Immobili
Veicoli
Keystone
BERNA
17.08.20 - 16:500

Famiglia indiana deve lasciare la Svizzera dopo 20 anni

Per il tribunale amministrativo i genitori non sono integrati e non hanno fatto abbastanza per ridurre i loro debiti.

La decisione tocca anche il figlio di 11 e la figlia di 16 anni (entrambi nati in Svizzera). Per quest'ultima c'è però ancora uno spiraglio.

BERNA - Una famiglia indiana, compresi i due figli nati in Svizzera, dovrà lasciare la Confederazione dopo 20 anni: lo ha stabilito il tribunale amministrativo bernese. Tuttavia, per la figlia 16enne c'è ancora uno spiraglio.

Il padre di famiglia, un 53enne giunto in Svizzera alla fine del 2000, per i primi dieci anni lavorava come project manager e consulente per diverse aziende. In questo periodo di tempo è però rimasto più volte in disoccupazione e nel 2009 ha fondato un'azienda, poi fallita solo pochi mesi dopo. Con il trascorrere del tempo ha provato a fondare altre imprese, senza successo: nel 2017 è stato condannato a una pena detentiva di 30 mesi parzialmente sospesa per, tra le altre cose, appropriazione indebita, bancarotta fraudolenta e cattiva gestione.

In seguito il Canton Berna ha rifiutato di prorogare il suo permesso di soggiorno e ha espulso la famiglia - composta da quattro persone - dalla Svizzera. La decisione delle autorità è ora confermata dal tribunale amministrativo bernese, che ha respinto l'appello della famiglia.

Secondo i giudici, nonostante il ventennio trascorso in Svizzera, i genitori non hanno dato prova d'integrazione. Inoltre, la coppia non ha fatto abbastanza sforzi per cercare di ridurre la loro montagna di debiti. La decisione tocca anche il figlio di 11 e la figlia di 16 anni, nati in Svizzera. La giovane adolescente, tuttavia, potrebbe ancora rimanere nella Confederazione.

In considerazione delle "circostanze particolari", il tribunale ritiene ipotizzabile che alla 16enne - la quale ha iniziato un corso di formazione professionale di tre anni nell'agosto 2019 - possa essere concesso un permesso di dimora autonomo, a condizione che siano garantiti sostegni e mezzi finanziari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
2 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
4 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
6 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
6 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
7 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
7 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
8 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
11 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
SVIZZERA
12 ore
«Un generale dell'elettricità? Non siamo in guerra»
SImonetta Sommaruga rifiuta l'idea proposta dall'UDC: «Ognuno si assuma le proprie responsabilità».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile