Keystone
SVIZZERA
20.08.20 - 17:010
Aggiornamento : 17:20

Assolto il fondatore di Dignitas

Caduta l'accusa di ripetuta istigazione al suicidio nei confronti di Ludwig A. Minelli.

Il ricorso è stato invalidato da un grave errore commesso dalla procura che non ha rispettato i tempi.

ZURIGO - Ludwig A. Minelli, fondatore dell'organizzazione di assistenza al suicidio Dignitas, è definitivamente prosciolto dall'accusa di ripetuta istigazione al suicidio. Un grave errore commesso dal pubblico ministero ha infatti invalidato il ricorso in appello e reso definitiva la sentenza di prima istanza.

Nel giugno 2018 il Tribunale distrettuale di Uster (ZH), aveva assolto Minelli dalle accuse di di ripetuta istigazione al suicidio e di usura e gli aveva concesso un risarcimento di 135'000 franchi a carico dello Stato. Secondo la corte, l'accusa non era stata in grado di provare un indebito arricchimento dell'imputato.

In occasione della pubblicazione della sentenza, il procuratore pubblico aveva detto di aver voluto un processo esemplare per l'aiuto al suicidio e aveva annunciato l'intenzione di ricorrere in appello. Ora la suprema corte cantonale, al termine di un procedimento avvenuto per iscritto a causa della pandemia, ha decretato che il ricorso presentato dall'accusa non è valido, senza occuparsi delle accuse mosse al fondatore di Dignitas.

Motivazione accusa giunta in ritardo - Il procuratore pubblico ha infatti compiuto un errore madornale, non rispettando la scadenza entro la quale avrebbe dovuto motivare il ricorso. Sarebbe bastata la data del timbro postale (entro il 15 giugno 2020), ma la segretaria della Procura zurighese ha consegnato il documento al servizio interno di consegna degli atti, invece di spedirlo per posta. Lo precisa il Tribunale cantonale nella sentenza pubblicata oggi.

I documenti sono pervenuti alla Corte il 17 giugno, con due giorni di ritardo, e sono quindi stati considerati nulli: concretamente ciò corrisponde a un ritiro del ricorso. La sentenza dell'istanza inferiore (il Tribunale distrettuale di Uster) diventa così definitiva.

Il pubblico ministero ha annunciato che rinuncerà al diritto di ricorso al Tribunale federale. Ha precisato di aver tentato in tutti i modi, dopo aver scoperto l'errore, di far accettare le motivazioni del ricorso: purtroppo il Tribunale cantonale non ha considerato nulla, limitandosi a confermare la sentenza di primo grado.

«In dubio pro reo» - Si tratta di una «seccatura», ha precisato l'accusa. Soprattutto se si considera che quella di prima istanza non era stata un'assoluzione con formula piena. Il tribunale aveva infatti sentenziato in base al principio «in dubio pro reo», ossia «nel dubbio (la decisione va) a favore dell'imputato», rilevando che non è compito di Minelli giustificare i suoi motivi altruistici, ma spetta all'accusa provare che abbia agito per motivi egoistici. «Il procuratore non ci è riuscito», aveva affermato il presidente della corte motivando l'assoluzione.

Minelli e la sua organizzazione erano accusati di aver agito a scopo di lucro in relazione alla morte di tre cittadine tedesche che si erano rivolte a Dignitas nel 2003 e nel 2010, incassando molto più del dovuto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 3 mesi fa su tio
Tra procura federale, questi qua, le storie del tribunale penale federale di Bellinzona e qualche scricchiolio che ogni tanto si sente arrivare da Losanna, c’è di che preoccuparsi...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BASILEA CITTÀ
4 ore
"Basilea senza nazisti", oltre 3'000 persone hanno sfilato per la città
Autorizzata delle autorità nonostante le norme anti-Covid, il corteo ha attirato parecchi manifestanti.
SVIZZERA
8 ore
Con l'inverno meteorologico arrivano anche i primi fiocchi
Martedì è attesa una prima spolverata di neve, in alcune zone anche a basse quote.
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
9 ore
Rapina in un ufficio postale, si cerca una coppia di rapinatori
L'auto usata per la fuga, rubata poco prima, è stata data alle fiamme
SVIZZERA
10 ore
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il partito punta a conquistare elettori, uscendo da una connotazione troppo cattolica. Sì anche alla fusione con il PBD
SVIZZERA
11 ore
«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»
Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione
SVIZZERA
12 ore
La sicurezza del vaccino? Non è negoziabile
La Svizzera, assicura Nora Kronig, non scenderà a compromessi
SVIZZERA
13 ore
L'edizione 2021 del Forum economico mondiale è in forse
Klaus Schwab spiega che la manifestazione avrà luogo solo in condizioni di assoluta sicurezza
SVIZZERA
14 ore
È morta la donna più anziana della Svizzera
«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato
SVIZZERA
15 ore
Scuole reclute da record nel 2021
«Sarà la più grande della storia recente» spiega il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli
SVIZZERA
15 ore
PPD, oggi si decide su nuovo nome e fusione con il PBD
L'assemblea dei delegati si svolge in modo decentrato a causa della pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile