Keystone
L'Hallenstadion vuoto
BERNA
23.08.20 - 09:200
Aggiornamento : 10:25

Grandi eventi: pressioni sul Consiglio federale per avere direttive chiare

Da più parti si chiedono criteri epidemiologici fissati a livello nazionale. UDC contraria.

BERNA - Cresce la pressione sul Consiglio federale affinché vengano emanate direttive per lo svolgimento di grandi eventi. «Ci aspettiamo che la Confederazione stabilisca criteri epidemiologici chiari nella sua ordinanza sull'autorizzazione dei grandi eventi», afferma Lukas Engelberger, presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonale della sanità (CDS) sanitari in un'intervista alla SonntagsZeitung.

La CDS suggerisce di utilizzare l'evoluzione del numero di casi e le capacità per il tracciamento dei contatti per fissare le direttive. Si tratterebbe di requisiti minimi e «i cantoni dovrebbero avere la libertà di non concedere o revocare autorizzazioni in circostanze particolari, anche se questi criteri sono soddisfatti», ha aggiunto Engelberger.

Anche l'unità scientifica della Confederazione e diversi parlamentari chiedono l'elaborazione di linee guida. Queste renderebbero più difficile l'approvazione di grandi eventi, in particolare nei cantoni di Ginevra, Vaud e Zurigo. Ruth Humbel, consigliera nazionale PPD e presidente della Commissione della sicurezza sociale e della sanità, chiede direttive a livello nazionale che consentano una valutazione differenziata nei cantoni. Humbel cita l'esempio di Ginevra, che la settimana scorsa ha registrato oltre 200 nuove infezioni: «Trovo azzardato che nelle condizioni attuali si svolgano eventi importanti», ha detto.

Il "ministro" della Sanità, Alain Berset, presenterà una proposta ai cantoni la prossima settimana poi il Consiglio federale deciderà il margine di manovra, scrive il domenicale. Cantoni e partiti però sono divisi sul tema. Martin Pfister, direttore della sanità di Zugo, ritiene sbagliato «fissare rigidi limiti epidemiologici». A suo avviso i cantoni dovrebbero disporre di un margine di manovra. L'UDC scarta in blocco l'idea di nuove direttive. «Non c'è bisogno di norme federali per l'approvazione di grandi eventi», ha affermato il consigliere nazionale Thomas de Courten. Secondo il consigliere agli Stati PLR Damian Müller invece sarebbe meglio optare per una via di mezzo, vale a dire criteri epidemiologici chiari, ma con la possibilità di adattare i concetti di protezione. «Se ci sono delle epidemie, non bisogna cancellare tutto», ha detto.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
11 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
11 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
13 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
15 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
16 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
16 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
SVIZZERA
17 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
ZURIGO
18 ore
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
18 ore
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile