Keystone
BERNA
17.08.20 - 16:500

Famiglia indiana deve lasciare la Svizzera dopo 20 anni

Per il tribunale amministrativo i genitori non sono integrati e non hanno fatto abbastanza per ridurre i loro debiti.

La decisione tocca anche il figlio di 11 e la figlia di 16 anni (entrambi nati in Svizzera). Per quest'ultima c'è però ancora uno spiraglio.

BERNA - Una famiglia indiana, compresi i due figli nati in Svizzera, dovrà lasciare la Confederazione dopo 20 anni: lo ha stabilito il tribunale amministrativo bernese. Tuttavia, per la figlia 16enne c'è ancora uno spiraglio.

Il padre di famiglia, un 53enne giunto in Svizzera alla fine del 2000, per i primi dieci anni lavorava come project manager e consulente per diverse aziende. In questo periodo di tempo è però rimasto più volte in disoccupazione e nel 2009 ha fondato un'azienda, poi fallita solo pochi mesi dopo. Con il trascorrere del tempo ha provato a fondare altre imprese, senza successo: nel 2017 è stato condannato a una pena detentiva di 30 mesi parzialmente sospesa per, tra le altre cose, appropriazione indebita, bancarotta fraudolenta e cattiva gestione.

In seguito il Canton Berna ha rifiutato di prorogare il suo permesso di soggiorno e ha espulso la famiglia - composta da quattro persone - dalla Svizzera. La decisione delle autorità è ora confermata dal tribunale amministrativo bernese, che ha respinto l'appello della famiglia.

Secondo i giudici, nonostante il ventennio trascorso in Svizzera, i genitori non hanno dato prova d'integrazione. Inoltre, la coppia non ha fatto abbastanza sforzi per cercare di ridurre la loro montagna di debiti. La decisione tocca anche il figlio di 11 e la figlia di 16 anni, nati in Svizzera. La giovane adolescente, tuttavia, potrebbe ancora rimanere nella Confederazione.

In considerazione delle "circostanze particolari", il tribunale ritiene ipotizzabile che alla 16enne - la quale ha iniziato un corso di formazione professionale di tre anni nell'agosto 2019 - possa essere concesso un permesso di dimora autonomo, a condizione che siano garantiti sostegni e mezzi finanziari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Emmi aumenta le vendite nonostante il coronavirus
La borsa ha tuttavia reagito negativamente alle previsioni del risultato Ebit.
ARGOVIA
3 ore
Cadavere in riva alla Limmat, il sospettato ha confessato
Il 31enne fermato martedì avrebbe strangolato l'81enne trovato privo di vita lunedì.
SVIZZERA
3 ore
1'699 casi, 52 decessi e 94 ricoveri nelle ultime 24 ore
I tamponi eseguiti ieri sono stati 26'638. Il 6,4% di questi è risultato positivo al Covid-19.
GRIGIONI
4 ore
Frontale a Mulegns, in tre in ospedale
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi.
SVIZZERA
4 ore
Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere
L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.
GRIGIONI
6 ore
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
6 ore
Gestione della pandemia nel mondo: ecco dove si situa la Svizzera
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
7 ore
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
8 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
9 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile