Immobili
Veicoli
Tipress (archivio)
SVIZZERA
31.08.20 - 10:310

Altro che parità: «Rendite vecchiaia miserabili per le donne»

L'Unione sindacale svizzera denuncia questa diseguaglianza e lancia la giornata "Equal Pension Day".

BERNA - Oggi, denuncia l'Unione sindacale svizzera (USS), gli uomini hanno già ricevuto l'equivalente di quanto le donne ottengono per tutto l'anno in termini di previdenza di vecchiaia del secondo pilastro. L'USS attira l'attenzione su questa disuguaglianza di genere con la giornata intitolata "Equal Pension Day".

Questo divario rivela la diversità nelle opportunità di lavoro per i due sessi, si legge in un comunicato diramato oggi. Le donne interrompono il lavoro più spesso e lavorano più frequentemente a tempo parziale, nei due casi in primo luogo per ragioni famigliari. È questa la causa di "rendite scandalosamente basse", scrive l'USS.

Per molte donne, la previdenza professionale è solo un magro supplemento. Un terzo di loro addirittura ancora non riceve alcuna pensione dal secondo pilastro. Se viene versata una rendita della cassa pensioni, la pensione media delle donne è pari a circa la metà di quella degli uomini.

Così, stando alle cifre della federazione sindacale, la metà delle donne che ha raggiunto i 64 anni nel 2018 ha ricevuto una rendita dalla cassa pensioni inferiore a 1165 franchi al mese. Nei "settori tipicamente femminili", le pensioni si situano comunemente tra i 500 e gli 800 franchi al mese, insufficienti per vivere, deplora l'USS.

Quasi l'11% di tutte le donne, per arrivare a fine mese, deve richiedere le prestazioni complementari direttamente al momento del pensionamento, scrive l'USS. L'anno scorso più di 140'000 donne hanno ricevuto queste prestazioni, il doppio rispetto agli uomini. Sono particolarmente colpite le donne divorziate e vedove.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Mai sentito una femminista o un Sindacalista dire "vogliamo gli stessi diritti degli uomini, quindi in pensione anche noi a 65 anni -;(((
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Avanti con l immigrazione. C'è posto e ci sono soldi per tutti. Io metterei annunci sui giornali europei. Ce lo siamo cercato. Mia povera madre diceva più si è à tavola meno si mangia!
Pongo 1 anno fa su tio
non mi meraviglierei di certo di tali disparità eppure mi sembra un po' strano...
seo56 1 anno fa su tio
Ma va!! Niente di più falso. Uno prende ciò che versa che sia uomo o donna.
miba 1 anno fa su tio
È solo una questione di calcolo. Oppure possiamo metterla anche in un altro modo, alias che i sindacati ora vorrebbero picco are anche il sistema pensionistico/previdenziale invidiatoci da tutto il mondo....
Tato50 1 anno fa su tio
Non si può certo pretendere che si abbia una parità di rendita se non si sono versati i contributi. Forse dimenticano che chi ha una moglie senza attività lucrativa è il marito che versa i soldi per l'AVS, quindi deduzione salariale. A 65 anni ha diritto alla sua somma senza aver versato un franco. Ma vogliamo parlare una volta degli uomini discriminati rispetto allle donne ?
marco17 1 anno fa su tio
Non è una discriminazione verso le donne. Un uomo che lavora a tempo parziale, che percepisce un salario basso o che ha interrotto per un certo tempo l'attvitià lavorativa, avrà anche lui una pensione misera. Se come pensionato ricevo 1000 fr. di rendita, non mi consola sapere che la media delle pensioni maschili è di oltre 2000 fr.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / RUSSIA
5 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
6 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
16 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
17 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
18 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
19 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
19 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
1 gior
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
1 gior
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
1 gior
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile