keystone (archivio)
BERNA
27.08.20 - 10:290

Media: gli stipendi nel settore stagnano da 14 anni

Uno studio evidenzia inoltre la crescente pressione sul lavoro nel settore.

Questo almeno secondo l'Unione sindacale svizzera, che riscontra anche ampie differenze tra i due sessi.

BERNA  - Gli stipendi nel settore dei media in Svizzera stagnano da ormai 14 anni. È il risultato a cui giunge un nuovo studio dell'Unione sindacale svizzera (USS) e di sindacati del ramo. Una soluzione sarebbe un contratto collettivo di lavoro (CCL).

Nel febbraio 2020, epoca in cui è stato effettuato il sondaggio, lo stipendio mediano risultava di 7333 franchi, si legge in un comunicato odierno dell'USS. Questo significa che la metà degli intervistati guadagnava più di quella cifra e l'altra metà meno. Si tratta di circa 800 franchi in più dello stipendio mediano in Svizzera, ma allo stesso tempo è una situazione praticamente invariata rispetto al 2006.

Presso la SSR si è registrato lo stipendio mediano più alto (7900 franchi), cifra che scende a 7633 per le pubblicazioni specialistiche, a 7333 per le riviste di associazioni, a 7279 per le pubblicazioni online e a 7143 per i tradizionali giornali cartacei. Molto più in basso si trovano i dipendenti di tv e radio private, con uno stipendio mediano di 5526 franchi.

L'importanza del CCL - Dallo studio, secondo l'USS, emerge l'importanza del CCL. I lavoratori del settore mediatico senza un contratto di tale tipo guadagnano in media 800 franchi in meno al mese. I CCL - attualmente diffusi quasi solo nella Svizzera romanda - avrebbero un effetto benefico in particolare sui salari più bassi.

Rispetto al 2006 si è degradata in particolare la situazione dei lavoratori indipendenti. Lo stipendio mediano è crollato da 7000 a 5600 franchi. Solo un quinto degli intervistati può fatturare l'effettivo tempo di lavoro effettuato.

Più in generale, in un anno le donne del settore guadagnano fra 1900 e 3100 franchi in meno rispetto ai colleghi uomini. Le differenze di genere meno marcate si trovano presso la SSR.

Sempre più pressione - Oltre alla situazione salariale non brillante, lo studio evidenzia la sempre maggiore pressione sul lavoro nel settore dei media, dovuto in particolare alle scadenze stringenti. I dipendenti spesso si trovano a lavorare anche nel tempo libero. Il 60% degli indipendenti e un quarto dei salariati hanno paura di perdere il proprio posto. L'identificazione col proprio lavoro è però ancora alta.

Lo studio è stato effettuato online e vi hanno partecipato oltre 1600 persone. Le domande si riferivano alla situazione in febbraio, ovvero prima della pandemia di coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Roberto Oliboni 3 mesi fa su fb
E va bene così
Ivano Bettinsoli 3 mesi fa su fb
Il problema sono i costi in continuo aumento grazie all’ integrazione di gente che crea tanti problemi e che non lavora di conseguenza si assume gente nel sociale amplificando i costi
seo56 3 mesi fa su tio
Per il tipo d’informazione che ci propina va bene così... anzi proporrei una diminuzione del 20%...
tip75 3 mesi fa su tio
in ticino stagnano in tutti i rami, anzi sono proprio diminuiti...grazie all europa e agli accordi dei nostri politici..
Mario Costantino 3 mesi fa su fb
Si e quello dei direttori?
Elena Rusconi 3 mesi fa su fb
Non stagna solo li se e per quello!
Mario Costantino 3 mesi fa su fb
Elena Rusconi e le spese aumentano altro che stagnare nello stagno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
OBVALDO
2 ore
Un volo di duecento metri con il Pick-up
La strada innevata è molto probabilmente all'origine dell'incidente avvenuto ieri sera a Sachseln.
TURGOVIA
3 ore
In un bosco turgoviese è stato trovato un cadavere
La macabra scoperta è stata confermata dalla polizia
FOTO
SVIZZERA
4 ore
Da Mister Covid-19 a Mister umorismo
Il Festival Umoristico lo ha premiato «per il modo accattivante» con cui ha affrontato la prima ondata.
FRIBURGO
5 ore
Sei mucche investite e uccise da un treno
Nonostante una frenata d'emergenza, il macchinista non è riuscito a evitare l'incidente di ieri sera a Montet.
NEUCHÂTEL
6 ore
Brucia una palazzina: quattro feriti
L'incendio è divampato la scorsa notte a Cressier: un ferito versa in gravi condizioni.
VAUD
7 ore
Venduta la villa dell'ex dittatore
La tenuta di Savigny, appartenuta a Mobutu Sese Seko, era stata acquistata all'asta da UBS nel 2016.
SVIZZERA
8 ore
Vaccinazioni: mai così tante dosi contro l'influenza
In Svizzera ne sono state ordinate 1,95 milioni, mentre lo scorso anno erano 1,18 milioni
GRIGIONI
10 ore
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
19 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
23 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile