UPI
SVIZZERA
13.08.20 - 10:450

Adnan, Julien e Marco affrontano velocità, alcol e stanchezza alla guida

L'UPI realizza tre video per sensibilizzare i giovani tra i 18 e i 24 anni. La discussione è aperta a scuola

Scarsa esperienza, propensione al rischio e influenza dei coetanei. Sono questi i motivi più frequenti alla base degli incidenti stradali di cui sono vittime i giovani tra i 18 e i 24 anni. Incidenti che sono 2,5 volte più frequenti rispetto a quanto accade nella fascia d'età 25-64 anni.

Nel 2019 sono 290 i giovani conducenti rimasti gravemente feriti. Anche se, negli ultimi dieci anni, il numero si è fortunatamente dimezzato. Nel 2009 erano infatti 612. Dell'attività di prevenzione sistematiche hanno beneficiato i giovani automobilisti (-71%), i ciclisti (-41%) e i motociclisti (-39%).

Secondo Thomas Kramer, consulente Comportamento nel traffico all’UPI, «i giovani adulti assumono più spesso comportamenti a rischio, perché cercano attestazioni di stima, vogliono profilarsi o si mettono in competizione».

L'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) ha realizzato tre video interattivi per sensibilizzare i giovani e alimentare la discussione a scuola (scuole medie superiori, scuole professionali). In ogni video gli allievi possono prendere quattro decisioni che influenzano il resto della storia e la sorte dei protagonisti. Questi ultimi sono confrontati con le tre cause d’incidente più frequenti: Adnan con la velocità, Julien con l’alcol e Marco con la stanchezza. I video fanno riferimento a fatti realmente accaduti e sono stati realizzati in collaborazione con dei giovani.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
3 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
4 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
4 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
18 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
22 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
23 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
1 gior
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile