Keystone
ZURIGO
08.09.20 - 09:200

«In vista di un autunno di contagi, le aziende ritornino a fare telelavoro»

Parola dell'infettivologo di Moncucco Andreas Cerny che commenta la situazione di Zurigo: «Sia da modello per tutti»

Fonte 20 Minuten/BZ/PAM/TAM
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Mascherina obbligatoria ovunque negli spazi pubblici, con questa misura Zurigo tenta - e spera - di arginare il crescente numero di contagi. L'obbligo - che riguarda supermercati ma anche aree di traffico passeggeri, musei scuole e palazzi istituzionali - entrerà in vigore da questo giovedì, e non tutti ne sono contentissimi.

Ma c'è anche chi ritiene non solo che sia un modello da seguire, ma anche un'imposizione giunta troppo tardi: «Con l'arrivo dell'autunno e il previsto boom di contagi, tutte le città svizzere dovrebbero seguire l'esempio di Zurigo», spiega Andreas Cerny, infettivologo del Moncucco di Lugano intervistato da 20 Minuten.

«Dovevamo imporla prima, quando i contagi erano 100 o 200 al giorno, adesso è già troppo tardi», ribadisce Cerny che spiega come - perché una tendenza (al rialzo o al ribasso) sia evidente - devono passare dalle 2 alle 3 settimane: «A ottobre arriveremo a 500 casi al giorno, anche con queste misure».

«Zurigo non può diventare un focolaio di coronavirus»

140 allievi in quarantena dall'inizio delle scuole, un tasso di contagi in impennata. Per questo motivo Zurigo ha deciso per la linea dura: «Così non va bene. Dobbiamo impedire che Zurigo diventi un focolaio», spiega il consigliere liberale Filippo Lautenegger, sostenendo le nuove misure di restrizione. «Non vogliamo diventare un luogo da evitare e che il nostro cantone finisca nella lista nera internazionale».

Per evitare una seconda ondata, secondo lui, la soluzione potrebbe passare dall'home office: «Dove possibile, i datori dovrebbero tornare allo smart working». Il luogo di lavoro, confermano i dati del Cantone di Zurigo, è il secondo luogo di trasmissione del virus, dopo il contesto famigliare: «Non appena le distanze non vengono più mantenute, scatta il rischio. Ci si contagia soprattutto durante le pause caffé e in mensa».

«La scelta sta ai singoli datori»

L'Unione Svizzera degli Imprenditori non si sbilancia e non fornisce raccomandazioni in merito all'uso delle mascherine sul posto di lavoro. Se si tratta di attività che non hanno necessità di contatto diretto con il pubblico, spetta a ogni direzione la scelta di quali politiche anti-Covid adottare come spiega il portavoce dell'associazione Fredy Greuter. «Come parte del loro dovere di diligenza, i datori di lavoro possono decidere in maniera autonoma se richiedere l'obbligo della mascherina o forme flessibili di lavoro da casa».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
«La seconda ondata è arrivata più veloce e più forte»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione epidemiologica in Svizzera.
BASILEA CAMPAGNA
21 min
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
1 ora
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
2 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
2 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
2 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
SVIZZERA
3 ore
Tossisci e ti dico se hai il coronavirus
Una startup dell'EPFL sta studiando la possibilità d'identificare una persona infetta attraverso un'analisi vocale.
SVIZZERA
3 ore
Cento franchi in più nella busta paga Coop
Si tratta di una misura voluta per ringraziare l'impegno dimostrato durante il periodo del coronavirus
SVIZZERA
3 ore
Gli effetti del Covid: non si usa più il corrimano delle scale
A sostenerlo è l'Ufficio prevenzione infortuni alla luce del sondaggio che svolge annualmente.
SVIZZERA
4 ore
L'allarme del TCS su un seggiolino che contiene sostanze nocive
Si tratta dello Oyster Capsule di Babystyle che supera i livelli di guardia e risulta quindi «non consigliato»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile