Keystone (archivio)
SVIZZERA
15.09.20 - 10:280

«Il 13% delle fatture di medici e ospedali non è corretto»

La Suva nel 2019 si è trovata confrontata con emissioni doppie, prestazioni sbagliate e fatture per casi già chiusi.

I controllori hanno corretto o respinto 320'000 fatture, risparmiando oltre 95 milioni di franchi.

BERNA - Il 13% delle fatture di medici e ospedali ricevute nel 2019 dalla Suva non era corretto: l'azienda di diritto pubblico che gestisce l'assicurazione infortuni di due milioni di lavoratori si è trovata di fronte a emissioni doppie, prestazioni conteggiate in modo sbagliato o non assicurate, nonché fatture concernenti casi già chiusi.

I controllori dell'impresa con sede a Lucerna hanno verificato 2,4 milioni di fatture, correggendone o respingendone oltre 320'000, si legge in un comunicato odierno. Grazie a questi approfonditi controlli la Suva ha risparmiato oltre 95 milioni di franchi, un importo che corrisponde all'8% di tutte le spese di cura e di cui beneficiano anche gli assicurati, sotto forma di riduzioni di premio,

Per effettuare gli interventi l'ente che vede alla presidenza l'ex consigliere di Stato Gabriele Gendotti si avvale delle tecnologie digitali. «Il sistema automatizzato per il controllo delle fatture, basato su modelli di autoapprendimento, riconosce se una determinata fattura è anomala per un caso specifico e la seleziona per verificarla in dettaglio», afferma Michael Widmer, responsabile del team spese presso la Suva, citato nel comunicato. «I nostri specialisti controllano poi manualmente se le prestazioni fornite sono riconducibili all'infortunio, se sono in linea con la diagnosi e se sono conformi al tariffario».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TI.CH 2 mesi fa su tio
mi sa che questa storia l'ho già sentita; ma sembra che verrà insabbiata di nuovo,intanto loro si spartiscono la torta aumentandosi gli stipendi " ai livelli dirigenziali". poi quando un paziente deve ricevere un medicamento che è molto costoso si vede rifiutare il pagamento dalle casse malati che adducono ragioni varie e il paziente o si cura e paga lui il medicamento o non si cura. penso che i controlli che fanno mirano più a scoprire cosa possono non pagare. Meglio sarebbe una cassa malati unica e statale come esiste in altre nazioni.
Tato50 2 mesi fa su tio
@TI.CH Abbiamo votato e chi adesso si lamenta aveva crociato il no !!!! Specialisti in autolesionismo ;-((
Tato50 2 mesi fa su tio
Le Casse Malati dovrebbero essere come la SUVA e non un groviglio di nomi che poi fanno capo ad un'unica casa madre. Esse si preoccupano di più a piangere miseria e mettere milioni di franchi nelle "riserve" tanto da aver accumulato un capitale di 11 miliardi, che è il triplo della somma stabilita per legge. Si diano una mossa anche loro nel controllo delle fatture perché non è possibile che una richiesta di una ricetta fatta per telefono, con una spiegazione di 30 secondi, venga a costare Fr. 68,50. La piantino anche di buttar via soldi e tempo inviando avvisi che la somma di Fr. 2,85 sarà conteggiata con la prossima fattura. Per 2,85 spendono 10 franchi ;-(((( E invece di aumentare i premi facciano capo alle riserve citate, visto che quando ne hanno avuto bisogno per tenere bassi i premi nei Cantoni tedeschi, hanno attinto 700 milioni dalle riserve ticinesi. Se non c'era un certo Cereghetti il Beltrasereno non se ne sarebbe nemmeno accorto ;-(((((
Gus 2 mesi fa su tio
Anche le Casse Malati, invece di spendere soldi in pubblicità, potrebbero spenderli per i controlli. E pagheremmo premi molto piu bassi
Tato50 2 mesi fa su tio
@Gus Non è quello il probema; è lo 0,5 del fatturato. I problemi sono i miliardi di riserve e gli stipendi di certi personaggi e altre spese amministrative che raggiungono il 15 % di quello che paghiamo ;-((
KilBill65 2 mesi fa su tio
Poi ci chiediamo del perche' dei aumenti delle casse malati o delle spese accessorie!!!.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
10 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
14 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
15 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
16 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
16 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
17 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
18 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
19 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile