keystone-sda.ch / STF (Thibault Camus)
LIBANO / SVIZZERA
09.08.20 - 16:480

Beirut, la Svizzera ci mette almeno 4 milioni di franchi

L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza

BEIRUT / BERNA - La Svizzera ha annunciato oggi un contributo di almeno 4 milioni di franchi per sostenere direttamente la popolazione libanese colpita dalla devastante esplosione al porto di Beirut. Questi aiuti andranno in particolare a favore delle classi più vulnerabili. Lo ha indicato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

I mezzi umanitari e di sviluppo sono destinati ai settori della costruzione, dei rifugi e della sanità, ha precisato all'agenzia Keystone-ATS il DFAE.

Nel corso della videoconferenza dei Paesi donatori, organizzata su invito del presidente francese Emmanuel Macron e del Segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, la Confederazione era rappresentata dal Delegato per l'aiuto umanitario del Consiglio federale, Manuel Bessler.

Esperti sul posto - L'ambasciatrice svizzera a Beirut, Monika Schmutz, aveva annunciato venerdì che Berna non avrebbe distribuito aiuti finanziari al governo libanese, bensì alla Croce Rossa del paese levantino. Si teme infatti che il governo, considerato corrotto, possa utilizzare i fondi per altri scopi.

La Svizzera, già prima della tragica esplosione al porto di Beirut, era uno dei Paesi donatori più importanti del Libano. Ora non intende abbandonare il Paese al suo destino, aveva sottolineato l'ambasciatrice.

Berna ha già inviato in Libano squadre specializzate nell'aiuto umanitario. Due team di esperti in ingegneria e architettura, uno di specialisti in materie pericolose e una equipe di esperti del settore medico sono già sul terreno. Lavorano in stretta coordinazione con i partner libanesi ed internazionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO GALLERY
SVIZZERA
3 ore
Incidenti e feriti: la Svizzera ancora sott'acqua
Il maltempo colpisce duro oltre Gottardo. Stazioni e negozi allagati, i pompieri lavorano senza sosta
SVIZZERA
7 ore
«Sui grandi eventi tante domande restano aperte»
La Taskforce Cultura si aspetta chiarezza su chi debba sostenere i costi per le infrastrutture dei test.
SVIZZERA
8 ore
«Ci aspettiamo una nuova ondata tra i non vaccinati»
Berset dopo l'incontro con i direttori cantonali della sanità: «La situazione è da tenere sotto controllo»
SVIZZERA
9 ore
La pandemia ha pesato di più sulle persone con un reddito basso
A sottolinearlo è un nuovo studio commissionato dalla Confederazione ed effettuato durante la prima ondata.
SVIZZERA
9 ore
Un anno di SwissCovid
Era il 25 giugno 2020 quando l'applicazione di tracciamento elvetica venne messa a disposizione della popolazione.
SVIZZERA
10 ore
Finisce la lezione e sparisce una sostanza radioattiva
Un campione di radio-226 è stato sottratto in una classe liceale che stava effettuando degli esperimenti.
SVIZZERA
11 ore
Contagi settimanali in calo del 47%
In sette giorni nel nostro paese sono stati registrati 1'235 casi. La variante Delta è al 3,8%
SVIZZERA
12 ore
Ci sono dieci vittime in più (ma non di oggi), i casi sono 120
Il totale degli ospedalizzati sale di 52, ma 40 provengono da registrazioni tardive. Il consueto bollettino dell'Ufsp
ZURIGO
14 ore
Colpo esplosivo a un bancomat di Eglisau
Nella notte i malviventi hanno preso di mira l'apparecchio, facendo saltare l'intera struttura in cui era installato
FOTO
SVIZZERA
14 ore
È il momento di dissotterrare le mutande mangiucchiate
In primavera Agroscope aveva chiesto d'interrarle in giardini e prati per valutare lo stato di salute del suolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile