Keystone
ZURIGO
08.09.20 - 09:200

«In vista di un autunno di contagi, le aziende ritornino a fare telelavoro»

Parola dell'infettivologo di Moncucco Andreas Cerny che commenta la situazione di Zurigo: «Sia da modello per tutti»

Fonte 20 Minuten/BZ/PAM/TAM
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Mascherina obbligatoria ovunque negli spazi pubblici, con questa misura Zurigo tenta - e spera - di arginare il crescente numero di contagi. L'obbligo - che riguarda supermercati ma anche aree di traffico passeggeri, musei scuole e palazzi istituzionali - entrerà in vigore da questo giovedì, e non tutti ne sono contentissimi.

Ma c'è anche chi ritiene non solo che sia un modello da seguire, ma anche un'imposizione giunta troppo tardi: «Con l'arrivo dell'autunno e il previsto boom di contagi, tutte le città svizzere dovrebbero seguire l'esempio di Zurigo», spiega Andreas Cerny, infettivologo del Moncucco di Lugano intervistato da 20 Minuten.

«Dovevamo imporla prima, quando i contagi erano 100 o 200 al giorno, adesso è già troppo tardi», ribadisce Cerny che spiega come - perché una tendenza (al rialzo o al ribasso) sia evidente - devono passare dalle 2 alle 3 settimane: «A ottobre arriveremo a 500 casi al giorno, anche con queste misure».

«Zurigo non può diventare un focolaio di coronavirus»

140 allievi in quarantena dall'inizio delle scuole, un tasso di contagi in impennata. Per questo motivo Zurigo ha deciso per la linea dura: «Così non va bene. Dobbiamo impedire che Zurigo diventi un focolaio», spiega il consigliere liberale Filippo Lautenegger, sostenendo le nuove misure di restrizione. «Non vogliamo diventare un luogo da evitare e che il nostro cantone finisca nella lista nera internazionale».

Per evitare una seconda ondata, secondo lui, la soluzione potrebbe passare dall'home office: «Dove possibile, i datori dovrebbero tornare allo smart working». Il luogo di lavoro, confermano i dati del Cantone di Zurigo, è il secondo luogo di trasmissione del virus, dopo il contesto famigliare: «Non appena le distanze non vengono più mantenute, scatta il rischio. Ci si contagia soprattutto durante le pause caffé e in mensa».

«La scelta sta ai singoli datori»

L'Unione Svizzera degli Imprenditori non si sbilancia e non fornisce raccomandazioni in merito all'uso delle mascherine sul posto di lavoro. Se si tratta di attività che non hanno necessità di contatto diretto con il pubblico, spetta a ogni direzione la scelta di quali politiche anti-Covid adottare come spiega il portavoce dell'associazione Fredy Greuter. «Come parte del loro dovere di diligenza, i datori di lavoro possono decidere in maniera autonoma se richiedere l'obbligo della mascherina o forme flessibili di lavoro da casa».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
44 min
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il partito punta a conquistare elettori, uscendo da una connotazione troppo cattolica. Sì anche alla fusione con il PBD
SVIZZERA
1 ora
«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»
Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione
SVIZZERA
2 ore
La sicurezza del vaccino? Non è negoziabile
La Svizzera, assicura Nora Kronig, non scenderà a compromessi
SVIZZERA
2 ore
L'edizione 2021 del Forum economico mondiale è in forse
Klaus Schwab spiega che la manifestazione avrà luogo solo in condizioni di assoluta sicurezza
SVIZZERA
3 ore
È morta la donna più anziana della Svizzera
«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato
SVIZZERA
5 ore
Scuole reclute da record nel 2021
«Sarà la più grande della storia recente» spiega il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli
SVIZZERA
5 ore
PPD, oggi si decide su nuovo nome e fusione con il PBD
L'assemblea dei delegati si svolge in modo decentrato a causa della pandemia
SVIZZERA
6 ore
I dieci comandamenti per festeggiare il Natale
L'Ufsp ha pubblicato sul proprio sito web alcuni consigli su come organizzare una festa a rischio ridotto.
VAUD
17 ore
Caso FIFA: Platini e Blatter indagati per truffa
Il procedimento penale riguarda un controverso pagamento da parte di Blatter.
GINEVRA
18 ore
Covid, Ginevra chiede aiuti per 10 miliardi
Il parlamento ginevrino chiede inoltre all'esecutivo federale di estendere gli aiuti a tutte le imprese in difficoltà.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile