Deposit
Sul tema si voterà il prossimo 27 settembre.
SVIZZERA
18.08.20 - 10:220
Aggiornamento : 11:06

Congedo paternità, gli oppositori scendono in campo

Un comitato composto da parlamentari UDC, PLR e PPD ha messo in guardia sugli oneri della proposta per le PMI.

«La Svizzera non ha i mezzi per offrire giorni supplementari di congedo a un numero ridotto di persone», hanno precisato gli oppositori durante la conferenza stampa di Berna.

BERNA - Un congedo paternità di due settimane finanziato dalla collettività sarebbe troppo costoso e rischioso. È quanto affermano gli oppositori all'oggetto in votazione popolare il 27 settembre. Un comitato composto da parlamentari UDC, PLR e PPD, sostenuto da GastroSuisse e dall'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (USAM), ha messo in guardia oggi contro nuovi oneri per le aziende.

La Svizzera non ha i mezzi per offrire giorni supplementari di congedo a un numero ridotto di persone, è stato spiegato in conferenza stampa a Berna. L'aumento delle deduzioni dai salari sembra esiguo, ma va ad aggiungersi a una lunga lista di misure che pesano sulle aziende.

Il testo in votazione prevede la concessione ai papà di un congedo di due settimane finanziato con indennità di perdita di guadagno. Dovrebbe essere preso entro sei mesi dalla nascita, non necessariamente tutto in una volta. Per due settimane sarebbero versate quattordici indennità giornaliere, per un importo massimo di 2'744 franchi.ai papà di un congedo di due settimane finanziato con indennità di perdita di guadagno. Dovrebbe essere preso entro sei mesi dalla nascita, non necessariamente tutto in una volta. Per due settimane sarebbero versate quattordici indennità giornaliere, per un importo massimo di 2'744 franchi.

Secondo Susanne Brunner, copresidente del comitato referendario e consigliera comunale UDC di Seefeld (ZH), questo congedo non risponde a un'esigenza di politica familiare. Le assicurazioni sociali sono state istituite per prevenire la povertà e le situazioni di emergenza. Ma la nascita di un bambino non provoca situazioni del genere per il padre, ha sostenuto.

La popolazione non ha i mezzi per sostenere gli elementi più deboli della società. Il congedo paternità imposto dallo Stato è una perversione del sistema di previdenza sociale, ha aggiunto Brunner.

Oltre ai costi diretti pari 230 milioni di franchi, il congedo paternità impone alle aziende costi indiretti aggiuntivi tra i 500 e i 900 milioni di franchi, secondo Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'USAM, riferendosi a uno studio commissionato dalla Confederazione. Molte aziende pagherebbero l'intero stipendio durante il congedo, mentre le Indennità di perdita di guadagno coprirebbero solo l'80%.

Le PMI non possono permetterselo né dal punto di vista finanziario né da quello manageriale, ha proseguito Bigler, sottolineando come le assenze aggiuntive siano problematiche. L'accumulo di assenze riduce la produttività dei dipendenti, ha rilevato, ricordando che la crisi causata dalla pandemia di Covid-19 ha aggravato la situazione.

Oltretutto, secondo i contrari l'intervento dello Stato è dannoso per le PMI. Le condizioni di lavoro sono responsabilità dei datori di lavoro e dei partner sociali, ha sostenuto la consigliera nazionale Diana Gutjahr (UDC/TG).

Il testo, adottato dal Parlamento, è un controprogetto indiretto all'iniziativa "Per un congedo di paternità ragionevole - a favore di tutta la famiglia", che chiede l'introduzione di quattro settimane di congedo. È stato ritirato a condizione che il controprogetto venga accettato in votazione, ed entri in vigore il 1° gennaio 2021. Il caso di bocciatura, il popolo dovrà esprimesi su un congedo di quattro settimane.

Secondo un sondaggio pubblicato venerdì scorso da Tamedia, l'oggetto gode di un ampio sostegno. Due terzi degli intervistati si sono detti favorevoli, mentre un terzo lo respinge. Il congedo è sostenuto da tutti i partiti, a eccezione dell'UDC. La maggioranza delle sezioni romande dell'UDC non ha però fornito il proprio sostegno: alcune si sono anzi dette favorevoli al testo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 3 mesi fa su tio
Io vorrei qualcosa di retroattivo per aver contribuito a frenare l’invecchiamento della popolazione, il buco contributivo dell’AVS ecc. ecc. Tutti problemi alle porte e di cui nessuno parla perché politicamente non rendono.
Meck1970 3 mesi fa su tio
Favorevole. Per l'estero o altro .... i miliardi ci sono sempre. Mentre per noi svizzeri ci sono solo fatture da pagare.
tartux 3 mesi fa su tio
Ipocriti, questo è il solo termine che mi viene in mente, quando si parla di farci andare a protezione civile, servizio civile o militare per anni tra scuola reclute e corsi ripetizione con lo stesso sistema la perdita di produttività delle aziende non esiste ma quando si parla di 2 settimane per una o due volte nella vita perché si ha un figlio si parla subito di perdita di soldi. Un vero peccato che si sia ritirata l’iniziativa delle 4 settimane 2 sono oscenamente poche!
albertolupo 3 mesi fa su tio
@tartux Perfettamente d’accordo!
Bacaude 3 mesi fa su tio
Personalmente non ho potuto usufruirne, sarei però molto favorevole. Si parla molto di famiglia ma a nessuno, UDC, PLR e aziende in testa, interessa realmente. Un congedo ai padri ha un impatto piuttosto limitato, riguarda poche persone e va nella direzione giusta per le politiche famigliari. Come se una puerpera non avesse bisogno di aiuto e sostegno da suo marito! Curiose poi queste aziende. Quando si tratta di prendere: aiuti, detassazioni, agevolazioni, prestiti, finanziamenti agevolati ecc (insomma soldi nostri mica di altri). tutte a piangere miseria e a chiedere allo Stato di intervenire. Quando si tratta di restituire un pò ecco che si invoca il libero mercato...
franco1956 3 mesi fa su tio
Assolutamente favorevole!
seo56 3 mesi fa su tio
Personalmente voto NO!
seo56 3 mesi fa su tio
Assolutamente contrario!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 min
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
20 min
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
31 min
Glencore, obietto emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
2 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
3 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
5 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
GRIGIONI
5 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
SVIZZERA
6 ore
4'382 contagi e 199 ricoveri in 24 ore
In Svizzera sono stati effettuati 27'425 tamponi, il 16% ha dato esito positivo.
GRIGIONI
8 ore
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
9 ore
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile