Immobili
Veicoli
Keystone
Il velivolo si schiantò sul Piz Segnas, sopra a Flims, il 4 agosto del 2018
BERNA
09.08.20 - 10:500

Schianto dello Ju-52: Berna vuole vederci chiaro

L'autorità per l'aviazione olandese è stata incaricata d'indagare sull'incidente e su eventuali manchevolezze dell'UFAC.

BERNA - La Confederazione vuole far luce sulle critiche mosse all'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) dopo l'incidente aereo dello Ju-52 precipitato nel 2018 nei Grigioni, con un bilancio di 20 morti. Per farlo ha affidato il compito d'indagare all'NLR, l'istituto nazionale olandese competente per l'aerospazio.

La decisione è stata presa sulla base delle critiche mosse ai funzionari bernesi da parte del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) nel rapporto - non ancora pubblicato - sull'incidente, ha indicato a Keystone-ATS un portavoce del Dipartimento federale dei trasporti (DATEC), confermando una notizia pubblicata della SonntagsZeitung.

L'indagine dovrà riguardare anche aspetti sistemici della sorveglianza che vanno oltre il caso concreto, ha aggiunto l'addetto stampa. Il risultato dell'inchiesta è atteso per la primavera del 2021.

Il DATEC non ha voluto prendere posizione sulle critiche mosse all'UFAC, non volendo anticipare le conclusioni del rapporto SISI, la cui bozza è attualmente in fase di consultazione. La pubblicazione del questo documento è prevista nel mese di ottobre.

Il 4 agosto 2018 un vecchio trimotore Ju-52 si era schiantato al suolo presso il Piz Segnas, sopra Flims (GR). Tutti gli occupanti del velivolo, tre membri dell'equipaggio e 17 passeggeri, avevano perso la vita. L'apparecchio era uno Ju-52 del 1939 - modello noto con il nome di "Tante Ju" (Zia Ju) - immatricolato HB-HOT. L'aereo era decollato dall'aerodromo di Locarno-Magadino ed era diretto a Dübendorf (ZH).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
7 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
BERNA
13 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
14 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
SVIZZERA
15 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
16 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
16 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
SVIZZERA
18 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
19 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
21 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile