Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
19.08.20 - 12:150
Aggiornamento : 13:08

La ricetta di Berna per contenere i costi sanitari: «Si passerà da una prima consulenza»

Presentato il pacchetto di misure del Consiglio federale: si parla di un potenziale risparmio di un miliardo di franchi

Il Governo dà così seguito alla decisione di presentare un controprogetto indiretto all'iniziativa del PPD

BERNA - «L'aumento dei premi di cassa malati è una delle principali preoccupazioni degli svizzeri». Ecco dunque che il Consiglio federale propone l'adozione di un secondo pacchetto per frenare i costi della salute, come deciso nell'odierna seduta. Il potenziale di risparmio ammonta a circa un miliardo di franchi.

Questo pacchetto rappresenta un'importante modifica di legge, dopo che negli scorsi anni sono state attuate delle riforme più contenute. E il Consiglio federale dà così seguito alla sua decisione del 20 maggio 2020 di presentare un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare «Per premi più bassi – Freno ai costi nel settore sanitario (Iniziativa per un freno ai costi)» depositata dal Partito popolare democratico (PPD). «Il nostro obiettivo - spiega il consigliere federale Alain Berset, ministro della sanità - è di rendere più efficienti e convenienti le procedure nel settore sanitario, questo senza perdere qualità».

Basta prestazioni superflue - In sostanza l'obiettivo principale è di ridurre le prestazioni mediche superflue, mantenendo comunque la qualità delle cure. Questo attraverso una limitazione della libera scelta del medico. Tutti in Svizzera devono poter scegliere una prima consulenza cui rivolgersi per problemi di salute, ad esempio un medico di famiglia, uno studio medico HMO o un centro di telemedicina. Le prime consulenze consigliano i pazienti, dispensano loro direttamente prestazioni di cura o li indirizzano a specialisti. «I modelli assicurativi con scelta limitata dei fornitori di prestazioni, come quello del medico di famiglia, si sono dimostrati efficaci e sono oggi ampiamente accettati» afferma Berset. Per una minoranza degli assicurati (si parla del 30%) sarà necessario un cambiamento.

Più coordinamento - Una seconda misura per rafforzare la qualità dell’assistenza sanitaria sono le reti di cure coordinate, in cui sono riuniti specialisti di diverse professioni sanitarie che offrono assistenza medica da un unico centro. Ne approfittano soprattutto i pazienti affetti da diverse malattie croniche, quali il diabete, le cardiopatie e l’artrosi. Sono accompagnati professionalmente lungo tutta la catena delle cure. Oggi le numerose interfacce e le singole misure non strutturate sono causa di maggiori oneri e di errori medici.

Prezzo dei medicamenti - Il Consiglio federale intende inoltre garantire un accesso rapido e il più conveniente possibile ai medicamenti innovativi e costosi. Per questo la prassi già esistente di concludere accordi con le aziende farmaceutiche, i cosiddetti modelli di prezzo, dev’essere sancita nella legge. Tale prassi prevede per queste aziende l’obbligo di restituire una parte dei costi agli assicuratori. In particolare sono stabiliti modelli di prezzo con restituzioni sul prezzo, sui volumi d’affari o per mancanza di efficacia.

Un miliardo di franchi di risparmio - Il potenziale di risparmio ammonta a circa un miliardo di franchi, che corrisponde all'incirca a tre punti percentuali dei premi. Il maggiore contributo è costituito dall’obiettivo e dall’introduzione della prima consulenza. In base alle esperienze acquisite con diversi modelli assicurativi, dalla prima consulenza ci si attendono risparmi per diverse centinaia di milioni di franchi. «L’ effettivo contenimento dell’aumento dei costi dipenderà dall'attuazione delle misure» conclude il consigliere federale Berset.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
11 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
11 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
15 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
15 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
16 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
17 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
19 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile