keystone (archivio)
BERNA
27.08.20 - 10:290

Media: gli stipendi nel settore stagnano da 14 anni

Uno studio evidenzia inoltre la crescente pressione sul lavoro nel settore.

Questo almeno secondo l'Unione sindacale svizzera, che riscontra anche ampie differenze tra i due sessi.

BERNA  - Gli stipendi nel settore dei media in Svizzera stagnano da ormai 14 anni. È il risultato a cui giunge un nuovo studio dell'Unione sindacale svizzera (USS) e di sindacati del ramo. Una soluzione sarebbe un contratto collettivo di lavoro (CCL).

Nel febbraio 2020, epoca in cui è stato effettuato il sondaggio, lo stipendio mediano risultava di 7333 franchi, si legge in un comunicato odierno dell'USS. Questo significa che la metà degli intervistati guadagnava più di quella cifra e l'altra metà meno. Si tratta di circa 800 franchi in più dello stipendio mediano in Svizzera, ma allo stesso tempo è una situazione praticamente invariata rispetto al 2006.

Presso la SSR si è registrato lo stipendio mediano più alto (7900 franchi), cifra che scende a 7633 per le pubblicazioni specialistiche, a 7333 per le riviste di associazioni, a 7279 per le pubblicazioni online e a 7143 per i tradizionali giornali cartacei. Molto più in basso si trovano i dipendenti di tv e radio private, con uno stipendio mediano di 5526 franchi.

L'importanza del CCL - Dallo studio, secondo l'USS, emerge l'importanza del CCL. I lavoratori del settore mediatico senza un contratto di tale tipo guadagnano in media 800 franchi in meno al mese. I CCL - attualmente diffusi quasi solo nella Svizzera romanda - avrebbero un effetto benefico in particolare sui salari più bassi.

Rispetto al 2006 si è degradata in particolare la situazione dei lavoratori indipendenti. Lo stipendio mediano è crollato da 7000 a 5600 franchi. Solo un quinto degli intervistati può fatturare l'effettivo tempo di lavoro effettuato.

Più in generale, in un anno le donne del settore guadagnano fra 1900 e 3100 franchi in meno rispetto ai colleghi uomini. Le differenze di genere meno marcate si trovano presso la SSR.

Sempre più pressione - Oltre alla situazione salariale non brillante, lo studio evidenzia la sempre maggiore pressione sul lavoro nel settore dei media, dovuto in particolare alle scadenze stringenti. I dipendenti spesso si trovano a lavorare anche nel tempo libero. Il 60% degli indipendenti e un quarto dei salariati hanno paura di perdere il proprio posto. L'identificazione col proprio lavoro è però ancora alta.

Lo studio è stato effettuato online e vi hanno partecipato oltre 1600 persone. Le domande si riferivano alla situazione in febbraio, ovvero prima della pandemia di coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Roberto Oliboni 3 mesi fa su fb
E va bene così
Ivano Bettinsoli 3 mesi fa su fb
Il problema sono i costi in continuo aumento grazie all’ integrazione di gente che crea tanti problemi e che non lavora di conseguenza si assume gente nel sociale amplificando i costi
seo56 3 mesi fa su tio
Per il tipo d’informazione che ci propina va bene così... anzi proporrei una diminuzione del 20%...
tip75 3 mesi fa su tio
in ticino stagnano in tutti i rami, anzi sono proprio diminuiti...grazie all europa e agli accordi dei nostri politici..
Mario Costantino 3 mesi fa su fb
Si e quello dei direttori?
Elena Rusconi 3 mesi fa su fb
Non stagna solo li se e per quello!
Mario Costantino 3 mesi fa su fb
Elena Rusconi e le spese aumentano altro che stagnare nello stagno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BASILEA CITTÀ
24 min
"Basilea senza nazisti", oltre 3'000 persone hanno sfilato per la città
Autorizzata delle autorità nonostante le norme anti-Covid, il corteo ha attirato parecchi manifestanti.
SVIZZERA
4 ore
Con l'inverno meteorologico arrivano anche i primi fiocchi
Martedì è attesa una prima spolverata di neve, in alcune zone anche a basse quote.
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
5 ore
Rapina in un ufficio postale, si cerca una coppia di rapinatori
L'auto usata per la fuga, rubata poco prima, è stata data alle fiamme
SVIZZERA
7 ore
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il partito punta a conquistare elettori, uscendo da una connotazione troppo cattolica. Sì anche alla fusione con il PBD
SVIZZERA
7 ore
«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»
Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione
SVIZZERA
9 ore
La sicurezza del vaccino? Non è negoziabile
La Svizzera, assicura Nora Kronig, non scenderà a compromessi
SVIZZERA
9 ore
L'edizione 2021 del Forum economico mondiale è in forse
Klaus Schwab spiega che la manifestazione avrà luogo solo in condizioni di assoluta sicurezza
SVIZZERA
10 ore
È morta la donna più anziana della Svizzera
«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato
SVIZZERA
11 ore
Scuole reclute da record nel 2021
«Sarà la più grande della storia recente» spiega il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli
SVIZZERA
12 ore
PPD, oggi si decide su nuovo nome e fusione con il PBD
L'assemblea dei delegati si svolge in modo decentrato a causa della pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile