favorevole, il 49% contrario e il 3% è ancora indeciso. Come già emerso nei precedenti rilevamenti, i sostenitori sono attualmente in maggioranza nelle fila del PPD (68%), del PLR (62%) e dell'UDC (65%%). Nelle aree rurali vincono inoltre i “sì” (55%).

Per quanto riguarda infine le deduzioni fiscali per i figli (modifica della legge sull'imposta federale diretta), anche il terzo rilevamento di 20 minuti e Tamedia constata una leggera avanzata dei contrari, che ora sono al 46%). I favorevoli sono invece al 51%, e restano stabili rispetto al precedente sondaggio. Sembra quindi che tra gli indecisi ci sia chi ha deciso di votare “no”.

Il sondaggio

Sono 20'310 le persone da tutta la Svizzera che dal 10 all'11 settembre hanno preso parte al secondo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 27 settembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,2%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
«In una crisi, i ricchi non valgono di più»
Immunizzato nonostante non soddisfacesse i criteri: fa discutere il caso del miliardario Johann Rupert
VAUD
7 ore
Focolaio in un albergo vodese
È stato scoperto in una struttura di Villars-Gryon: tredici dipendenti sono risultati positivi al coronavirus
SVIZZERA
8 ore
Scuola reclute azzoppata dall'obbligo di telelavoro
I problemi riscontrati questa settimana sarebbero dovuti al sovraccarico del sistema informatico gestito da Ruag.
SVIZZERA
9 ore
FFP2, chirurgiche, in tessuto: quale scegliere?
Come indossare correttamente la mascherina? E per quanto tempo? Qual è la più efficace?
SVIZZERA
10 ore
Da domani i dati cantonali sul numero di vaccinati
Dovevano già essere disponibili da qualche giorno, ma ci sono stati alcuni problemi tecnici
ZURIGO
10 ore
A Zurigo mascherine obbligatorie dalla quarta elementare
Nelle scuole secondarie, il numero di allievi presenti in aula sarà inoltre dimezzato.
SVIZZERA
11 ore
Le conseguenze della seconda ondata: depressione raddoppiata
La Task Force Covid-19 parla di sintomi depressivi gravi nel 18% degli intervistati e cerca soluzioni
SVIZZERA
13 ore
Dieci giorni di quarantena sono troppi: ecco le tre proposte
Le misure sono in consultazione presso i Cantoni fino a venerdì
SVIZZERA
14 ore
Chi esporta è un po' più ottimista, ora
Le piccole e medie imprese orientate verso l'estero guardano con moderata fiducia a questo primo semestre
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera i nuovi casi sono 2'205, i decessi 47
Nelle ultime 24 ore 28'094 persone si sono sottoposte al tampone: il 7,8% è risultato positivo al Covid-19.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile