Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
19.08.20 - 17:240
Aggiornamento : 18:26

Le misure per risparmiare non piacciono ai medici

«Questa limitazione della libera scelta del dottore può portare alla discriminazione dei pazienti con malattie croniche»

Alcune misure proposte dal Consiglio federale per risparmiare in ambito sanitario non vanno nella giusta direzione, secondo la Federazione svizzera dei medici (FMH), che in una prima reazione sostiene che esse avranno un «impatto negativo sulle cure». Scontenta anche l'associazione di assicuratori Curafutura, che parla di rischio di nazionalizzazione del sistema.

In base al pacchetto posto in consultazione oggi, tutti i cittadini dovranno scegliere un fornitore di servizi a cui rivolgersi in caso di problemi di salute, una sorta di punto d'accesso da cui passare: un medico di famiglia, uno studio medico o un centro di telemedicina. In poche parole non sarà più possibile correre direttamente da uno specialista.

Secondo la FMH, questa misura renderà più difficile trovare un medico di propria scelta in modo rapido e senza ostacoli. Questa limitazione della libera scelta del dottore può portare alla discriminazione dei pazienti con malattie croniche che dipendono da un rapporto a lungo termine tra paziente e medico, aggiunge la FMH in un comunicato.

La Federazione è inoltre preoccupata dalla possibilità di adottare misure correttive, come le riduzioni tariffarie, per evitare il superamento dei costi. Queste due misure avrebbero un impatto significativo sulla soddisfazione del paziente e sulla qualità dell'assistenza medica, rileva la FMH.

Curafutura teme "nazionalizzazione" - Secondo Curafutura, le misure proposta porterebbero alla «nazionalizzazione del sistema sanitario». La maggioranza dei suoi membri respinge l'introduzione di obiettivi di costo e di quantità per tutti i settori. In un comunicato, Curafutura afferma di ritenere più importante creare una maggiore trasparenza nell'evoluzione dei costi e incoraggiare lo sviluppo di modelli innovativi da parte degli assicuratori sanitari.

Scettica anche Santésuisse, l'altra grande associazione mantello degli assicuratori malattia. «La libertà di scelta dei pazienti è un valore centrale a cui non bisogna rinunciare con leggerezza», scrive in una nota odierna. Riguardo all'introduzione degli obiettivi, questi «non devono comportare un aumento della burocrazia e devono tenere sufficientemente conto degli interessi di chi paga i premi», sostiene Santésuisse.

Syna - In una nota il sindacato Syna afferma che la pressione supplementare peggiorerà ulteriormente la cattiva amministrazione del sistema sanitario. C'è già una carenza di personale e la maggior parte degli infermieri lascia la professione dopo qualche anno a causa delle cattive condizioni di lavoro, avverte. «Parlare oggi di misure di austerità nel sistema sanitario è cinico», secondo Migmar Dhakyel, segretario centrale di Syna. Al contrario, c'è bisogno di investimenti e di una ridistribuzione mirata ed equa dei fondi nel settore in un momento in cui la crisi del coronavirus è appena superata in Svizzera, scrive il sindacato. La pandemia ha dimostrato che è necessario tornare a un servizio pubblico forte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
2 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
4 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
4 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
SVIZZERA
6 ore
Divieto di sperimentazione sugli animali? Si rafforza il fronte dei contrari
Resta alto il consenso per l'iniziativa contro la pubblicità per il tabacco, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
FOCUS
GINEVRA/LUGANO
6 ore
Gli affari della "principessa" con un piede in Ticino
La figlia dell'ex dittatore kazako Nazarbayev ha dato nell'occhio, dopo le proteste nel paese d'origine
VALLESE
18 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SVIZZERA
19 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
20 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
21 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile