Archivio Keystone
SVIZZERA
13.09.20 - 09:220
Aggiornamento : 14:20

Berset: «Bisogna evitare un secondo lockdown»

Secondo il consigliere federale bisogna puntare su altre misure, tra cui un buon tracciamento dei contatti

E sull'immunità di gregge, afferma: «Dovremmo isolare completamente le persone a rischio, sarebbe prigionia»

BERNA - Malgrado un numero crescente di nuovi casi di Covid-19 in Svizzera, il ministro della sanità Alain Berset vuole evitare a tutti i costi un secondo confinamento. Egli ritiene che la situazione attuale possa essere gestita con misure meno dure, più mirate e regionali.

L'importante è un buon tracciamento dei contatti, dice Berset in un'intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. Questa misura sarà applicata fino alla fine della crisi, anche con l'arrivo dell'influenza stagionale, precisa.

E i cantoni - aggiunge - devono avere la capacità necessaria. «Questo è un chiaro messaggio al loro indirizzo. Non dobbiamo più semplicemente arrenderci, come abbiamo fatto la scorsa primavera».

No all'immunità di gregge - Il consigliere federale socialista respinge la strategia dell'immunità di gregge proposta dai virologi: «Coloro che credono che dobbiamo solo proteggere i più vulnerabili e che possiamo lasciare che il virus circoli liberamente si sbagliano». Questa strategia non ha funzionato da nessun'altra parte, osserva il ministro friburghese.

Con l'immunità di gruppo, la Svizzera dovrebbe isolare completamente le persone a rischio. «Ciò si chiama prigionia», dice sottolineando che nessuno potrebbe volerlo seriamente. Inoltre, non vi è alcuna indicazione che il virus sia diventato meno pericoloso, constata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Emmi aumenta le vendite nonostante il coronavirus
La borsa ha tuttavia reagito negativamente alle previsioni del risultato Ebit.
ARGOVIA
3 ore
Cadavere in riva alla Limmat, il sospettato ha confessato
Il 31enne fermato martedì avrebbe strangolato l'81enne trovato privo di vita lunedì.
SVIZZERA
3 ore
1'699 casi, 52 decessi e 94 ricoveri nelle ultime 24 ore
I tamponi eseguiti ieri sono stati 26'638. Il 6,4% di questi è risultato positivo al Covid-19.
GRIGIONI
4 ore
Frontale a Mulegns, in tre in ospedale
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi.
SVIZZERA
4 ore
Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere
L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.
GRIGIONI
6 ore
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
6 ore
Gestione della pandemia nel mondo: ecco dove si situa la Svizzera
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
7 ore
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
8 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
9 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile