Archivio Keystone
SVIZZERA
10.08.20 - 09:410

«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»

Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria

ZURIGO - Le visite nelle case per anziani vanno favorite, non proibite: lo sostiene il presidente della Società professionale svizzera di geriatria (SPSG) Andreas Stuck, che preme con forza affinché le persone in là con gli anni non siano isolate dalla società a causa del coronavirus.

«Il modo in cui devono essere affrontate le visite deve essere regolamentato a livello nazionale», afferma il dottore in un'intervista pubblicata oggi dalle testate di Tamedia. «Non è accettabile che in un cantone o addirittura in alcuni comuni viga un divieto assoluto, mentre in altri la questione sia gestita in modo diverso. È ancora meno accettabile che gli istituti vengano lasciati a sé stessi e che ciascuno stabilisca le proprie regole. Questo non lo capisce nessuno. Abbiamo bisogno di linee guida chiare e nazionali».

All'inizio della pandemia, quando il paese non era preparato, il divieto di visita era giusto. «Ma ora possiamo basarci sull'esperienza acquisita e procedere gradualmente. Una proibizione per un lungo periodo di tempo è in ogni caso impensabile", afferma il medico. Le visite "vanno non solo rese possibili, ma anche favorite».

La mancanza di contatti è infatti particolarmente negativa per gli anziani e va evitata, attraverso un piano di protezione da istituire a livello nazionale. In primo luogo deve essere disponibile il materiale di protezione (mascherine e altro), secondariamente questi strumenti devono essere impiegati correttamente (il personale va formato) e, terzo punto, devono essere disponibili spazi per isolare le persone ammalate di Covid-19, che vanno adeguatamente curate.

«Gli anziani nelle case di riposo dovrebbero essere in grado di mantenere i contatti sociali e rimanere attivi nonostante il coronavirus», riassume l'esperto. «Il mio messaggio è che gli ospiti non devono essere isolati dalla società e dalle loro attività quotidiane».

A chi è nella terza età e vive magari da solo in casa propria, il dottore suggerisce i contatti personali, le telefonate, le videochiamate, ma anche l'attività fisica quando possibile in gruppo. «Tuttavia non posso veramente consigliare alle persone anziane e alle persone con disabilità motorie di tornare a fare acquisti nei negozi, fino a quando non vi sarà l'obbligo d'indossare mascherine».

Secondo Stuck attualmente i cantoni dovrebbero rendere obbligatorio l'uso delle protezioni facciali nei punti di vendita. «È stato dimostrato nel caso del trasporto pubblico: non funziona su base volontaria, ma quasi tutti seguono le regole». Si tratta di limitarsi un po' tutti, per permettere agli anziani di andare a fare la spesa tranquillamente: un contratto intergenerazionale, conclude il dottore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Covid: il 20% dei positivi non presenta sintomi
È la conclusione a cui è giunto uno studio effettuato all'Università di Berna.
BERNA
4 ore
Gas lacrimogeni e getti d'acqua, la polizia interviene a Berna
Una manifestazione in Piazza federale, e un'altra che vi si è aggiunta: la polizia ha avuto un pomeriggio di fuoco
BELLINZONA
5 ore
Processo FIFA: l'accusa chiede 36 mesi per Valcke
Con la possibilità di sospenderne una parte con la condizionale, con lui alla sbarra Nasser Al-Khelaifi e Joel Pahud
SVIZZERA
7 ore
Easyjet Svizzera, buona estate nonostante il virus
Il direttore generale Jean-Marc Thévenaz si aspetta che le tariffe aeree possano scendere
SVIZZERA / EUROPA
8 ore
Mega-fusioni bancarie in vista? «Ci stiamo preparando»
Secondo Sergio Ermotti sono ormai «inevitabili».
SVIZZERA
8 ore
I premi salgono ancora, purtroppo
Cassa malati, in Ticino aumento sopra la media svizzera. Nel 2021 in arrivo altri rincari
SVIZZERA
9 ore
Altre 286 infezioni, 14 ricoveri e 3 decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 50'664. Le vittime sono almeno 1'773.
BERNA
10 ore
Piazza federale, "no" del Consiglio nazionale allo sgombero
«La Camera del popolo non è responsabile di quanto avviene a Berna. Spetta a Città e Cantone»
SVIZZERA
10 ore
Il pensionamento anticipato è un miraggio
Le riduzioni della rendita per il resto della vita pesano sull'economia familiare e in futuro sarà ancora peggio
SVIZZERA
12 ore
Il lato salutare del lockdown
I dati in possesso della Suva evidenziano un calo degli infortuni, soprattutto nel tempo libero, fra marzo e maggio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile