Keystone
BERNA
14.09.20 - 22:000
Aggiornamento : 15.09.20 - 08:36

Migros va all'attacco di Aldi e Lidl

La catena di supermercati ha ridotto il prezzo di 600 prodotti. L'analista: «Non sono molti sui 10mila in assortimento».

BERNA - Fare spesa alla Migros costa un po’ meno. Il gigante arancione ha infatti recentemente abbassato il prezzo di 600 prodotti. Un modo per lasciare più soldi in tasca ai clienti, assicura la catena di supermercati. Dietro ai ribassi permanenti, però, ci sarebbe la concorrenza di Aldi e Lidl.

«Le nuove riduzioni di prezzo dovrebbero portare sempre di più la gente a pensare prima alla Migros quando pianifica i propri acquisti», spiega un portavoce del distributore a 20 Minuten. Il prezzo dei peperoni rossi passa così per esempio da 3.80 franchi a 3.30, quello delle cialde al burro M-Classic da 2.70 a 2.20 e quello del Detergente all’aceto M-classic da 2.- a 1.75. Riduzioni fisse in media del 10% che toccano per tre quarti generi alimentari e per un quarto altri articoli.

Finora la Migros era quindi troppo cara? «Già lo scorso anno abbiamo abbassato in maniera permanente il prezzo di numerosi prodotti particolarmente amati», ricorda il portavoce respingendo l’accusa. «Rivediamo regolarmente i conti», aggiunge.

Per Tilman Slembeck, dell’Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), la nuova politica dei prezzi di Migros non è una sorpresa. Il gigante arancione, infatti, sente particolarmente la pressione «permanente» di Lidl e Aldi: «A causa dei discounter, Migros deve sempre farsi venire in mente qualcosa di nuovo», spiega. La catena, del resto, ha già perso quote di mercato per quanto riguarda i prodotti di uso quotidiano.

Secondo Slembeck, con i suoi ultimi ribassi Migros vuole attirare l’attenzione del pubblico: «Vuole segnalare che fa qualcosa per i suoi clienti», spiega l’analista. Per strappare consumatori in maniera duratura ad Aldi e Lidl, però, ci vorrebbe molto di più. 600 prodotti a prezzo ridotto sui più di 10mila in assortimento, infatti, «non sono molti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
4 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
4 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
5 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
7 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
7 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
8 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
10 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
11 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
11 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile