Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
30.08.20 - 11:260

Contact tracing troppo lento? «Il sistema funziona»

Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità risponde alle critiche

BERNA - Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), non ci sta e risponde alle critiche piovute nel corso della settimana sulla presunta lentezza delle autorità nelle pratiche di tracciamento dei positivi al coronavirus.

In un'intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung respinge le accuse e sottolinea come tutti i Cantoni siano fortemente impegnati nella lotta al Covid-19. Lo dimostra il fatto che oltre 1'500 persone si trovano attualmente in isolamento, più di 5'000 contatti sono stati posti in quarantena, così come altre 12'000 circa si trovano in quarantena per ritorni da viaggi in zone a rischio.

Si tratta di cifre impressionanti che dimostrano il funzionamento del sistema, ha continuato. Engelberger non pensa che le procedure siano lente, semplicemente non è sempre possibile trovare immediatamente le persone entrate in contatto con dei casi positivi. Vista la grande mole di lavoro, non è sorprendente che in singoli casi vi siano degli intoppi, ha sottolineato.

Le critiche di Salathé - Venerdì l'epidemiologo Marcel Salathé aveva sottolineato la necessità di essere più veloci ed efficienti in merito ai risultati dei test e nel tracciamento dei contatti. «Non bisogna fare di più, ma fare meglio», aveva sostenuto il professore del Politecnico federale di Losanna e membro della Swiss National Covid-19 Science Task Force.

Lo specialista criticava in particolare il fatto che bisogna in molti casi aspettare due o tre giorni per il risultato del tampone e poi ancora altri due o tre giorni prima che si raggiungano le persone con cui l'infetto è stato a contatto. In tale lasso di tempo il virus continua a circolare e colpisce altre persone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
11 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
12 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
14 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
16 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
16 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
FOTO
GINEVRA
17 ore
Rogo in una palazzina, due persone in pericolo di vita
L'incendio è scoppiato nel loro appartamento.
SVIZZERA
18 ore
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
VALLESE
19 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
NIDVALDO
20 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
21 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile