Keystone
BERNA
27.08.20 - 17:050

Lavoro ridotto: il Consiglio federale prevede migliaia di abusi

La stima si basa sull'esperienza con la disoccupazione. Il governo non vede la necessità di controlli più intensi.

BERNA - Potrebbero essere migliaia gli abusi connessi al lavoro ridotto richiesto a causa della crisi del coronavirus. Lo dice il Consiglio federale in risposta a un'interpellanza della consigliera nazionale Gabriela Suter (PS/AG), precisando al riguardo che verranno estesi i controlli sulle ditte che hanno fatto capo a questo strumento per superare le ripercussioni della pandemia sui loro affari.

Secondo Suter, visto l'alto numero di richieste per il lavoro ridotto che riguardano quasi due milioni di lavoratori (dati di maggio, n.d.r), non è stato possibile eseguire controlli approfonditi. Circolano notizie secondo cui delle aziende hanno ottenuto il lavoro ridotto benché i propri dipendenti non lavorassero meno del normale.

Attualmente non sono ancora disponibili dati precisi. Tuttavia, secondo il governo il tasso di abuso potrebbe essere compreso tra l'1,5 e il 3%. Tale stima si basa sull'esperienza accumulata col sistema di assicurazione contro la disoccupazione.

Attualmente circa 190'000 aziende lavorano a tempo parziale, di cui circa 150'000 chiederanno probabilmente un sostegno finanziario. Il Consiglio federale stima il possibile numero di abusi tra 2'100 e 4'200, ma al momento non è possibile una valutazione intermedia.

Il Consiglio federale non vede la necessità di ulteriori interventi in aggiunta ai controlli già rafforzati. I controlli vengono eseguiti sulla base di rapporti e su indagini a campione. L'autorità competente sta attualmente concentrando le sue risorse interamente su questi controlli.

Il Consiglio federale prevede di liberare a tal fine risorse supplementari a partire dall'anno prossimo, compreso il ricorso a società esterne.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA 
58 sec
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
1 ora
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
2 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
2 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
4 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
6 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
8 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
16 ore
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
GIURA
17 ore
I cavalli in volo nel cielo del Giura
È stato un successo l'esperimento compiuto giovedì e venerdì da veterinari e dall'esercito
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile