keystone
BERNA
20.08.20 - 16:480
Aggiornamento : 20:33

Cosa succederà ai grandi eventi?

Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato i Cantoni: «È importante la tracciabilità delle responsabilità»

«Nel 40% dei tamponi positivi non riceviamo le informazioni cliniche dai medici. Bisogna migliorare»

BERNA - Quali gli sviluppi attuali sulla situazione covid in Svizzera? Il Consiglio federale, in una conferenza stampa odierna, fa chiarezza sia sulla lotta contro la pandemia che sul coordinamento tra Confederazione e Cantoni. Ma ci si attendono anche nuove informazioni sui grandi eventi che saranno nuovamente consentiti, secondo un preciso protocollo, da ottobre. All'appuntamento partecipano il consigliere federale Alain Berset e Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità.

Contatti stretti - Il primo a prendere la parola è Alain Berset: «Confederazione e Cantoni mantengono contatti molto stretti e continueranno a farlo anche in futuro», spiega. «Come sempre, l'obiettivo è contenere il numero di casi. Vogliamo lavorare a stretto contatto», ha sottolineato il consigliere federale. Quindi aggiunge: «Oggi possiamo trarre un bilancio provvisori: il coordinamento tra Confederazione e Cantoni funziona bene».

I grandi eventi - Berset ed Engelberger spiegano quindi i criteri in base ai quali gli eventi su larga scala dovrebbero essere consentiti a partire da ottobre. «Ciò che è importante è la tracciabilità delle responsabilità», afferma il "ministro" della sanità. Venerdì prossimo il Consiglio federale incontrerà i rappresentanti del calcio e dell'hockey su ghiaccio. Saranno quindi disponibili ulteriori informazioni, ha aggiunto.

Tutte le regioni colpite - «La situazione è fragile», afferma Berset. L'UFSP ha segnalato ieri, con 311 casi, il maggior numero di nuove infezioni da aprile. «Tutti i cantoni sono interessati dall'aumento».

«Perdita di disciplina» - «Noto una perdita di disciplina», ammonisce quindi il consigliere federale. «Non si può riaprire tutto e poi essere sorpresi quando il numero di casi aumenta di nuovo».

«Comportamento inaccettabile» - «Abbiamo bisogno di un sistema di alta qualità». Di questo si è discusso anche con i Cantoni nella conferenza odierna. Ciò è particolarmente importante per i grandi eventi, ma anche per le persone che tornano da paesi nella black-list. In generale, l'organizzazione attuale funziona bene, ma: «In oltre il 40% dei casi, i medici non segnalano i casi all'UFSP. E questo è inaccettabile in una pandemia». Berset aggiunge: «Per avere delle informazioni complete, necessitiamo delle informazioni cliniche complete da parte dei medici che lavorano negli ospedali e negli studi medici. Ma stiamo migliorando».

Obiettivo: cento per cento - Insieme all'UFSP e ai medici cantonali, il Consiglio federale sta lavorando a una strategia che porterà il numero di casi segnalati al 100 percento. Berset riassume: «Ci sono grandi sfide che ci aspettano. Occorrono linee guida uniformi in base alle quali i Cantoni possano decidere se approvare o meno i grandi eventi». Ciò richiede miglioramenti e sviluppi nella gestione dei dati e nel tracciamento dei contatti.

«Siamo preparati» - Lukas Engelberger prende parola spiegando che oggi tutti i direttori sanitari si sono incontrati per una riunione straordinaria. «Siamo d'accordo che la situazione è fragile. La curva punta verso l'alto, dobbiamo prenderla sul serio». I Cantoni hanno sotto controllo la ricerca dei contatti e il coordinamento di questa situazione: «Siamo preparati», ha assicurato Engelberger. «Il sistema di tracciamento è stato messo alla prova, proprio perché le persone si spostano di più», aggiunge Engelberger. Grazie alla Conferenza dei direttori della sanità, i Cantoni puntano ora su una strategia comune.

Ancora mascherina - «Personalmente, presumo che la mascherina farà ancora più parte della nostra vita quotidiana», prosegue ancora. «Questo è fastidioso, ma comunque meglio del dover prendere misure più serie. «Non vogliamo un secondo lock-down», ha detto il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità. Affrontare i grandi eventi è ora l'obiettivo. Ciò richiede criteri chiari per garantire la sicurezza di questi eventi. «Questo deve essere regolamentato a livello nazionale, anche perché i grandi organizzatori operano a livello nazionale». Berset ha concluso: «Vogliamo tornare alla normalità, ma senza mettere a rischio i cittadini». Fondamentale resta il contact tracing.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
25 min
Cocaina e qat sequestrati all'aeroporto di Zurigo
I due corrieri - uno spagnolo 66enne e un olandese di 59 anni - sono finiti in manette
SVIZZERA
1 ora
I pazienti Covid da girare «come i tacos»
All'ETH hanno trovato un metodo per girare su sé stessi i malati in cure intense. E ricorda il famoso piatto messicano
GRIGIONI
2 ore
Col tunnel di base, Grigioni più vicini a Milano
Ecco il potenziamento del trasporto pubblico nel cantone retico
SVIZZERA
3 ore
Axpo e CKW realizzano una mega-batteria da 50 tonnellate
Due di queste batterie giganti verrano utilizzate per aumentare la stabilità della rete elettrica svizzera
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 8'782 casi nelle ultime 72 ore
Da venerdì si registrano anche 399 nuovi ricoveri e 195 decessi
VIDEO
SVIZZERA
3 ore
Pittogrammi per salvare la privacy
La proposta dell'alleanza Privacy Icons mira a rendere più comprensibili le informative sulla protezione dei dati
SVIZZERA
4 ore
Caritas: «Più aiuti per i poveri del coronavirus»
L'organizzazione sottolinea l'importanza di fornire assistenza, soprattutto nella situazione attuale
SOLETTA
4 ore
Stuprata e ferita nel bosco, fermato un 37enne
Dalle prime informazioni la vittima sarebbe una 14enne
SVIZZERA
5 ore
Markus Blocher: «Non assumo nessuno che non sappia il tedesco»
Il CEO e presidente del gruppo chimico Dottikon ES si racconta in un'intervista
SVIZZERA
7 ore
Iniziativa sulle multinazionali bocciata, ma...
I media svizzeri concordano: gli imprenditori non devono sottovalutare il risultato "stretto" e la volontà del popolo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile