Archivio Keystone
SVIZZERA
10.08.20 - 09:410

«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»

Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria

ZURIGO - Le visite nelle case per anziani vanno favorite, non proibite: lo sostiene il presidente della Società professionale svizzera di geriatria (SPSG) Andreas Stuck, che preme con forza affinché le persone in là con gli anni non siano isolate dalla società a causa del coronavirus.

«Il modo in cui devono essere affrontate le visite deve essere regolamentato a livello nazionale», afferma il dottore in un'intervista pubblicata oggi dalle testate di Tamedia. «Non è accettabile che in un cantone o addirittura in alcuni comuni viga un divieto assoluto, mentre in altri la questione sia gestita in modo diverso. È ancora meno accettabile che gli istituti vengano lasciati a sé stessi e che ciascuno stabilisca le proprie regole. Questo non lo capisce nessuno. Abbiamo bisogno di linee guida chiare e nazionali».

All'inizio della pandemia, quando il paese non era preparato, il divieto di visita era giusto. «Ma ora possiamo basarci sull'esperienza acquisita e procedere gradualmente. Una proibizione per un lungo periodo di tempo è in ogni caso impensabile", afferma il medico. Le visite "vanno non solo rese possibili, ma anche favorite».

La mancanza di contatti è infatti particolarmente negativa per gli anziani e va evitata, attraverso un piano di protezione da istituire a livello nazionale. In primo luogo deve essere disponibile il materiale di protezione (mascherine e altro), secondariamente questi strumenti devono essere impiegati correttamente (il personale va formato) e, terzo punto, devono essere disponibili spazi per isolare le persone ammalate di Covid-19, che vanno adeguatamente curate.

«Gli anziani nelle case di riposo dovrebbero essere in grado di mantenere i contatti sociali e rimanere attivi nonostante il coronavirus», riassume l'esperto. «Il mio messaggio è che gli ospiti non devono essere isolati dalla società e dalle loro attività quotidiane».

A chi è nella terza età e vive magari da solo in casa propria, il dottore suggerisce i contatti personali, le telefonate, le videochiamate, ma anche l'attività fisica quando possibile in gruppo. «Tuttavia non posso veramente consigliare alle persone anziane e alle persone con disabilità motorie di tornare a fare acquisti nei negozi, fino a quando non vi sarà l'obbligo d'indossare mascherine».

Secondo Stuck attualmente i cantoni dovrebbero rendere obbligatorio l'uso delle protezioni facciali nei punti di vendita. «È stato dimostrato nel caso del trasporto pubblico: non funziona su base volontaria, ma quasi tutti seguono le regole». Si tratta di limitarsi un po' tutti, per permettere agli anziani di andare a fare la spesa tranquillamente: un contratto intergenerazionale, conclude il dottore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
9 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
13 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
14 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
14 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
15 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
16 ore
È ufficiale: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
16 ore
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
17 ore
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
17 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile