Keystone
SVIZZERA
25.08.20 - 12:190

Credit Suisse: potrebbero sparire 500 posti di lavoro

Il Ceo André Helfenstein ha risposto ad alcune domande dei giornalisti.

Grazie alla fluttuazione naturale e a sistemazioni alternative si dovrebbero evitare licenziamenti.

ZURIGO - Fino a 500 posti di lavoro: a tanto potrebbe ammontare il taglio occupazionale in Svizzera annunciato oggi da Credit Suisse. Lo ha detto il responsabile dell'unità elvetica del gruppo, André Helfenstein.

Impiego non equivale a persona, ha puntualizzato il manager in una teleconferenza per i giornalisti. L'intenzione è quella di assumere nuovo personale in altri comparti e quindi di trovare una sistemazione alternativa per i dipendenti interessati dalla ristrutturazione. Anche la fluttuazione naturale dovrebbe aiutare ad evitare licenziamenti.

Helfenstein ha pure precisato che entro due settimane sarà comunicato quali filiali chiuderanno. La banca ha deciso di ridurre la sua rete da 146 a 109 succursali: e non è escluso che in futuro la contrazione possa proseguire, ha aggiunto il dirigente rispondendo a una domanda. È comunque troppo presto per dire quello che accadrà fra cinque anni.

L'istituto presenterà inoltre una nuova offerta digitale orientata alla clientela medio-piccola. Credit Suisse vuole in tal modo guadagnare quote di mercato presso i giovani. I dettagli saranno comunicati in settembre, in ottobre partirà l'offerta concreta.

ASIB: «Scarsa solidarietà» - Nel frattempo l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) ha lanciato un appello per evitare licenziamenti, almeno fino alla fine dell'anno. ASIB accusa l'istituto di scarsa solidarietà nei confronti dei dipendenti, alle prese con il difficile momento legato al coronavirus.

Non è corretto ristrutturare, tagliando sul personale, in un momento d'incertezza nazionale e globale mentre nel contempo gli utili (2,5 miliardi nel primo semestre) rimangono elevati, argomenta l'organizzazione in un comunicato odierno.

«A differenza di altri settori dell'economia, il ramo finanziario è stato in gran parte risparmiato dalla crisi Covid, motivo per cui la decisione di tagliare equivale a una mancanza di solidarietà con i dipendenti che operano su un mercato del lavoro già di per sé teso», si legge nella nota. A fine luglio i disoccupati nel segmento bancario erano infatti 4214.

Alla luce di un andamento degli affari considerato stabile, per non dire anticiclico, l'ASIB esorta Credit Suisse ad evitare rotture di rapporti di lavoro almeno sino a fine dicembre. Per le persone toccate trovare un nuovo posto sarebbe infatti assai arduo.

L'associazione critica anche l'integrazione della Neue Aargauer Bank (NAB), definito non solo un duro colpo per il personale - difficile che i dipendenti di una banca regionale possano identificarsi in una multinazionale - bensì anche un pericolo per lo stesso Credit Suisse. «Quanti collaboratori e clienti di NAB accetteranno il cambiamento?», si chiede l'ASIB. Secondo l'organizzazione la l'istituto argoviese ha alle sue spalle una bella storia, cominciata nel 1812, ma deve ora confrontarsi con una brutta fine.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
3 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
3 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
6 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
6 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
8 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
9 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
9 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
10 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
10 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile