Tipress (archivio)
SVIZZERA
07.08.20 - 13:060

Più di 11'000 firme per accogliere i rifugiati eritrei

La petizione chiede di mettere fine alla politica restrittiva nei loro confronti.

Secondo l'organizzazione cristiana contro la tortura non ci dovrebbero essere negoziati per un accordo di riammissione finché la situazione dei diritti umani nel Paese africano non migliora.

BERNA - Una petizione munita di 11'200 firme chiede di mettere fine alla politica restrittiva in materia di asilo nei confronti dei rifugiati eritrei. La Svizzera viene esortata a rispettare la Convenzione dell'ONU contro la tortura e a concedere loro perlomeno un'accoglienza provvisoria.

Finché la situazione dei diritti umani in Eritrea non migliora, non ci dovrebbero esserci negoziati per un accordo di riammissione, scrive oggi in una nota l'organizzazione cristiana contro la tortura (ACAT, acronimo di "Aktion der Christen für die Abschaffung der Folter"). ACAT Svizzera è all'origine della petizione che sarà consegnata giovedì prossimo alla Cancelleria federale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
RV50 concoprdo pienamente con quanto ha scritto.Bello é fare i grandi coi soldi degli altri.
RV50 3 mesi fa su tio
Questa organizzazione oltre alla raccolta firme si prenda anche a carico di chi arriva; vitto alloggio cassa malati ; a questo punto se ne può discutere bello fare i benevoli con i soldi dei cittadini .....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
10 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
14 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
14 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
16 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
16 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
16 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
18 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
19 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile