Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
24.08.20 - 10:220
Aggiornamento : 11:33

Contro l'immigrazione «salari svizzeri»

«Se i datori di lavoro devono versare un salario svizzero, questi hanno meno interesse ad assumere personale straniero»

BERNA - In Svizzera «arriveranno meno lavoratori stranieri fintanto che si dovranno pagare salari svizzeri». Lo afferma il presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS) Pierre-Yves Maillard in un'intervista pubblicata oggi dal Blick nel quale invita a bocciare l'"Iniziativa per la limitazione" dell'UDC in votazione il 27 settembre.

Al giornalista stupito, che gli ha chiesto se i salari alti non siano invece una calamita per stranieri, il consigliere nazionale socialista vodese ha ricordato come non tutti possono venire nella Confederazione, solo chi ha un impiego. Inoltre, ha proseguito Maillard, se i datori di lavoro devono versare un salario svizzero, questi hanno meno interesse ad assumere personale straniero quando vi sono abbastanza specialisti locali ben formati.

Insomma, per il presidente dell'USS la protezione salariale è una priorità nazionale. Se questa diminuisce, i datori di lavoro potranno reclutare all'estero personale più economico. In questo modo inizierebbe la spirale del dumping salariale. Con l'iniziativa dell'UDC, sostiene il vodese, le retribuzioni diminuiranno in modo generalizzato.

Secondo Maillard, nella sua iniziativa l'UDC parla di immigrazione, ma in realtà mira ad abolire le misure di accompagnamento. Vuole sopprimere la protezione salariale per avere più concorrenza. Questa posizione neoliberista mette sotto pressione tutti i lavoratori.

Per questo motivo, ricorda ancora Maillard, i sindacati sono contrari anche all'accordo istituzionale quadro raggiunto con l'Unione europea. Per il vodese sono necessarie modifiche fondamentali all'accordo, che va pertanto rinegoziato. «L'UE deve capire che la protezione autonoma dei salari è di interesse esistenziale per noi».

Per ricordare le sue posizioni, l'USS ha stampato un giornale che sarà distribuito in 2 milioni di economie domestiche. Tale cifra corrisponde al numero di impiegati coperti da un contratto collettivo di lavoro, indica il sindacato in una nota.

Per l'Unione sindacale svizzera la Confederazione è il Paese che beneficia del «miglior sistema di protezione salariale in Europa». Ciò è dovuto in gran parte alle misure di accompagnamento adottate per mitigare le conseguenze della libera circolazione delle persone in vigore dall'inizio degli anni 2000. Queste sono però messe in discussione dall'iniziativa democentrista, precisa l'USS.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / FRANCIA
6 ore
Ritrovata in Svizzera la piccola Mia, arrestata la madre
È stata la donna a ordinarne il rapimento.
BERNA
6 ore
Coppia trovata morta, presentano lesioni da arma da fuoco
Stando ai primi elementi dell'inchiesta può essere escluso qualunque intervento esterno.
VALLESE
7 ore
Scontro a Lens, morto un centauro portoghese
Il motociclista è stato sbalzato per 12 metri lungo una scarpata.
VAUD
7 ore
Rapita e ritrovata in una casa occupata
La bambina era stata "prelevata" da tre uomini in Francia, e portata dalla madre
SVIZZERA
7 ore
Entro luglio grandi eventi all'aperto con 1'000 partecipanti?
Per arrivare a 5'000 entro settembre, la proposta in una bozza dell'Ufsp che dovrà ancora essere valutata
APPENZELLO ESTERNO
7 ore
Auto nel dirupo: muore una 18enne
L'incidente questa notte tra Trogen e Wald, in coincidenza di una curva pericolosa
BERNA
8 ore
«Con le riaperture ci sarà un rischio elevato»
Critico il capo della task force, Martin Ackermann, sugli allentamenti di domani
ZURIGO
9 ore
Nel canton Zurigo: «Tutti vaccinati entro agosto»
Lo sostiene la consigliera Natalie Rickli che frena i piani di Berset per luglio: «Ancora troppe incertezze»
SVIZZERA
10 ore
Accordo quadro, Parmelin: «Non andrò a Bruxelles a fare il Boris Johnson»
Il presidente della Confederazione intervistato dai domenicali: «Non vogliamo uscirne, vogliamo svilupparlo»
SVIZZERA
12 ore
Passaporto vaccinale: uno svizzero su due è favorevole
Il 48 per cento non è contrario a un trattamento preferenziale per chi ha un attestato di immunità
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile