Keystone
SVIZZERA
25.08.20 - 10:000

Il coronavirus interrompe i colloqui Onu sulla Siria

Tra i delegati sono stati rilevati più casi positivi. Ora i partecipanti sono in quarantena nei loro alberghi

GINEVRA - La scoperta di diversi casi positivi di coronavirus tra i delegati ha interrotto sin da subito gli attesi colloqui del Comitato costituzionale siriano in programma da ieri a Ginevra con la mediazione dell'Onu. Tale incontro, anche a causa del Covid-19, era il primo da quasi nove mesi ed è durato solo poche ore.

Il Comitato costituzionale è incaricato di modificare la legge fondamentale del Paese in conflitto ed è composto di 15 rappresentanti di ciascuna delle tre delegazioni, del governo, dell'opposizione e della società civile. La riunione in corso si svolge nel rispetto di severe misure sanitarie e sarebbe dovuta durare tutta la settimana.

Secondo il presidente del gruppo dell'opposizione, Hadi al-Bahra. I partecipanti si trovano ora in quarantena «tra due e dieci giorni» nei loro alberghi. La sua delegazione sta tuttavia continuando il suo lavoro internamente, tramite piattaforme virtuali.

Le Nazioni Unite ieri avevano indicato di aver rilevato tre casi positivi, mentre al-Bahra sostiene che siano quattro. L'ufficio dell'inviato speciale dell'Onu per la Siria, Geir Pedersen, non ha per ora rilasciato alcuna dichiarazione in merito.

I partecipanti erano stati sottoposti ai controlli prima della partenza per Ginevra e poi all'arrivo nella città. L'ufficio di Pedersen parla comunque di un «primo incontro costruttivo» tra i 45 rappresentanti che fanno parte del Comitato costituzionale. L'inviato speciale dell'Onu solo pochi giorni fa aveva invitato le delegazioni ad avviare «discussioni sostanziali».

I colloqui in corso a Ginevra, avviati lo scorso autunno dopo lunghi negoziati sotto la mediazione dell'Onu, hanno lo scopo di dare inizio a un processo politico che ponga fine alla guerra civile in Siria, che dura da più di nove anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
BERNA
1 min
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
38 min
C'è la conferma: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
57 min
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
1 ora
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
2 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
SVIZZERA
2 ore
Materiale medico per 686 milioni
Tanto ha speso la Farmacia dell'esercito sino alla fine di agosto. Ora è attiva sul fronte dei vaccini
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera 4'455 nuovi casi di coronavirus
Lo conferma il consueto bollettino giornaliero dell'UFSP, 80 invece i decessi e 194 i ricoveri
SVIZZERA
3 ore
Pil svizzero: quest'anno meglio del previsto, l'anno prossimo peggio
Settore farmaceutico e commercio all'ingrosso contribuiscono a migliorare le previsioni per il 2020, spiega Raiffeisen.
ZURIGO
3 ore
Sgominata una banda spacciatori nigeriani, 200 gli arresti
L'operazione si è protratta per un periodo di 5 anni.
VALLESE
3 ore
Ristoranti e bar riaprono il 14 dicembre
Consentiti anche i mercatini di Natale e le stazioni sciistiche potranno rimanere aperte con piani di protezione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile