Keystone
VAUD / NEUCHÂTEL
04.09.20 - 13:530

Credit Suisse condannata a un rimborso milionario

Dovrà rimborsare quattro milioni di euro per aver eseguito dei pagamenti a nome di una società non conformi al contratto

LOSANNA - Credit Suisse deve rimborsare 4 milioni di euro a una società di Neuchâtel, secondo una sentenza del Tribunale federale (TF). Il numero due bancario elvetico ha eseguito pagamenti su richiesta di una dipendente della società, caduta in una truffa, senza controllare che tali esborsi fossero conformi al contratto esistente tra la banca e la società.

La dipendente della società in questione era stata indotta a credere da un uomo, fintosi avvocato al telefono, e da e-mail che sarebbero state inviate dal Ceo della società - in viaggio al momento dei fatti - che diversi pagamenti urgenti dovessero essere effettuati a una azienda cinese.

In linea di principio, esisteva un contratto tra la banca e la società secondo cui i pagamenti potevano essere eseguiti solo con una firma collettiva di due. Autorizzati a firmare erano tra gli altri i dipendenti e il Ceo. Gli ordini via e-mail non erano consentiti dal presente accordo.

La donna si era quindi rivolta alla banca per chiedere come si potesse aggirare la firma collettiva, dovendo effettuare diversi pagamenti urgenti. Il sostituto del supervisore aveva consigliato alla dipendente di inviargli una mail con l'esatto ordine di pagamento dopo la telefonata. Ordine che di principio dovrebbe essere anche confermato dal Ceo via e-mail.

Sono seguiti diversi pagamenti per un importo di 4 milioni di euro. I superiori del sostituto del supervisore hanno firmato gli ordini che sono stati loro sottoposti. Secondo il TF , tuttavia, l'impiegato della banca avrebbe dovuto verificare se i pagamenti così emessi fossero conformi al contratto, cosa che non ha fatto.

Inoltre in banca si sarebbe dovuto notare che l'indirizzo e-mail del presunto Ceo non corrispondeva a quello aziendale. Vi erano poi errori di ortografia insoliti nelle e-mail, e due pagamenti riportavano esattamente lo stesso importo. Tutte queste irregolarità avrebbero dovuto portare a un'indagine critica presso la banca, indica il TF.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Dipendente si ferisce, multa a Nestlé
Sanzione da 600mila sterline contro la multinazionale
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino anti-Covid guadagna consensi
In ottobre la percentuale dei favorevoli era al 16%, ora è salita al 41%.
SVIZZERA
2 ore
Vaccinati i primi consiglieri federali
Nell'ambito di un'azione privata, oggi il preparato è stato somministrato ad alcuni membri del Governo
SVIZZERA
2 ore
Un test negativo per entrare in Svizzera?
È la proposta avanzata dalla Commissione della sanità e socialità del Consiglio nazionale
SVIZZERA
3 ore
Se c'è in gioco la variante, in quarantena anche il contatto del contatto
È quanto raccomanda l'Ufficio federale della sanità pubblica per contrastare la diffusione del virus mutato
SVIZZERA/GERMANIA
4 ore
Il tampone obbligatorio ai frontalieri potrebbe avere un «forte impatto negativo»
La commissione dell'Alto Reno chiede un regime eccezionale rispetto alle misure introdotte da Berlino
SVIZZERA
5 ore
«Misure anti-coronavirus efficaci»
È il parere della task force scientifica in merito agli approcci cantonali durante l'autunno 2020
SVIZZERA
6 ore
Niente svendita all'estero degli immobili delle imprese in difficoltà
È l'obiettivo che si propone un'iniziativa della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 2'396 casi di coronavirus
Le autorità sanitarie federali segnalano anche 66 nuovi decessi e 139 ospedalizzazioni
SVIZZERA
6 ore
La BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"
Si tratta di una possibile versione digitale del franco
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile