Keystone (archivio)
ZURIGO
14.08.20 - 12:150

«La sifilide? Non è stato Cristoforo Colombo a portarla in Europa»

Uno studio dell'Università di Zurigo "scagiona" il navigatore: «I batteri erano già presenti prima».

Il batterio è infatti stato rinvenuto nei campioni di DNA di alcuni scheletri risalenti all'inizio del Quattrocento.

ZURIGO - Non è stato Cristoforo Colombo a portare la sifilide in Europa, dall'America, o perlomeno non è il solo responsabile delle epidemie che si sono susseguite: i ricercatori dell'Università di Zurigo hanno trovato i batteri responsabili della malattia in scheletri europei risalenti all'inizio del XIV secolo.

Un team guidato da Verena Schünemann, paleogenetista dell'Università di Zurigo (UZH), ha identificato diverse sottospecie del batterio Treponema pallidum in campioni di DNA di quattro resti umani provenienti da Finlandia, Paesi Bassi ed Estonia, si legge in un comunicato diffuso ieri dalla stessa UZH. Sia la datazione molecolare che quella al carbonio-14 indicano che i reperti risalgono all'inizio del Quattrocento.

Proprio alla fine di quel secolo diventano anche noti i primi casi di sifilide, ragione per cui diversi scienziati hanno pensato a un'importazione dalle Americhe. Altri ritengono per contro che l'origine sia da ricercare nelle rotte commerciali verso l'Africa occidentale.

In uno studio ora pubblicato sulla rivista Current Biology i ricercatori hanno dimostrano che il predecessore di tutti i tipi conosciuti dei batteri risale ad almeno 2500 anni fa. L'ultimo antenato comune di tutti i ceppi di sifilide è da situare tra il XII e il XVI secolo. La diversità delle malattie causate dai batteri treponemici e la composizione del loro albero genealogico parlano piuttosto a favore di un'origine europea della sifilide. Secondo Schünemann, i viaggi di Colombo non possono essere l'unica causa delle epidemie.

Descritta già alla fine del XV secolo, la sifilide è un'infezione sessualmente trasmissibile presente in Europa da secoli. Solo con l'avvento degli antibiotici, all'inizio degli anni 40, è stato possibile curarla con successo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
4 ore
«Non posso lasciare morire mio figlio»
Danyar ha una rara malattia ereditaria. I medici gli hanno dato tre anni di vita. Ma c'è una possibilità di salvezza.
SVIZZERA
5 ore
La "puntura svizzera" ci guarirà dal Covid?
Il trattamento made in Switzerland finanziato da Novartis: al via la fase di test clinici
VALLESE
9 ore
Incidente aereo: «È stato impressionante»
Tragedia sfiorata oggi pomeriggio in Vallese. E le foto sono a dir poco suggestive
SVIZZERA
10 ore
Il virus rende difficili le vacanze invernali
Il settore turistico elvetico è confrontata con un calo delle prenotazioni: -19% a Natale e -18% a febbraio
SVIZZERA / MONDO
11 ore
Ne uccide di più la sigaretta che il virus
Lo rivela la Lega Polmonare Ticinese nel mese della prevenzione e della promozione della salute polmonare.
ZURIGO
11 ore
Incriminato per un delitto di 23 anni fa
Già in prigione per una brutale rapina, l'uomo dovrà rispondere dell'uccisione di una 87enne a Küsnacht.
FRIBURGO
12 ore
«I residenti sono sempre più depressi e si lasciano morire»
Il grido d'allarme è stato lanciato dalle EMS del canton Friburgo.
ZURIGO
12 ore
A incendiare la chiesa è stato un 15enne
Il minore è stato arrestato. Danni per decine di migliaia di franchi
SVIZZERA
12 ore
Berset ricattato, inchiesta sull'Mpc
L'autorità di vigilanza vuole capire se la Procura federale ha agito correttamente
SVIZZERA
14 ore
Il Covid-19 rallenta pure l'HIV
Con la chiusura di club e bar, ad esempio, le persone hanno avuto meno possibilità di incontrarsi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile