Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
14.08.20 - 08:120
Aggiornamento : 11:29

Eventi con più di 1'000 persone? «Acceleriamo la seconda ondata»

Dalla Romandia si alza la voce di medici ed esperti. «Aggiungere grandi riunioni è un rischio significativo»

«Non so se si debba parlare di seconda ondata o di una "piccola ondata", ma a livello epidemiologico sta succedendo qualcosa e siamo preoccupati»

BERNA - La decisione del Consiglio federale di autorizzare nuovamente manifestazioni con oltre 1'000 persone dal primo ottobre è fonte di preoccupazione per gli ambienti sanitari romandi, che chiedono misure restrittive.

«Osserviamo un lento ma inesorabile aumento delle infezioni e dei focolai epidemici in Svizzera. Le misure adottate nelle ultime settimane permettono di limitarle, ma non di bloccarle», dichiara Philippe Eggimann, presidente della Società medica della Svizzera romanda in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano friburghese La Liberté e dai suoi giornali partner. «Non è ragionevole aumentare i rischi di trasmissione», aggiunge.

A suo avviso, l'abolizione della restrizione a 1'000 del numero di partecipanti a eventi «mette potenzialmente in pericolo» la tracciabilità dei contatti. «Se perdiamo questa capacità, acceleriamo l'entrata in una vera e propria seconda ondata» epidemica, ammonisce.

Negli ultimi due giorni è stata superata la soglia dei 200 nuovi contagi in 24 ore, indicano i dati pubblicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Eggimann fa anche osservare che la ripresa delle lezioni scolastiche e il ritorno al lavoro dopo le vacanze estive aumenterà le interazioni sociali, con il rischio di esposizione al virus SARS-CoV-2, il patogeno che determina l'insorgenza della malattia Covid-19. «In questo contesto, aggiungere riunioni con più di 1'000 persone è un rischio significativo».

Il Canton Ginevra, il più colpito dalla pandemia, sta valutando ulteriori misure restrittive. «Attualmente si possono organizzare eventi per un massimo di 1'000 persone. Sono troppe. Stiamo pensando di abbassare questo limite», dice il medico cantonale ginevrino Aglaé Tardin, intervistata dalla Tribune de Genève. «Non so se si debba parlare di una seconda ondata o di una "piccola ondata", ma a livello epidemiologico stiamo osservando che sta succedendo qualcosa e siamo preoccupati», aggiunge.

Il divieto di apertura di locali notturni, discoteche, sale da ballo e cabaret imposto dalle autorità ginevrine alla fine di luglio ha portato a un leggero calo dei casi, ma «le misure attuali non sono sufficienti», sottolinea.

Tardin auspica che gli sforzi siano concentrati sui principali luoghi di contaminazione, ossia famiglia, bar, ristoranti e feste private. «Il Consiglio di Stato comunicherà su questo tema la settimana prossima», annuncia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
3 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
3 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
SVIZZERA
6 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
7 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
8 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
10 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
10 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
10 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile