Keystone
La prigione di Bois-Mermet
VAUD
22.08.20 - 11:330
Aggiornamento : 13:48

La cella è troppo piccola: reclama 100mila franchi dal Cantone

Un ex detenuto ha chiesto un maxi risarcimento. I giudici gli hanno dato torto. Ma non è finita.

Fonte 20minutes/Christian Humbert
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

LOSANNA - Rilasciato nel mese di marzo, un 50enne ha denunciato le sue condizioni di detenzione il 16 giugno. E ha deciso di chiedere un risarcimento di 104'600 franchi, corrispondenti a 200 franchi per ogni giorno di reclusione. Il dibattito sulla prigione di Bois-Mermet, comunque, non è nuovo.

Condannato dal tribunale penale di Losanna per un affare di droga nel novembre 2017, l'uomo è stato detenuto nel carcere vodese dal 29 agosto 2016 al 2 febbraio 2018, prima di essere trasferito nella prigione della Croisée. Nella sua denuncia, deplora l'insufficienza di spazio individuale, la mancanza di separazione dei servizi igienici e le temperature troppo basse in inverno e troppo alte in estate. La sua richiesta di denaro è però stata respinta. Il motivo? È giunta troppo tardi.

L'ex detenuto ha quindi deciso di ricorrere: dice di essere stato informato tardi dei suoi diritti e ribadisce di aver occupato per 523 giorni uno spazio di sei metri quadrati (in due persone).

Ricorso al Tribunale federale - Il tribunale cantonale ha dal canto suo rilevato che il 50enne era assistito da avvocati esperti e che era libero di sollevare precedentemente la questione. Il caso non si chiude però qui. Il suo nuovo legale farà appello al Tribunale federale. Anche una procedura civile è stata avviata, ma è sospesa in attesa di una decisione dei giudici di Mon Repos. 

La posta in gioco è alta per il Canton Vaud, a cui potrebbero essere richiesti altri pesanti risarcimenti per detenzioni illegali, anche vecchie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
4 min
Il lupo come "vicino" durante l'inverno
Gli avvistamenti possono essere più frequenti durante la stagione fredda ma «non c'è un pericolo maggiore per l'uomo»
BERNA
22 min
È il giorno di Cassis presidente
L'elezione da parte delle Camere federali avverrà verso le 12. L'ultimo ticinese a ricoprire la carica fu Flavio Cotti
SVIZZERA
25 min
Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense
Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare
SONDAGGIO ELETTORALE TAMEDIA
2 ore
Quale partito intendete votare?
L'appuntamento con le prossime elezioni federali è previsto il 22 ottobre 2023. Oggi chi votereste?
Berna
8 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
12 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
14 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
15 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
15 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
16 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile