keystone
ZURIGO
24.08.20 - 08:020
Aggiornamento : 09:47

Gli svizzeri lasciano le città a causa del covid

Il settore immobiliare lontano dai centri cittadini è in forte espansione.

Molti svizzeri stanno cercando una casa in campagna per sfuggire allo stress e al sovrappopolamento.

ZURIGO - Negozi sovraffollati e tram pieni, questo crea incertezza ai tempi del coronavirus. Ecco perché sempre più svizzeri stanno cercando una casa lontano dalle città. Gli immobili in campagna sono improvvisamente più richiesti, come mostra un'analisi del portale immobiliare Homegate.

La ricerca di una nuova abitazione in paese di solito inizia su Internet. I portali immobiliari riportano in effetti un'impennata delle richieste. Da record. Immoscout24 ha registrato otto milioni di visite negli ultimi mesi: il 62 per cento in più rispetto all'anno precedente, come scrive il “SonntagsBlick”.

Più lontana, ma con più stanze - La riscoperta della vita rurale appare evidente soprattutto nei grandi centri: la città di Zurigo ha perso 275 abitanti nella prima metà del 2020. Berna conta 235 "inquilini" in meno rispetto all'inizio dell'anno.

Dopo il lockdown, la domanda di immobili in paese è aumentata, come conferma il CEO di Moneypark, Stefan Heitmann. «All'improvviso c'è anche richiesta di case più lontane dalla città, ma con più stanze», ammette, interpellato da 20 Minuten. Questa domanda, probabilmente, dipende dal fatto che molte persone, ora, possono lavorare da casa.

Sicurezza tra le proprie quattro mura - In passato, la durata del tragitto casa-lavoro era un criterio decisivo per l'acquisto di una proprietà. «Ora le persone sono pronte a fare un tragitto più lungo». «Cercano sicurezza, e dove ti senti più sicuro se non tra le tue quattro mura domestiche?», afferma Heitmann. Inoltre, molti hanno potuto risparmiare durante la crisi: «Ad esempio non andando in vacanza. Tutti soldi che ora possono essere investiti».

Una casa lontana dalla civiltà di solito non è richiesta: «In particolare sono richiesti immobili negli agglomerati con aree verdi o nei villaggi», spiega Heitmann. Questa tendenza continuerà a crescere. Dopo tutto, la fine della crisi non è ancora al'orizzonte.

Le case di lusso stanno diventando più economiche
Il coronavirus non sta solo allontanando gli svizzeri dai centri cittadini, ma sta anche modificando il valore degli immobili. Secondo Heitmann, le case di lusso sono quelle più toccate. «I venditori devono essere pronti a scendere a compromessi». La ragione? L'incertezza portata dalla pandemia. Ecco perché gli acquirenti non sono più disposti a pagare il prezzo intero: «Chiedono uno sconto coronavirus», spiega Heitmann. Ci sono, inoltre, anche meno acquirenti nel segmento del lusso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
16 min
Investe e uccide un lupo in Val Surselva
Il conducente dell'auto ha immediatamente segnalato al guardiacaccia quanto accaduto tra Disentis e Sedrun.
ZURIGO
37 min
Prima colpisce l'auto con una bottiglia, poi l'agente con un pugno
Il 31enne è stato infine fermato (non senza difficoltà). Ha motivato le sue azioni con l'odio verso la polizia.
SVIZZERA
38 min
TX Group obiettivo di attacchi hacker
Il gruppo mediatico, che pubblica tra gli altri 20 Minuten, ha respinto l'aggressione.
SVIZZERA
48 min
EasyRide conquista il trasporto locale
In un anno la funzione di ticketing automatico è stata utilizzata per circa 4,5 milioni di viaggi
SVIZZERA
1 ora
Più donne ai vertici di aziende e istituti parastatali
Il Consiglio federale ha deciso di portare la quota di rappresentanza di entrambi i sessi dal 30 al 40%.
SVIZZERA
2 ore
Il vaccino suscita ottimismo tra gli analisti
Le prospettive riguardanti congiuntura e Borsa sono favorevoli, meno quelle sull'impiego
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 4'876 casi e 100 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore è risultato positivo il 16% dei test Covid-19
VAUD
3 ore
Il monossido di carbonio uccide due persone
Tragico incidente sul lavoro a Goillon: le vittime sono due dipendenti del Servizio della sicurezza civile e militare.
SVIZZERA
3 ore
Nestlé cede importanti attività in Cina
Venduto un marchio noto per prodotti a base di riso e per il latte di arachidi
TURGOVIA
4 ore
Uccise e decapitò la nonna, chiesto il proscioglimento
Il 21enne è processo. Per la Procura era malato di mente quando agì, due anni fa.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile