Tipress (archivio)
SVIZZERA
18.08.20 - 11:040

Amnesty scrive a Berna: «Quanti contagi e decessi tra il personale sanitario?»

L'Ong intende chiedere al Governo una valutazione indipendente sulle conseguenze della pandemia e sulle misure adottate.

La lettera aperta, sostenuta anche da alcuni sindacati, sarà consegnato al Consiglio federale fra qualche settimana, dopo aver raccolto firme fra i professionisti del settore.

BERNA - Amnesty International (AI) chiede al Consiglio federale, in una lettera aperta, una valutazione indipendente sulle conseguenze della pandemia di coronavirus sul personale sanitario e sulle misure adottate in quest'ambito. Il testo sarà consegnato al governo fra qualche settimana, dopo aver raccolto firme fra i professionisti del settore.

Almeno 3'000 professionisti della salute nel mondo hanno pagato con la vita i loro sforzi per lottare contro il coronavirus e oltre 230'000 sono stati contagiati, scrive AI in un comunicato. «Molti hanno dovuto e devono ancora lavorare senza adeguati dispositivi di protezione e con salari bassi. In diversi Paesi, gli operatori sanitari che hanno criticato la gestione della crisi da parte del governo sono stati puniti, licenziati o addirittura incarcerati», ha dichiarato Pablo Cruchon, Coordinatore della campagna di Amnesty International Svizzera, citato nella nota.

Anche nella Confederazione gli operatori sanitari sono stati particolarmente esposti al virus e hanno dovuto dimostrare impegno e flessibilità in un contesto di crisi e incertezza senza precedenti. Non esistono però ancora dati affidabili sull'impatto della pandemia sul personale sanitario, necessari per individuare misure di protezione efficaci.

«Dobbiamo sapere quanti operatori sanitari hanno contratto il virus sul posto di lavoro e se le persone sono morte per questo. Tali dati dovrebbero anche stabilire la misura in cui il coronavirus è stato considerato una malattia professionale quando è stato contratto sul posto di lavoro e rivelare la natura del sostegno fornito alle persone infette», si afferma nella lettera aperta.

Nel testo, firmato anche dai sindacati dei servizi pubblici (VPOD) e UNIA e dall'Associazione svizzera degli infermieri (ASI), Amnesty chiede al Consiglio federale di commissionare una valutazione indipendente della crisi del coronavirus. Per migliorare le misure di protezione degli operatori sanitari in caso di una nuova ondata d'infezioni nel nostro Paese, è necessario sapere quale è stato finora l'impatto della pandemia e far luce sulla gestione della crisi, affermano. Data la sovra rappresentazione di donne e stranieri in queste professioni, la valutazione dovrebbe includere anche una prospettiva di genere e di origine.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
25 min
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
9 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
13 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
13 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
13 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
15 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
15 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
16 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
17 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
18 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile