keystone
BERNA
20.08.20 - 16:480
Aggiornamento : 20:33

Cosa succederà ai grandi eventi?

Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato i Cantoni: «È importante la tracciabilità delle responsabilità»

«Nel 40% dei tamponi positivi non riceviamo le informazioni cliniche dai medici. Bisogna migliorare»

BERNA - Quali gli sviluppi attuali sulla situazione covid in Svizzera? Il Consiglio federale, in una conferenza stampa odierna, fa chiarezza sia sulla lotta contro la pandemia che sul coordinamento tra Confederazione e Cantoni. Ma ci si attendono anche nuove informazioni sui grandi eventi che saranno nuovamente consentiti, secondo un preciso protocollo, da ottobre. All'appuntamento partecipano il consigliere federale Alain Berset e Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità.

Contatti stretti - Il primo a prendere la parola è Alain Berset: «Confederazione e Cantoni mantengono contatti molto stretti e continueranno a farlo anche in futuro», spiega. «Come sempre, l'obiettivo è contenere il numero di casi. Vogliamo lavorare a stretto contatto», ha sottolineato il consigliere federale. Quindi aggiunge: «Oggi possiamo trarre un bilancio provvisori: il coordinamento tra Confederazione e Cantoni funziona bene».

I grandi eventi - Berset ed Engelberger spiegano quindi i criteri in base ai quali gli eventi su larga scala dovrebbero essere consentiti a partire da ottobre. «Ciò che è importante è la tracciabilità delle responsabilità», afferma il "ministro" della sanità. Venerdì prossimo il Consiglio federale incontrerà i rappresentanti del calcio e dell'hockey su ghiaccio. Saranno quindi disponibili ulteriori informazioni, ha aggiunto.

Tutte le regioni colpite - «La situazione è fragile», afferma Berset. L'UFSP ha segnalato ieri, con 311 casi, il maggior numero di nuove infezioni da aprile. «Tutti i cantoni sono interessati dall'aumento».

«Perdita di disciplina» - «Noto una perdita di disciplina», ammonisce quindi il consigliere federale. «Non si può riaprire tutto e poi essere sorpresi quando il numero di casi aumenta di nuovo».

«Comportamento inaccettabile» - «Abbiamo bisogno di un sistema di alta qualità». Di questo si è discusso anche con i Cantoni nella conferenza odierna. Ciò è particolarmente importante per i grandi eventi, ma anche per le persone che tornano da paesi nella black-list. In generale, l'organizzazione attuale funziona bene, ma: «In oltre il 40% dei casi, i medici non segnalano i casi all'UFSP. E questo è inaccettabile in una pandemia». Berset aggiunge: «Per avere delle informazioni complete, necessitiamo delle informazioni cliniche complete da parte dei medici che lavorano negli ospedali e negli studi medici. Ma stiamo migliorando».

Obiettivo: cento per cento - Insieme all'UFSP e ai medici cantonali, il Consiglio federale sta lavorando a una strategia che porterà il numero di casi segnalati al 100 percento. Berset riassume: «Ci sono grandi sfide che ci aspettano. Occorrono linee guida uniformi in base alle quali i Cantoni possano decidere se approvare o meno i grandi eventi». Ciò richiede miglioramenti e sviluppi nella gestione dei dati e nel tracciamento dei contatti.

«Siamo preparati» - Lukas Engelberger prende parola spiegando che oggi tutti i direttori sanitari si sono incontrati per una riunione straordinaria. «Siamo d'accordo che la situazione è fragile. La curva punta verso l'alto, dobbiamo prenderla sul serio». I Cantoni hanno sotto controllo la ricerca dei contatti e il coordinamento di questa situazione: «Siamo preparati», ha assicurato Engelberger. «Il sistema di tracciamento è stato messo alla prova, proprio perché le persone si spostano di più», aggiunge Engelberger. Grazie alla Conferenza dei direttori della sanità, i Cantoni puntano ora su una strategia comune.

Ancora mascherina - «Personalmente, presumo che la mascherina farà ancora più parte della nostra vita quotidiana», prosegue ancora. «Questo è fastidioso, ma comunque meglio del dover prendere misure più serie. «Non vogliamo un secondo lock-down», ha detto il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità. Affrontare i grandi eventi è ora l'obiettivo. Ciò richiede criteri chiari per garantire la sicurezza di questi eventi. «Questo deve essere regolamentato a livello nazionale, anche perché i grandi organizzatori operano a livello nazionale». Berset ha concluso: «Vogliamo tornare alla normalità, ma senza mettere a rischio i cittadini». Fondamentale resta il contact tracing.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
3 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
5 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
10 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
10 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
11 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
12 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SAN GALLO
15 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
15 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
16 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
17 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile