Deposit
BERNA
11.09.20 - 14:300

Videogiochi e film, si decide per un'età minima a livello nazionale

In futuro, l’indicazione dell’età minima per film e videogiochi saranno disciplinati a livello svizzero

I Cantoni saranno competenti per verificare, tramite test di acquisto, se le indicazioni dell'età minima sono rispettate

BERNA - Uniformare a livello nazionale l'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco. È quanto prevede una nuova legge in materia trasmessa oggi dal Consiglio federale al Parlamento. Lo scopo è meglio proteggere i minorenni dai contenuti mediali inadeguati.

Attualmente non esistono norme federali in materia. La competenza di legiferare spetta pertanto ai Cantoni.

Per quel che concerne i film - proiezioni cinematografiche, acquisto di DVD e Blu-ray - esiste una Commissione svizzera del film e della tutela dei giovani che formula raccomandazioni in merito all'età minima. Se praticamente tutti i cantoni vi hanno aderito (solo il Ticino non lo ha fatto), soltanto i due Basilea, Neuchâtel, Vaud, Vallese e Zurigo hanno disposizioni legali in materia.

Nei videogiochi si è assistito a una autoregolamentazione a livello europeo tramite il sistema PEGI. Esso indica l'età a partire dalla quale un videogame è adeguato. Attualmente oltre il 90% dei giochi è venduto con l'etichetta PEGI. Tuttavia, anche qui sono solo i due Basilea, Neuchâtel, Vaud, Vallese e Zurigo ad aver emanato disposizioni legali.

Insomma, le regolamentazioni in materia di protezione dei minori per film e videogiochi sono in Svizzera molto frammentarie e eterogenee. Da qui la necessità di agire a livello federale. L'obiettivo, afferma il governo, è proteggere i minorenni da rappresentazioni di cruda violenza o di natura sessuale e da altri contenuti inadeguati, che potrebbero nuocere al loro sviluppo fisico, mentale, psichico, morale o sociale.

Una volta la nuova legge entrata in vigore, tutti i cinema, le videoteche, i venditori al dettaglio online, i punti di vendita e i portali video in Svizzera saranno tenuti a indicare l'età minima richiesta e a effettuare controlli d'età. L'obbligo varrà anche per i fornitori di servizi di piattaforma per video e videogiochi, come YouTube e Twich.

Spetterà agli operatori del settore, in associazione con le organizzazioni per la protezione dei minori, fissare le regole per l'indicazione dell'età minima e per il suo controllo. Al Consiglio federale toccherà poi dichiararle vincolanti per tutti. Tuttavia, se due anni dopo l'entrata in vigore della nuova legge non sarà ancora stata dichiarata vincolante alcuna regolamentazione in materia, il governo potrà emanare prescrizioni per il settore in questione (film o videogiochi).

La nuova legge prevede anche obblighi per i fornitori di media audiovisivi a richiesta ("video on demand") con sede in Svizzera (come Swisscom, Sunrise e UPC, ndr). Questi, in linea con la recente direttiva dell'UE sui servizi di media audiovisivi, dovranno implementare un sistema di controllo dell'età.

I Cantoni saranno competenti per verificare, tramite test di acquisto, se le indicazioni dell'età minima sono rispettate. L'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) eserciterà la vigilanza per quel che concerne gli acquisti online. Per chi non dovesse applicare le nuove disposizioni sono previste multe fino a 40'000 franchi.

La futura legge non concerne invece i programmi televisivi. La Legge federale sulla radiotelevisione contempla comunque già una norma di protezione dei minori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
8 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
10 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
11 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
13 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
13 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
14 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
17 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
17 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
17 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile