Archivio Keystone
SVIZZERA
01.09.20 - 21:550

Ultimi rimpatri di turisti elvetici, Berna fa chiarezza

Ci sono stati dei voli, ma i costi per il Dipartimento federale degli affari esteri sono stati «pari a zero»

BERNA - Nonostante il rimpatrio di turisti svizzeri bloccati all'estero dal coronavirus sia stato dichiarato terminato a fine aprile, la Confederazione ha in seguito organizzato altri quattro voli.

Tuttavia, i costi per il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sono stati pari a zero, fanno sapere da Berna.

È infatti stata predefinita una garanzia in relazione al numero minimo di passeggeri sugli aerei in modo da coprire gli oneri per le compagnie, ha detto oggi in serata un portavoce del DFAE all'agenzia Keystone-ATS, confermando almeno in parte una notizia del Blick. Secondo il portale del giornale svizzerotedesco, fra maggio e luglio si sono svolti dieci voli, che hanno trasportato un migliaio di persone.

Il totale dei viaggiatori a bordo ha sempre permesso di superare la garanzia: in tal modo il Dipartimento non ha dovuto sostenere alcuna spesa per i voli commissionati. Gli aerei in questione sono partiti da Argentina, Marocco, Repubblica Dominicana e Perù.

Il DFAE ha deciso di organizzare tali collegamenti speciali per varie ragioni, fra cui il ridotto numero di voli di rimpatrio da Paesi terzi e le molte persone desiderose di rientrare. I turisti interessati hanno dovuto prenotare il tragitto direttamente presso la compagnia, pagando l'intero importo in anticipo. I servizi di Ignazio Cassis si sono limitati a garantire che i cittadini svizzeri avessero la priorità.

Come detto, questi voli non rientrano nella vasta operazione di recupero di persone rimaste bloccate all'estero a seguito dello scoppio della pandemia, che si è invece conclusa il 29 aprile. Nell'ambito di essa erano state riportate a casa oltre 7'000 persone con 35 aerei. I costi ammontano a circa 10 milioni di franchi, coperti per l'80% dai passeggeri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 ora
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
4 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
8 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
10 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
11 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
14 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
15 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
18 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile